Levi Yitzchak Schneerson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Levi Yitzchak Schneerson (in ebraico: לוי יצחק שניאורסון[?]; Gomel, 18 Nissan 1878Almaty, 1944) è stato un rabbino, mistico ed educatore bielorusso, ebreo ortodosso rinomato membro del movimento Chabad Lubavitch chassidico a Dnipropetrovs'k in Ucraina.

Era padre del settimo e ultimo Rebbe Lubavitcher, Rabbi Menachem Mendel Schneerson.

Cenni biografici[modifica | modifica sorgente]

Nel 1900, Levi Yitzchak sposò Chana Yanovski, il cui padre, Rabbi Meir Shlomo, era il rabbino della città ucraina di Nikolaiev. Nel 1902 nacque il loro figlio maggiore, Menachem Mendel, che divvenne poi il Rebbe di Chabad-Lubavitch.

Schneerson visse a Nikolaiev fino al 1909, quando fu nominato rabbino di Yekatrinoslav. Nel 1939 fu arrestato dal regime bolscevico a causa della sua strenua opposizione contro gli sforzi del Partito di eradicare lo studio e l'osservanza ebraici nell'Unione Sovietica. Dopo oltre un anno di torture e interrogatori nelle prigioni di Stalin, fu condannato all'esilio in un remoto villaggio del Kazakhstan. Poco prima di morire, Levi Yitzchak fu in grado di spostarsi a Almaty, dove fu calorosamente ospitato dalla piccola comunità ebraica locale. Mori lì nel 1944 e fu sepolto nel cimitero della cittadina. Molto vicino al cimitero è stata ora costruita una sinagoga in suo onore.

Schneerson fu un rinomato cabalista. Alcuni dei suoi scritti sono stati pubblicati col titolo Likkutei Levi Yitschok. La maggioranza però fu bruciata o confiscata dalle autorità sovietiche, e quello che è rimasto deve ancora esser restituito al movimento Chabad.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Gottleib, Naftali Tzvi. Trans. Lesches, Elchonon. "Rabbi, Mystic and Leader - the Life and Times of Rabbi Levi Yitzchak Schneerson" (Kehot Publication Society; 2008).
  • Schneerson, Chana. Trans. Tilles, Yerachmiel. "A Mother in Israel - the Life and Memoirs of Rebbetzin Chana Schneerson" (Kehot Publication Society; 1985, 2003).

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]