Michele Nicoletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Michele Nicoletti
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Michele Nicoletti daticamera.jpg
Luogo nascita Trento
Data nascita 19 novembre 1956
Titolo di studio Laurea in Filosofia
Professione docente e politico
Partito Partito Democratico
Legislatura XVII
Gruppo Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione VI (Trentino-Alto Adige)

Michele Nicoletti (Trento, 19 novembre 1956) è un docente e politico italiano.

Nel febbraio 2013 è stato eletto deputato nella lista del Partito Democratico.

Il 6 agosto 2014, dopo che Sandro Gozi ha lasciato l'incarico, è stata annunciata la nomina a presidente della delegazione parlamentare presso il Consiglio d'Europa[1].

Dal 2009 al marzo 2014 è stato segretario provinciale del PD del Trentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in filosofia all'Università di Bologna nel 1980.

Dal 2001 è docente ordinario di filosofia politica presso la facoltà di lettere e filosofia e la Scuola di studi internazionali dell'Università di Trento. Dal 2011 è direttore del Centro studi e ricerche "Antonio Rosmini" di Rovereto.[2]. Nel 2007 ha insegnato presso la Notre Dame University come Fulbright Distinguished Lecturer.

Nel dicembre 2012 ha partecipato ed ha vinto le primarie del Partito Democratico del Trentino per la Camera dei Deputati con 3633 voti.[3]

Alle elezioni politiche del 2013 è stato candidato in seconda posizione nelle liste del Partito Democratico nella circoscrizione Trentino-Alto Adige[4] ed è stato eletto deputato.[5]

Il 6 aprile 2014 è stata annunciata la nomina a presidente della delegazione parlamentare italiana[6] presso il Consiglio d'Europa[7].

Attualmente vive e lavora tra Trento e Roma, è sposato, con tre figli.

Attività parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

In data 30 maggio 2013 ha presentato come primo firmatario la proposta di modifica della legge elettorale, che è stata annunciata il 3 giugno 2013: "Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, e al testo unico di cui al decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533. Introduzione del doppio turno di coalizione per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica".[8] Dal 4 maggio 2015 l'Italicum[9] (con le modifiche apportate alla proposta presentata in data 30 maggio 2013 da Michele Nicoletti) è legge: è stato votato con scrutinio segreto alla Camera con 334 voti a favore e 61 voti contrari[10] [11].

Incarichi politici e istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Premi ed altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001 - Menzione speciale della giuria all'VIII premio internazionale "Salvatore Valitutti" al libro La politica e il male.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Nicoletti, S. Zucal, F. Olivetti (a cura di), Da che parte dobbiamo stare: il personalismo di Paul Ludwig Landsberg, Soveria Mannelli: Rubbettino, 2007;
  • M. Nicoletti, La politica e il male, Brescia: Morcelliana, 2000.

Le pubblicazioni complete si trovano elencate sul sito dell’Università degli Studi di Trento[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SguardoEuropeo, Nicoletti Presidente della Delegazione Italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa. URL consultato il 4 settembre 2014.
  2. ^ Padri Rosminiani, 10 marzo 2013, http://www.rosmini.it/Objects/Home1.asp. URL consultato il 10-3-2013.
  3. ^ Primarie Pd: vince Nicoletti, trentinocorrierealpi, 10 marzo 2013. URL consultato il 10-3-2013.
  4. ^ Elezioni politiche 2013 Trento - Michele Nicoletti, PD - CIDA L'Italia che vogliamo, CIDA, 10 marzo 2013. URL consultato il 10-3-2013.
  5. ^ Paolo Micheletto, Elezioni regionali, vince l'idea di coalizione, L'Adige, 10 marzo 2013. URL consultato il 10-3-2013.
  6. ^ Parlamento Italiano, Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea del Consiglio d'Europa. URL consultato il 4 settembre 2014.
  7. ^ SguardoEuropeo, NICOLETTI Presidente della Delegazione Italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa. URL consultato il 4 settembre 2014.
  8. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Lavori - Progetti di legge - Scheda del progetto di legge
  9. ^ In difesa dell’Italicum (pubblicato sulla Rivista IL MARGINE) - Michele Nicoletti. URL consultato il 2015-05-27.
  10. ^ Italicum: Sì della Camera, è legge - Politica. URL consultato il 2015-05-27.
  11. ^ Camera dei Deputati, Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale, il testo approvato dalla Camera. URL consultato il 27 maggio 2015.
  12. ^ Pagina Università degli Studi di Trento, Università degli Studi di Trento, 10 marzo 2013. URL consultato il 10-3-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]