Matrigna (Cenerentola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matrigna
Épinal - Cendrillon 01.jpg
La matrigna (a destra, insieme al marito)
UniversoCenerentola
Nome orig.Belle-mère
Lingua orig.Francese
AutoreCharles Perrault
SessoFemmina

La matrigna è un personaggio immaginario della fiaba di Charles Perrault e dei Fratelli Grimm Cenerentola, della quale rappresenta l'antagonista principale.

Storia originale[modifica | modifica wikitesto]

Nella fiaba originale la matrigna è una donna vedova con due figlie, che si risposa con il padre di Cenerentola (anch'egli vedovo). Anch'egli a un certo punto muore, e da quel momento Cenerentola viene schiavizzata da quella che era la moglie del padre e dalle sue figlie. Costoro la odiano al punto di chiamarla solo col nomignolo "Cenerentola" (dalla cenere di cui la ragazza si sporca pulendo il camino e dalle pentole che usa per cucinare il cibo alle sorellastre e alla matrigna).

La matrigna cerca poi di impedire a Cenerentola di partecipare al ballo organizzato dal re, durante il quale il principe avrebbe scelto la sua promessa sposa, e al quale lei e le figlie partecipano. Nonostante il suo divieto, Cenerentola riesce a recarsi a corte e a ballare con il principe.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

La matrigna appare in diversi adattamenti della fiaba:

Film
Film d'animazione
  • Cenerentola e gli 007 nani (Happily N'Ever After) (2007): la matrigna si chiama Frieda ed è la cattiva principale della storia. Scoperto che la sua storia si è ripetuta per anni con la vittoria della figliastra, Frieda s'impossessa del bastone del mago che controlla l'equilibrio fra bene e male, e guida i cattivi alla conquista del regno delle fiabe.
    Doppiata in originale da Sigourney Weaver e in italiano da Ada Maria Serra Zanetti.
Serie e miniserie televisive

Versione Disney[modifica | modifica wikitesto]

Lady Tremaine nella versione disney

La matrigna appare negli adattamenti animati della Disney, in cui è stata chiamata Lady Tremaine[1]:

In Cenerentola, Lady Tremaine è introdotta nel film quando il padre di Cenerentola, un nobile vedovo, capisce che la figlia ha bisogno delle cure di una madre e per questo sposò Lady Tremaine, una vedova di nobile famiglia. La donna ha due figlie vicine d'età a Cenerentola: Genoveffa (la maggiore) e Anastasia (la minore). Lady Tremaine possiede un gatto di nome Lucifero. Lady Tremaine inizialmente è gentile con Cenerentola, almeno fino alla morte del nuovo marito, quando mostra la sua natura di donna perfida, crudele ed egoista, determinata a favorire gli interessi suoi e delle sue figlie a discapito di Cenerentola, la cui bellezza metteva anche in risalto il brutto aspetto di Anastasia e Genoveffa. Per nasconderla dai pretendenti la obbliga persino a diventare serva nella sua stessa casa. Nel corso del film, Lady Tremaine ferisce moralmente Cenerentola in varie occasioni, e cerca di evitare invano che ella sposi il principe.

La sua seconda apparizione fu nel seguito direct-to-video Cenerentola II - Quando i sogni diventano realtà (2002). In questo film ha un ruolo marginale, ed è perlopiù impegnata a impedire ad Anastasia, innamorata di un fornaio, di accompagnarsi a un plebeo.

La sua ultima apparizione è nel secondo seguito, Cenerentola - Il gioco del destino (2007). Questa volta, ella riesce a impadronirsi della bacchetta magica della Fata Smemorina, rubata da Anastasia. La matrigna usa la magia per tornare indietro nel tempo e per far calzare la scarpetta di cristallo ad Anastasia. Il Principe si accorge che Anastasia non è la fanciulla che ha danzato con lui al ballo, ma Lady Tremaine modifica i suoi ricordi così che egli la sposi senza alcun sospetto. Cenerentola prova a riprendere la bacchetta, ma il suo tentativo fallisce, e Lady Tremaine ordina che sia imbarcata per essere bandita dal regno. Il Principe però, avvisato dai topolini, riesce a salvare Cenerentola, e l'incantesimo si spezza. La matrigna allora trasforma Anastasia in un clone di Cenerentola, perché la sostituisca al matrimonio. La vera Cenerentola viene rinchiusa in una carrozza maledetta, tuttavia ella riesce a liberarsi e a raggiungere il luogo della cerimonia. In quel momento, Anastasia si rende conto che quello per lei non sarebbe il vero amore, e non pronuncia il fatidico "sì". Lady Tremaine, furibonda con la figlia, è decisa a trasformarla in un rospo, su suggerimento di Genoveffa. Ma la spada del Principe riflette la magia rispedendola al mittente, e così sono Lady Tremaine e Genoveffa a essere trasformate in rospi. Successivamente le due riprendono le loro sembianze umane, tuttavia indossano un vestito identico ai vecchi stracci di Cenerentola, questo implica che lavoreranno al castello come sguattere, a punizione della loro perfidia.

La matrigna compare anche nella serie televisiva House of Mouse - Il Topoclub (2001-2004), spesso nel locale di Topolino è seduta allo stesso tavolo con un'altra celebre cattiva Disney, la regina Grimilde da Biancaneve e i sette nani.

Appare inoltre nel videogioco Kingdom Hearts Birth by Sleep, la cui vicenda segue da vicino gli eventi del film, eccezion fatta per il finale. Quando il granduca Monocolao è in procinto di lasciare il castello, Aqua si presenta nel salone e chiede di poter provare a sua volta la scarpetta. Nonostante la sua preoccupazione (dovuta, probabilmente, al fatto che la scarpetta potrebbe effettivamente andarle, obbligandola a sposare il principe) questo espediente fornisce a Jac il tempo necessario per liberare Cenerentola dalla torre. Lady Tremaine riesce nuovamente a rompere la scarpetta, e Cenerentola rimedia mostrando la propria. A questo punto la donna e le sue figlie evocano un Nesciens a forma di zucca per vendicarsi di Cenerentola, ma tentando di controllarlo ne vengono consumate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel doppiaggio italiano del 1967 (durante la presentazione delle sue figlie) viene chiamata Madame e non Lady

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]