Cinghiale di Erimanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ercole e il Cinghiale di Erimanto (1634), di Francisco de Zurbarán, conservato al Prado di Madrid.
Eracle porta a Euristeo il cinghiale di Erimanto (vaso greco del 550 a.C. ca.).

Nella mitologia greca, il cinghiale di Erimanto (in greco antico: ὁ Ἐρυμάνθιος κάπρος; in latino: aper Erymanthius) era un poderoso e ferocissimo esemplare di suide che viveva sul monte Erimànto e che terrorizzava tutta la regione.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il racconto, Ercole riuscì eroicamente a catturarlo morto per poi essere sgridato da Euristeo,cosi, per la paura, si nascose in una botte.[1]

La sua cattura fu la quarta delle dodici fatiche di Ercole.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca