Cercione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cercione
Kylix Aisón Teseo (M.A.N. Madrid) 06.jpg
Teseo lotta con Cercione (kylix del V secolo a.C.)
Nome orig. Κερκύων
Epiteto "coda di cinghiale"
Sesso Maschio
Luogo di nascita Mileto
Professione Re di Eleusi

Cercione (in greco antico: Κερκύων, Kerkyon) è un personaggio della mitologia greca.

Sulla sua discendenza ogni autore ne da una versione diversa poiché Pausania scrive che sia figlio di Poseidone e di una della figlie di Anfizione[1], Apollodoro cita come padre Branco ed Argiope come madre[2], infine Igino da come padre Efesto[3].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

La figlia di Cercione, Alope, fece l'amore con Poseidone (o ne fu stuprata, a seconda delle versioni) e diede alla luce Ippotoo. Cercione allora, per vendicare l'onta la seppellì viva[4], ma Poseidone la salvò trasformandola nell'omonima sorgente che sgorga nei pressi di Eleusi[5].

Re di Eleusi e dotato di un'enorme forza fisica, aveva l'abitudine di appostarsi sulle strade nei dintorni di Eleusi e sfidare i passanti a lottare con lui. Cercione prometteva di cedere il proprio regno a chiunque l'avesse battuto, ma le sfide si concludevano invariabilmente con la sconfitta e la morte dei malcapitati viaggiatori. Alla fine l'eroe Teseo riuscì ad avere la meglio su di lui e lo uccise impadronendosi del trono di Eleusi[6][7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca