Luciano Borgognoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Borgognoni
Luciano Borgognoni 1973.jpg
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Termine carriera 1982
Carriera
Squadre di club
1973-1974Dreherforte
1975Zonca
1976Brooklyn
1977-1978Vibor
1979CBM Fast-Gaggia
1980-1981Hoonved-Bottecchia
1982Del Tongo
Nazionale
1976-1980Italia Italia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su pista
Oro Varese 1971 Ins. squadre
 

Luciano Borgognoni (Gallarate, 12 ottobre 1951Gallarate, 2 agosto 2014[1]) è stato un ciclista su strada e pistard italiano. Da dilettante vinse, nel 1971, il titolo mondiale nell'inseguimento a squadre, partecipando anche ai Giochi olimpici 1972 a Monaco di Baviera. Professionista su strada dal 1973 al 1982, vinse due tappe al Giro d'Italia e due titoli italiani di inseguimento individuale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un meccanico di biciclette di Cedrate, nelle categorie giovanili vestì le maglie della Cedratese e del Velo Club Varese Luigi Ganna, mettendosi in evidenza con numerosissimi successi sia su strada che su pista.[1][2] Tra i dilettanti vestì i colori dell'AVC diretta da Renato Morandi, mettendosi in evidenza anche in Nazionale. In maglia azzurra conquistò nel 1971, proprio a Varese, il titolo mondiale nell'inseguimento a squadre in quartetto con Giacomo Bazzan, Pietro Algeri e Giorgio Morbiato.[2] L'anno dopo vinse invece il titolo mondiale militari di inseguimento a squadre a Parigi e partecipò ai Giochi olimpici di Monaco di Baviera.[2]

La sua esperienza olimpica fu particolarmente sfortunata: presentatosi nelle qualificazioni con gli stessi tre compagni "mondiali" dell'anno precedente, pur correndo per ultimi e potendo quindi avere un riferimento sui quartetti avversari, ottenne con il quartetto solo il nono posto, il primo degli eliminati, mancando per soli 21 centesimi di secondo, a favore della Bulgaria, l'accesso ai quarti di finale.[3] Nei giorni precedenti Borgognoni era stato anche il rappresentante italiano nella gara dell'inseguimento individuale: passate le qualificazioni con il quarto miglior tempo, dovette cedere nei quarti di finale allo svizzero Xaver Kurmann, che si aggiudicherà in seguito la medaglia d'argento.[4]

Passato professionista nel 1973 con la Dreherforte di Luciano Pezzi, vinse nel 1974 la prima edizione del Giro del Friuli e una tappa al Giro di Sardegna, e l'anno successivo alcuni circuiti tra cui il Gran Premio Cemab a Mirandola.[2] La sua stagione più ricca di successi fu quella del 1977, quando, con la maglia della Vibor diretta da Italo Zilioli, si aggiudicò due frazioni al Giro d'Italia, la seconda a Foggia e quella conclusiva di Milano, la Milano-Vignola e una tappa al Giro della Sicilia.[2]

Parallelamente all'attività professionistica su strada, si dedicò ancora a quella su pista: da pro conquistò due titoli italiani di inseguimento individuale, nel 1974 e nel 1976,[2] piazzandosi anche secondo nel 1975 e nel 1978; fu inoltre quarto di specialità ai Campionati del mondo 1980 a Besançon.[2] Si ritirò dall'attività a fine 1982, dopo dieci stagioni tra i professionisti e nove partecipazioni al Giro d'Italia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Targa d'Oro Città di Legnano
  • 1974 (Dreherforte, due vittorie)
4ª tappa Giro di Sardegna (Thiesi > Alghero)
Giro del Friuli
  • 1975 (Zonca, una vittoria)
Circuito di Viareggio
Gran Premio Cemab
  • 1977 (Vibor, quattro vittorie)
2ª tappa, 1ª semitappa Giro d'Italia (Foggia > Foggia)
22ª tappa Giro d'Italia (Milano > Milano)
Milano-Vignola
1ª tappa Giro di Sicilia (Monreale > Capo d'Orlando)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Cronostaffetta
  • 1981 (Hoonved-Bottecchia)
1ª tappa, 2ª semitappa Giro d'Italia (Lignano Sabbiadoro > Bibione, cronosquadre)

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Campionati del mondo, Inseguimento a squadre (Varese)
Campionati italiani, Inseguimento individuale indoor
Campionati italiani, Inseguimento individuale
Campionati italiani, Inseguimento individuale

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1973: 94º
1974: ritirato (21ª tappa)
1975: 23º
1977: 53º
1978: 57º
1979: ritirato (14ª tappa)
1980: ritirato (13ª tappa)
1981: 54º
1982: ritirato
1976: ritirato (10ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1973: 70º
1974: 26º
1978: 26º
1979: 6º
1981: 18º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lutto per il ciclismo varesino, muore Luciano Borgognoni, su varesenews.it. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  2. ^ a b c d e f g Chiericati, pp. 126-127.
  3. ^ (EN) Cycling at the 1972 München Summer Games: Men's Team Pursuit, 4,000 metres Qualifying Round, su sports-reference.com. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Cycling at the 1972 München Summer Games: Men's Individual Pursuit, 4,000 metres Qualifying Round, su sports-reference.com. URL consultato il 5 ottobre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Chiericati e Damiano Franzetti, Mondiali 1951-2008: un secolo di storia : campioni e grandi imprese ciclistiche in terra varesina, Mario Chiarotto Editore, 2008, ISBN 9788889666296.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]