Miguel Obando Bravo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miguel Obando Bravo, S.D.B.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Miguel Obando Bravo.svg
Omnibus omnia factus
Titolo Cardinale presbitero di San Giovanni Evangelista a Spinaceto
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Managua
Incarichi ricoperti Vescovo ausiliare di Matagalpa
Arcivescovo metropolita di Managua
Primate del Nicaragua
Presidente della Conferenza Episcopale del Nicaragua
Presidente del Segretariato Episcopale di America Centrale e Panamá
Nato 2 febbraio 1926 (92 anni) a La Libertad
Ordinato presbitero 10 agosto 1958 dall'arcivescovo Giuseppe Paupini (poi cardinale)
Nominato vescovo 18 gennaio 1968 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo 31 marzo 1968 dal vescovo Marco Antonio García y Suárez
Elevato arcivescovo 16 febbraio 1970 da papa Paolo VI
Creato cardinale 25 maggio 1985 da papa Giovanni Paolo II

Miguel Obando Bravo (La Libertad, 2 febbraio 1926) è un cardinale e arcivescovo cattolico nicaraguense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato ordinato sacerdote salesiano il 10 agosto 1958 dall'arcivescovo Giuseppe Paupini che poi sarà cardinale.

Il beato papa Paolo VI l'ha nominato vescovo titolare di Puzia di Bizacena e ausiliare di Matagalpa il 18 gennaio 1968; ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 31 marzo successivo.

È stato arcivescovo di Managua e di conseguenza primate del Nicaragua dal 16 febbraio 1970 al 1º aprile 2005.

Per ben cinque volte è stato presidente della Conferenza Episcopale Nicaraguense: dal 1971 al 1975, dal 1979 al 1983, dal 1985 al 1989, dal 1993 al 1997 e infine dal 1999 al 2005.

Ha inoltre rappresentato, come presidente del Segretariato per l'America Centrale e Panama, tutti i vescovi di quella zona dal 1976 al 1981.

Papa Giovanni Paolo II l'ha innalzato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 25 maggio 1985. Dimessosi da arcivescovo di Managua per raggiunti limiti di età, la sua rinuncia è stata accolta il 1º aprile 2005, il giorno precedente la morte del papa Giovanni Paolo II.

Da quel momento assume il titolo di arcivescovo emerito di Managua.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30340924 · ISNI (EN0000 0000 7859 8525 · LCCN (ENn85064598 · GND (DE119174154