Numero di Richardson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il numero di Richardson (Ri) è un gruppo adimensionale utilizzato in fluidodinamica e in idrodinamica che esprime il rapporto tra l'energia potenziale e l'energia cinetica di un fluido o tra forze di galleggiamento e forze inerziali,[1] misurando così l'importanza dell'effetto gravitazionale sul moto dei fluidi.

Porta il nome del fisico inglese Lewis Fry Richardson (1881-1953).

Definizione matematica[modifica | modifica wikitesto]

È definito come:

dove:

  • g rappresenta l'accelerazione di gravità;
  • L è una lunghezza caratteristica del fenomeno considerato;
  • u è una velocità caratteristica del fenomeno considerato.

Correlazione con altri numeri adimensionali[modifica | modifica wikitesto]

Può essere anche espresso in funzione del più noto numero di Froude interno:[1]

in cui Fri è il numero di Froude interno.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Viene spesso utilizzato nello studio dei liquidi nel caso di una forte stratificazione della colonna di fluido. Infatti per Ri>1 la stratificazione è molto forte, di conseguenza qualsiasi perturbazione viene smussata e la turbolenza non ha modo di evolvere.

Interpretazione fisica[modifica | modifica wikitesto]

Se il numero di Richardson è molto minore di uno, gli effetti gravitazionali risultano essere trascurabili. Se Ri è invece molto superiore dell'unità gli effetti gravitazionali sono predominanti e quindi l'energia cinetica è insufficiente per "omogeneizzare" il fluido.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]