Santa Margherita (Raffaello)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Margherita
Sainte Marguerite, by Raffaello Sanzio, from C2RMF retouched.jpg
Autore Raffaello Sanzio e aiuti (Giulio Romano)
Data 1518 circa
Tecnica olio su tavola trasportata su tela
Dimensioni 178×122 cm
Ubicazione Musée du Louvre, Parigi
Santa Margherita
Raffael 101.jpg
Autore Raffaello Sanzio e aiuti
Data 1518 circa
Tecnica olio su tavola
Dimensioni 192×122 cm
Ubicazione Kunsthistorisches Museum, Vienna

Santa Margherita è un dipinto a olio su tavola trasportata su tela (178x122 cm) di Raffaello e aiuti, databile al 1518 circa e conservato nel Museo del Louvre di Parigi. Una seconda versione (1492x122 cm), databile allo stesso periodo, è conservata nel Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'opera fa probabilmente parte di quel lotto di dipinti di Raffaello che Leone X volle inviare a Francesco I di Francia nel 1518, assieme alla Grande Sacra Famiglia, San Michele che sconfigge Satana e il Ritratto di Dona Isabel de Requesens. La santa era stata scelta per omaggiare la sorella del re, Marguerite d'Angoulême, duchessa d'Alençon

Vasari riportò come l'opera venne dipinta da Giulio Romano su disegno del maestro; oggi è certamente riferita alla bottega.

Verso il 1540 il Primaticcio restaurò l'opera e nel XVI secolo fu gravemente danneggiata da un incendio; nel XVIII secolo venne trasportata da tavola su tela: per tutti questi fattori lo stato di conservazione è oggi molto compromesso.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

La santa è ritratta a tutta figura su uno sfondo scuro di alberi e rocce mentre, con la palma del martirio in mano, compie una rotazione per girarsi verso lo spettatore. Indossa una veste azzurra con manto rosso ed è circondata dal terribile mostro della sua leggenda, le cui spire però non impauriscono la santa, che pare anzi impassibile e trionfante. Essa infatti gli pesta un'ala, causando al mostro l'atroce convulsione che lo porta a spalancare le fauci.

Esiste un'altra versione di una Santa Margherita della bottega di Raffaello (olio su tavola di pioppo, 192x122 cm) nel Kunsthistorisches Museum, in cui la santa ha una posa diversa, crocifisso alla mano, ma molto simili sono il mostro e l'ambientazione[1]. L'opera proviene dalle collezioni dell'avvocato e diplomatico di Venezia Zuanantonio Venier (1528)[2], da dove passò per varie collezioni private in Inghilterra e in Belgio prima di approdare al museo austriaco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ KHM Bilddatenbank — KHM Bilddatenbank
  2. ^ E. Menegazzo, Raffaello, Correggio e la Congregazione cassinese, in 'Italia medioevale e umanistica' III, 1960, p. 338.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura