Madonna del Baldacchino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna del Baldacchino
Madonna del Baldacchino.jpg
Autore Raffaello Sanzio
Data 1506-1508
Tecnica Olio su tela
Dimensioni 279×217 cm
Ubicazione Galleria Palatina, Firenze

La Madonna del Baldacchino è un dipinto a olio su tela (279x217 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1506-1508 circa e conservato nella Galleria Palatina di Firenze.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera era la prima grande commissione religiosa di Raffaello a Firenze, avviata verso il 1507 per la cappella Dei in Santo Spirito. Lasciata incompleta per la repentina partenza dell'artista per Roma nel 1508, chiamato da Giulio II, subì varie vicende. Tale opera fu un imprescindibile modello nel decennio seguente, per artisti quali Andrea del Sarto, Fra' Bartolomeo e Lorenzo Lotto[1]. I Dei, per il loro altare, si rivolsero poi a Rosso Fiorentino: anche la sua Pala Dei è oggi nello stesso museo.

La Madonna del Baldacchino, finita a metà del Cinquecento nella pieve di Pescia, venne acquistata nel 1697 dal principe Ferdinando de' Medici, che la fece restaurare e completare, in alcune parti, dai fratelli Niccolò e Agostino Cassana: la striscia superiore venne aggiunta in quel periodo per eguagliare le dimensioni di un altro dipinto con cui doveva fare pendant, Cristo tra i dottori di Fra' Bartolomeo. Nel complesso comunque gli interventi successivi appaiono limitati e individuabili.

Dal 1799 al 1813 la tela fu portata a Parigi.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una sacra conversazione organizzata attorno al fulcro del trono della Vergine coperto da baldacchino retto da angeli, con un fondale architettonico composto da un'abside semicircolare, grandioso ma tagliato ai margini, in modo da amplificarne la monumentalità. Da sinistra si vedono i santi Pietro, Bernardo di Chiaravalle, Giacomo maggiore e Agostino. Due angioletti si trovano alla base del trono e leggono l'iscrizione su un cartiglio.

Lo schema è simmetrico, raggruppato attorno all'alto trono, ma ogni staticità appare annullata dall'intenso movimento circolare di gesti e sguardi, esasperato poi negli angeli in turbolento volo, accuratamente scorciati, ispirati a quelli della Pala degli Otto di Filippino Lippi. Sant'Agostino ad esempio allunga un braccio verso sinistra invitando lo spettatore a percorrere con lo sguardo lo spazio semicircolare della nicchia, legando i personaggi uno per uno, caratteristica che a breve si ritroverà anche negli affreschi delle Stanze vaticane[2].

La luce che proviene da sinistra esalta la plasticità delle figure, rispetto alla "mandorla" d'ombra creata dai drappi rigonfi del baldacchino. Dolce è il gesto del Bambino, che gioca col proprio piedino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De Vecchi-Cerchiari, cit., pag. 192.
  2. ^ Franzese, cit., pag. 20

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975.
  • Paolo Franzese, Raffaello, Mondadori Arte, Milano 2008. ISBN 978-88-370-6437-2
  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura