Museo archeologico di Delfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo archeologico di Delfi
Museuarqueologicodelfos.jpg
Ubicazione
Stato Grecia Grecia
Località Delfi
Indirizzo Τ.Κ. 33054
Caratteristiche
Tipo Archeologia classica
Fondatori Andreas Syngros
Apertura 1903
Sito web

Coordinate: 38°28′48.36″N 22°29′58.92″E / 38.4801°N 22.4997°E38.4801; 22.4997

Il Museo archeologico di Delfi (in lingua greca: Αρχαιολογικό Μουσείο Δελφών) è un'istituzione museale a carattere archeologico, ospita gli antichi reperti che sono stati trovati nell'area archeologica ellenica, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Storia del museo[modifica | modifica wikitesto]

Gli scavi sul sito di Delfi vennero avviati nel 1889 da parte dell'École française d'Athènes, che ancora oggi se ne occupa e pubblica i nuovi ritrovamenti nel bollettino Fouilles de Delphes (FD).

La collezione[modifica | modifica wikitesto]

L'auriga

Nel museo sono raccolte le opere d'arte ritrovate negli scavi. Fra esse spicca la statua della Sfinge dei Nassi, in origine posta in cima a una colonna, la statua bronzea dell'auriga di Delfi, l'omphalos marmoreo, raffigurante l'ombelico del mondo, la statua del pugile Agias e la statua marmorea di Antinoo, di epoca romana. Molteplici i reperti di offerte votive: elmi, armi, vasi, monete, statuette e gioielli, che testimoniano secoli ininterroti di culto al dio di Delfi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN145993304 · GND: (DE5245755-2