Sparatoria sul ponte di Brooklyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sparatoria sul ponte di Brooklyn
Brooklyn Bridge by David Shankbone.jpg
Il ponte di Brooklyn, luogo della sparatoria.
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Luogo Brooklyn
Obiettivo studenti ebrei
Data 1º marzo 1994
10.30 –
Tipo agguato con armi da fuoco
Morti 1
Feriti 3
Responsabili Rashid Baz
Motivazione antisemitismo

La sparatoria sul ponte di Brooklyn è avvenuta il 1º marzo 1994 a New York.

L'attacco al furgone[modifica | modifica wikitesto]

In questo attacco, l'immigrato libanese Rashid Baz sparò contro un furgone con 15 passeggeri a bordo - tutti studenti che appartenevano al movimento ebreo ortodosso Chabad-Lubavitch - e che viaggiava sul ponte di Brooklyn. Baz usò una pistola Cobray semi-automatica per mitragliare il furgone, e una pistola Glock 9-mm semi-automatica per sparare contro gli studenti. Aveva con sé, nel bagagliaio, anche un fucile calibro 12 Armsel Striker.

Quattro studenti vennero seriamente feriti. Tra i due più gravi c'era Ari Halberstam, uno studente di sedici anni, che morì quattro giorni dopo per una pallottola alla testa. L'altro studente, anch'egli colpito alla testa, subì danni cerebrali permanenti.[1]

Le indagini e le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Amir Abudaif, un meccanico d'auto, riferì l'episodio alla polizia. Durante l'arresto, Baz fu anche trovato in possesso di letteratura anti-semita, di una pistola cal.380 semiautomatica, una pistola da stordimento, un giubbotto antiproiettile, e due caricatori di munizioni da 50 pallottole. Inizialmente, Baz sostenne che aveva commesso la sparatoria a causa di una disputa di traffico e il Federal Bureau of Investigation classificò il caso come "violenza stradale".[2] Tuttavia, al processo, Baz dichiarò "insanità mentale". Il suoi difensori offrirono anche la teoria che Baz stava reagendo agli eventi in Medio Oriente[3] La giuria respinse entrambe le difese e Baz venne condannato per omicidio di secondo grado e 14 carichi aggiuntivi di tentato omicidio, presso la Corte Suprema di New York, il 1º dicembre 1994. Fu condannato a 141 anni di carcere.

Bassam Reyati, zio di Baz e proprietario della vettura usata per la sparatoria, fu condannato per aver nascosto le prove e gli furono dati 5 anni di libertà vigilata e una multa di 1.000 dollari, il 16 ottobre 1996. Hilal Abd Al-Aziz Muhammad, proprietario dell'officina dove Baz aveva nascosto la sua auto danneggiata durante la sparatoria, fu condannato per aver occultato le prove e ostacolato la giustizia. Fu condannato a cinque anni di libertà vigilata il 17 maggio 1995. Inoltre, certo Albert Jeanniton fu condannato per vendita illegale delle armi da fuoco ottenute da Baz.[2]

Nel 2000, il Procuratore distrettuale americano di Manhattan, Mary Jo White, e l'F.B.I. riclassificarono l'attacco come "crimini di un terrorista".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barsky, Yehudit. The Brooklyn Bridge Shooting: an Independent Report and Assessment. The American Jewish Committee. Novembre 2000.URL consultato in data 8 marzo 2012.
  2. ^ a b Murder on the Brooklyn Bridge - Middle East Quarterly, meforum.org.
  3. ^ a b Shaila K. Dewan, U.S. Decides '94 Attack On Hasidim Was Lone Act - New York Times, in The New York Times, 6 dicembre 2000. URL consultato l'8 marzo 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo