Marco Schällibaum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Schällibaum
Coach Marco Schällibaum Impact Montréal 2013.jpg
Nazionalità Svizzera Svizzera
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Aarau
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1980-1985 Grasshoppers 105 (2)
1985-1987 Basilea 58 (5)
1987-1993 Servette 187 (1)
1993-1995 Lucerna 29 (1)
Nazionale
1983-1988 Svizzera Svizzera 31 (1)
Carriera da allenatore
1995-1997 Stade Nyonnais
1998-1999 Basilea Vice
1999-2003 Young Boys
2003-2004 Servette
2004-2006 Concordia Basilea
2006-2007 Sion
2007-2008 Sciaffusa
2008-2010 Bellinzona
2010-2011 Lugano
2013 Montréal Impact
2015 Chiasso
2015- Aarau
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 ottobre 2015

Marco Schällibaum (Zurigo, 6 aprile 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore svizzero, di ruolo difensore. Dal 2015 è tecnico dell'Aarau.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Tutta la sua carriera da giocatore si è svolta nei campionati svizzeri, ove ha vestito le maglie di Grasshoppers, Basilea, Servette e Lucerna.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1983 e il 1998 ha disputato 33 partite in nazionale, segnando una rete.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Conclusa la carriera da calciatore, Marco Schällibaum ha intrapreso l'attività di allenatore, debuttando sulla panchina dello Stade Nyonnais, per poi essere nominato assistente allenatore del Basilea. Nel 1999 diventa allenatore dello Young Boys di Berna, che riesce dapprima a riportare in massima serie e poi, nel 2002, a qualificare alla coppa UEFA. Nel 2003 passa alla guida del Servette, mentre dal 2004 al 2006 è dapprima responsabile tecnico del Concordia Basilea, per poi allenare per un breve periodo del Sion.

Il 2 aprile 2007 firma un contratto con lo Sciaffusa, che in quel tempo era a rischio recessione dalla massima serie. Pur senza riuscire a salvare il club, viene confermato per un'altra stagione alla guida tecnica del club, in Challenge League. Il 6 giugno 2008 si dimette ed assume l'incarico di allenatore del Bellinzona, che ricopre fino al 1º novembre 2009, quando una sconfitta per 5-0 contro il San Gallo gli costa l'esonero.

Il 17 maggio 2010 Schällibaum diventa allenatore ad interim del Lugano, guidandolo nello spareggio-promozione in Axpo Super League contro il Bellinzona, da cui esce tuttavia sconfitto.

Il 7 gennaio 2013 viene chiamato alla guida del Montreal Impact, squadra canadese militante nella Major League Soccer, con la quale riesce a vincere la coppa nazionale, venendo tuttavia esonerato nel dicembre successivo.[1]

Il 6 aprile 2015 sostituisce Gianluca Zambrotta sulla panchina del Chiasso, militante in Challenge League (seconda serie svizzera), con il compito di salvare il club ticinese dalla retrocessione in terza lega.[2] Dopo aver centrato tale risultato, viene riconfermato sulla panchina dei rossoblù per la stagione 2015-2016.[3] Nell'ottobre 2015 si dimette dalla panchina ticinese per assumere la guida tecnica dell'Aarau, sempre in seconda lega svizzera.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Grasshoppers: 1981-1982, 1982-1983, 1983-1984
Grasshoppers: 1982-1983

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Montréal Impact: 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Schällibaum: "J'ai découvert toute l'Amérique", lematin.ch, 27 dicembre 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  2. ^ Schällibaum è il nuovo allenatore del Chiasso, tio.ch, 6 aprile 2015. URL consultato il 7 aprile 2015.
  3. ^ "Felice a Chiasso. Rifiutate offerte per rimanere in rossoblù", tio.ch, 4 giugno 2015. URL consultato il 5 giugno 2015.
  4. ^ Verso Bienne-Chiasso, fcchiasso.ch, 18 ottobre 2015. URL consultato il 20 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]