Museo storico dei vigili del fuoco di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo storico dei vigili del fuoco di Milano
Coat of Arms of the Vigili del Fuoco.svg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoVia Messina 35-37
Caratteristiche
TipoScienza, Tecnica
FondatoriUgo Penné
Apertura1912

Il Museo storico dei vigili del fuoco di Milano raccoglie cimeli, automezzi, attrezzature, divise, documenti che raccontano 200 anni di storia del 52º corpo dei vigili del fuoco di Milano. Fu fondato nel 1912, in occasione del centenario del Corpo, dal comandante Ugo Penné, con lo scopo di addestrare ed educare le nuove reclute. In seguito è diventato luogo di studio e ricerca. Il museo superò indenne i bombardamenti del '43 e le pompe a vapore, trainate dai cavalli, furono riportate in servizio per estinguere gli incendi causati dagli spezzoni incendiari sganciati dai bombardieri nemici.

Alla fine del II conflitto mondiale, le collezioni furono ampliate e vennero coinvolti nelle operazioni, i vigili del fuoco in pensione, che restaurarono i pezzi danneggiati o ricostruirono quelli introvabili. I cimeli trovarono degno luogo di esposizione nel 1956 nei locali dedicati proprio a questo scopo all'interno della nuova caserma centrale di via Messina.

La struttura attuale che accoglie il museo, rinnovata nel 1998, ospita fra i cimeli più importanti un'autopompa dell'Isotta Fraschini risalente agli anni '30 e la splendida vettura da incendio Bianchi S9, insieme a tutte le uniformi del corpo, a partire da quelle del periodo comunale, fino ai giorni nostri. Inoltre si possono vedere: un'ambulanza trainata a mano, gli antichi respiratori per proteggersi dal fumo, il polmone d'acciaio trasportabile per soccorrere i sommozzatori durante gli interventi, un antico posto telefonico che smistava le chiamate d'emergenza ai vari mezzi a disposizione, oltre ad una postazione telegrafica con un cassettone contenente i cartellini di tutte le vie di Milano e i percorsi più veloci che i mezzi potevano percorrere.


Altre info su www.museovvfmilano.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marghereti G. Luca, 1001 cose da vedere a Milano almeno una volta nella vita, Newton Compton 2010.