Movimento ecclesiale di impegno culturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Movimento ecclesiale di impegno culturale
AbbreviazioneMEIC
Fondazione1932-1933
FondatoreIgino Righetti
ScopoMediazione coerente tra fede e storia
Sito web

Il Movimento ecclesiale di impegno culturale, indicato con l'acronimo MEIC, è l'associazione cattolica laicale erede del Movimento laureati di azione cattolica fondato nel 1932. È stato uno dei capisaldi della formazione degli intellettuali cattolici italiani del Novecento ed ancora oggi è attivo nella formazione alla politica ed alla responsabilità civile ed ecclesiale delle coscienze dei docenti e dei professionisti cattolici.

Attualmente si configura come movimento esterno dell'Azione Cattolica, la più antica, ampia e diffusa tra le associazioni cattoliche laicali d'Italia, alla quale è legato per storia e cultura e della quale vuole essere voce e riferimento nel mondo della cultura, nel mondo accademico e delle professioni.

Secondo il dettato dello Statuto, il MEIC si caratterizza anzitutto per "impegno culturale di ricerca e di discernimento critico nonché di attenzione alle istanze storiche socialmente più rilevanti, per collaborare a una mediazione coerente tra fede e storia".[1] Fu membro fondatore e oggi è tra le aggregazioni più vivaci di Pax Romana ICMICA, associazione internazionale di professionisti ed intellettuali cattolici a cui aderiscono federazioni locali, gruppi ed individui, fondata a Roma nel 1947.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Battista Montini (papa Paolo VI)

Il movimento venne fondato nel 1932-1933 con il nome di Movimento laureati di Azione cattolica, ad opera di Igino Righetti (già presidente nazionale della FUCI) e con il decisivo impulso di Giovanni Battista Montini (futuro papa Paolo VI) per salvaguardare e perfezionare la formazione ricevuta dai giovani universitari cattolici nelle file della FUCI. Nei suoi primi anni si adoperò in una disputa ideologica con il fascismo e le sue istituzioni.[2] E fu richiesta la sua soppressione da parte dei giornali fascisti perché, si diceva, queste organizzazioni erano dirette dagli antichi leader del Partito Popolare. Ad esso appartenevano i laureati del noto gruppo di cattolici, tra cui ad esempio Aldo Moro, che si riunì a Camaldoli per scrivere proposte per la ricostruzione dell'Italia note come il Codice di Camaldoli. Negli anni il Movimento è stato protagonista della storia ecclesiale e civile del Paese, un punto di riferimento fondamentale per il mondo culturale cattolico, “un'avanguardia missionaria per il mondo della cultura e delle professioni” (Giovanni Paolo II). Le sue iniziative sono state veicolo della cultura e della teologia europea in Italia ed il Movimento è stato soprattutto un serbatoio fondamentale per la «classe dirigente» cattolica alla guida dell'Italia. Basti pensare che tra le sue fila si sono formati, tra gli altri, politici del calibro di Aldo Moro, Giulio Andreotti, Giuseppe Lazzati, Giorgio La Pira, Giuseppe Dossetti. Più di recente, anche il ministro della Salute, Renato Balduzzi, è stato presidente del Meic.

L'attuale denominazione risale al 1980.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento ha un'articolazione organizzativa che si sviluppa su quattro livelli: ambito locale, diocesano, regionale e nazionale.[3]

Coscienza è la rivista bimestrale del MEIC.

Personalità significative[modifica | modifica wikitesto]

Possono citarsi alcuni dei nomi più famosi di quella parte significativa del ceto intellettuale, politico ed ecclesiale italiano che ha avuto prima nella FUCI e poi nel Movimento laureati cattolici la propria formazione spirituale e culturale:

Personalità della cultura

Luigi Accattoli, Giorgio Armillei, Teresa Bartolomei, Franco Bassanini, Giovanni Benzoni, Giovanni Bianco, Alberto Bobbio, Vittore Branca, Stefano Brogi, Vincenzo Cappelletti, Francesco Paolo Casavola, Giorgio Campanini, Sandro M.Campanini, Stefano Ceccanti, Giuseppe Croce, Marco Demarie, Luca Diotallevi, Leopoldo Elia, Nuccio Fava, Francesco Luigi Ferrari, Piergiorgio Frassati, Pietro Giordano, Paolo Giuntella, Giovanni Guzzetta, Marco Ivaldo, Sandro Magister, Alberto Marvelli, Carlo Alfredo Moro, Michele Nicoletti, Fabrizio Onida, Valerio Onida, Enrico Peyretti, Igino Righetti, Marco Rizzi, Luca Rolandi, Gianluca Salvatori, Salvatore Vassallo.

Politici

Giulio Andreotti, Franco Marini, Franco Bassanini, Gerardo Bianco, Francesco Cossiga, Amintore Fanfani, Guido Gonella, Raniero La Valle, Angelo Mauri, Aldo Moro, Adriano Ossicini, Giuseppe Pisanu, Romano Prodi, Oscar Luigi Scalfaro, Giuseppe Spataro, Paolo Emilio Taviani, Giorgio Tonini, Benigno Zaccagnini, Giorgio La Pira, Vito Lattanzio.

Religiosi

Card. Angelo Bagnasco, card. Achille Silvestrini, card. Ersilio Tonini, mons. Luigi Bettazzi, mons. Lorenzo Chiarinelli, mons. Franco Costa, mons. Emilio Guano, mons. Mario Russotto, mons. Antonio Staglianò, mons. Antonio Zama, P. Enrico di Rovasenda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statuto del Meic
  2. ^ "The Catholic university students under Igino Righetti, founder of the Movimento laureati, an organization of university graduates, and Giovanni Montini, director of the Italian Catholic University student movement, revealed an ideological opposition to the regime and its institutions" Franc Coppa, "Mussolini and the Concordat of 1929" in Controversial Concordats. The Vatican's Relations with Napoleon, Mussolini, and Hitler, The Catholic University of America Press, Washington D.C., 1999, p.109.
  3. ^ Il MEIC in Italia.

FORSE DA RICORDARE TRA GLI ALTRI, TUTTI, CI SAREBBE ANCHE GIOVANNI GENNARI, CHE NEGLI ANNI 70-80 È STATO MOLTO VICINO AL MOVIMENTO, VICEASSISTENTE DI ESSO PER INCARICO DI MONS. ANTONIO TRAVIA, QUANDO ERA PRESIDENTE ROMOLO PIETROBELLI, E CHE PER ANNI HA FREQUENTATO LA SEDE...FORSE...O C'È QUALCHE REMORA, O TABU'. ANCORA DA NON INFRANGERE? GRAZIE. G. G.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lazzati, il movimento laureati e il Meic. - Tredici testi scritti di Lazzati per il Movimento Laureati e il Meic, introdotti e curati da Marco Ivaldo; in Dossier Lazzati, Ave, Roma 2007, ISBN 888284370X
  • Igino Righetti, Antifascismo cattolico, a cura di Lorenzo Bedeschi e Piergiorgio Grassi, Vicenza, 1965
  • Tiziano Torresi, L'altra giovinezza. Gli universitari cattolici dal 1935 al 1940, Cittadella editrice, Assisi 2010
  • Nicola Antonetti, La FUCI di Montini e Righetti. Lettere di Igino Righetti ad Angela Gotelli (1928-1933), Roma, 1979 (per un quadro generale dello scontro tra universitari cattolici e fascismo)
  • Renato Moro, Paolo VI e il fascismo, in Paul VI et la modernité dans l'Église, Rome, École française de Rome, 1984
  • Paolo Emilio Taviani, Le ragioni della partecipazione dei cattolici alla Resistenza, in Storia della Democrazia Cristiana – Dalla Resistenza alla Repubblica 1943-1948, a cura di Francesco Malgeri, Cinque Lune, Roma, 1987
  • Giorgio La Pira, Per la FUCI, a cura della Fondazione G. La Pira e dell'Opera Madonnina del Grappa, Firenze, 1996, 12 pp. (supplemento a il Focolare del 4 aprile 1996)
  • Alberto Ablondi, Antonio Acerbi, Anna Civran, Giuseppe Costanzo, Maria Cristina Giuntella, Rosemary Goldie, Francesco Malgeri, Massimo Marcocchi, Alberto Monticone, Renato Moro, Maria Luisa Paronetto Valier, Luca Rolandi, Giovanni Battista Varnier, Danielo Veneruso, Emilio Guano. Coscienza/Libertà/Responsabilità, prefazione di Maria Luisa Paroneto Valier, Edizioni Studium, Roma 1998, p. 242 ISBN 8838237913
  • Luca Rolandi, Emilio Guano. Religione e Cultura nella Chiesa del Novecento, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2001, p. 348, Collana Spiritualità e promozione umana
  • Vittorio Bachelet (a cura di Matteo Truffelli), Scritti ecclesiali, Editrice Ave, 2005, ISBN 8882842908
  • Vittorio Bachelet (a cura di Matteo Truffelli), Scritti civili, Editrice Ave, 2005, ISBN 8882842916

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo