Laghetto di Brinzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Brinzio.

Laghetto di Brinzio
Vista aerea Lago di Brinzio.JPG
Il lago visto dalla vetta del monte Legnone, all'inizio della primavera.
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Varese Varese
Comune Brinzio
Coordinate 45°53′07.91″N 8°47′39.08″E / 45.88553°N 8.79419°E45.88553; 8.79419Coordinate: 45°53′07.91″N 8°47′39.08″E / 45.88553°N 8.79419°E45.88553; 8.79419
Altitudine 510 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 0,15 km²
Profondità massima 3,5 m
Idrografia
Origine morenica
Immissari principali Intrino, Rio di Brinzio, Buragona
Emissari principali Rio Brivola
Ghiacciato quasi completamente, tranne la zona più ad est, tra dicembre e febbraio
Salinità < 450 ppm (acqua dolce)
Isole nessuna
Mappa di localizzazione: Italia
Laghetto di Brinzio
Laghetto di Brinzio

Il laghetto di Brinzio è un piccolo lago italiano situato nella zona orientale del territorio comunale di Brinzio, in provincia di Varese, a un'altitudine di circa 510 metri s.l.m.. Presenta una profondità media di 3,5 metri ed un bacino complessivo di 1,5 ettari.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il lago si estende su una superficie di 1,5 ettari e ha una profondità media di 3,5 metri. Dal 1984 è ricompreso in una riserva naturale orientata tutelata dal Parco regionale Campo dei Fiori, estesa per complessivi 20 ettari. Ad alimentarlo vi sono i torrenti immissari Rio di Brinzio, Buragona (da est) e Intrino (da sud), ai quali si aggiungono alcune sorgenti subacquee ubicate nel settore orientale del bacino lacustre; unico emissario è il torrente Brivola (ad ovest), che poi scorre per meno di 1 km al limitare meridionale dell'abitato brinziese e infine sfocia nel torrente Valmolina.

Il fondale del lago è limaccioso, complice il trasporto di detriti operato dai fiumi tributari; intorno al bacino si sviluppa inoltre un'area di oltre 10 ettari a carattere paludoso.

Per motivi di tutela ambientale il lago non è navigabile, né balneabile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del lago di Brinzio è relativamente breve rispetto a quella dei maggiori laghi lombardi. Ancora nei primi decenni del XX secolo la genesi del bacino era comunemente attribuita al riempimento idrico di un cratere vulcanico estinto: ciò aveva una sua plausibilità alla luce del fatto che il settore del monte Martica era stato - assai anticamente - interessato da fenomeni eruttivi. Il progresso nelle conoscenze geologiche consentì infine di invalidare tale teoria, accertando per il lago l'effettiva origine morenica.

Prima delle glaciazioni avvenute nel corso del Pleistocene non esisteva il colle della Motta Rossa e la vallata tra gli odierni villaggi di Brinzio e Rasa digradava uniformemente verso sud, solcata dall'alveo del fiume Olona. Durante il Pleistocene si registrarono varie avanzate dei ghiacciai alpini, che invasero le principali valli prealpine (compresa la Valcuvia e la conca di Brinzio) e le colmarono quasi completamente con i loro ghiacci, per uno spessore di finanche 900-1000 metri sopra il fondo valle. La massa glaciale divenne a tratti così consistente che solo le cime dei principali rilievi (monte Campo dei Fiori, monte Martica, monte San Martino, monte Nudo) emergevano sopra essa per poche centinaia (o solo decine) di metri, rassomigliando a isolotti sopra un freddo "mare" solido[1].

L'ultima avanzata glaciale, denominata Wurm, ha avuto il suo culmine circa 18.000 anni fa ed è stata un po' meno rigida delle altre. Ciò nonostante il ghiacciaio verbano ha invaso nuovamente la valle di Brinzio e il bacino del torrente Intrino, trasportando nuovamente i detriti strappati alcune decine di chilometri più a monte, in area alpina.

Scorcio del lago di Brinzio verso il passo della Motta Rossa; sullo sfondo si osservano il massiccio della Martica (a sinistra) e il monte Legnone (a destra).

Quando il ghiacciaio ha incominciato a ritirarsi ha abbandonato i materiali che trasportava con sé: in corrispondenza del passo della Motta Rossa il loro accumulo ha dato luogo a un deposito allungato, che prende il nome di morena; essa è riconoscibile proprio in corrispondenza del passo, alle pendici del monte Legnone. Tale morena ha bloccato la strada dell'acqua verso sud, creando uno spartiacque che separò l'Olona dal sistema imbrifero digradante verso la Valcuvia (composto dai torrenti Rio di Brinzio-Buragona-Brivola). Al contempo, nella valle del torrente Intrino, il ghiacciaio abbandonò grosse quantità di pietrisco, detriti e rocce anche di grosse dimensioni (i massi erratici), rimasti ben visibili lungo il sentiero silvestre che collega Brinzio al Passo Varrò e al Legnone stesso. Questi materiali furono facilmente preda dell'erosione da parte delle acque, soprattutto immediatamente dopo la glaciazione, quando la vegetazione non aveva ancora stabilizzato i versanti. L'Intrino e gli altri corsi d'acqua provenienti dal versante settentrionale del Campo dei Fiori cominciarono quindi a trasportare grandi quantità di sedimenti, formando alla base dei versanti, dove la pendenza diminuisce, dei grossi accumuli denominati conoidi di deiezione. Essi sono ancora ben riconoscibili, in quanto corrispondono alle motte erbose situate a sud di Brinzio, sulle quali si sviluppa la pista di sci nordico. Queste strutture si sono formate ancor più rapidamente (in senso geologico) durante le alluvioni: i materiali trasportati hanno così progressivamente sbarrato il torrente Brivola, restringendone l'alveo e formando così l'accumulo d'acqua che diede origine al lago di Brinzio[1].

Il lago di Brinzio gelato.

Fino al XIX secolo il lago di Brinzio era alimentato esclusivamente dal Rio di Brinzio, dal torrente Buragona e da alcune sorgenti subacquee insite nel bacino stesso: l'apporto idrico era tuttavia molto discontinuo e i periodi siccitosi (anche non prolungati) tendevano ad azzerarlo, causando un rapido abbassamento del livello dell'acqua. Onde consentire un più costante afflusso di liquido, nonché allo scopo di meglio proteggere il centro abitato e i campi coltivati dalle alluvioni, attorno al 1884 si provvide a deviare il corso dell'Intrino, che fino a quel momento sfociava nel Brivola in vicinanza del ponte presso il lavatoio; a tal proposito l'ingegner Giuseppe Quaglia, nel suo libro Laghi e torbiere del circondario di Varese (edito proprio quell'anno), nel citare lo "stagno di Brinzio" ne teorizza l'interramento entro un secolo a causa dei detriti trasportati dagli immissari.

La chiesa di Brinzio vista dal lago.

Circa vent'anni dopo venne presentato un progetto di prosciugamento del lago, da attuarsi mediante allargamento del letto dell'emissario rio Brivola: l'obiettivo era quello di ricavare nuovi terreni coltivabili ed incanalare le sorgenti idriche site nella zona, onde sfruttarle per uso alimentare o irriguo. Ai primi del 1904 si formò un consorzio di proprietari terrieri finalizzato ad attuare l'operazione, che venne però presto accantonata (probabilmente in quanto troppo dispendiosa a fronte di ricavi non certi)[2].

Con l'avanzare del XX secolo la sopravvivenza del laghetto appariva comunque sempre più a rischio, giacché all'azione degli immissari si era sommata l'apertura della cava di porfido sul monte Martica: il taglio della vegetazione, l'asportazione del suolo e la messa a nudo della roccia determinarono infatti un drastico aumento del trasporto solido del Rio di Brinzio, velocizzando l'interramento del bacino lacustre. Per limitare questo fenomeno a fine anni 1990 la società concessionaria della cava realizzò delle vasche di decantazione nella parte inferiore degli scavi, in modo tale da ridurre il problema[1].

Panorama verso il centro abitato sul lago ghiacciato.

Alla fine degli anni settanta il lago aveva approssimativamente raggiunto una forma stabile, con una profondità massima di quattro metri. L'interramento nell'ultimo trentennio del XX secolo tuttavia avanzò rapidamente, tanto da rendere necessaria una prima operazione di dragaggio a metà anni novanta. L'intervento tuttavia non fu risolutivo: complici le precipitazioni sempre più violente e frequenti, a partire dal 1990 si osservò un ulteriore aumento della velocità di interramento. Un nuovo rilievo batimetrico, effettuato nel 2003 evidenziò lo stato di riempimento consistente del lago, il cui settore di valle aveva una profondità massima di soli 70 cm; in aggiunta di fronte alla foce dell'Intrino si era formato un isolotto e la vegetazione acquatica dilagava in tutto il bacino[1].

Nel corso del 2004 venne pertanto implementato un radicale intervento di pulizia del lago e messa in sicurezza del bacino dell'Intrino: nel bacino lacustre si è provveduto a ridurre la vegetazione infestante, dragare il fondo fino a una profondità massima di un metro e approfondire il corso del torrente emissario Brivola per una lunghezza di 300 metri in direzione ovest[1]. Contestualmente nella valle del maggior immissario sono state realizzate una serie di opere di ingegneria naturalistica (dighe, filtri, rapide artificiali) atte a stabilizzare i materiali franosi, contenere le erosioni di sponda e limitare il tal modo il fenomeno (particolarmente vistoso durante le piene) del trasporto di detriti nel laghetto.

Dati ambientali[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è continentale, con temperature minime che possono anche scendere a -10 °C in inverno e massime raramente superiori ai 25 °C in estate.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione circostante è tipica dei bacini lacustri di media montagna: canne palustri, ninfee, salici, cladieti e selve di ontano nero (Alnus glutinosa).

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Il lago costituisce un biotopo di grande varietà ed importanza, costituendo un sito di riproduzione del rospo comune e di molteplici specie ittiche, quali trote, lucci e tinche. Non si riscontra la presenza di gamberi alloctoni, pesci gatto e siluri.

La ricchezza ittica (supportata da periodiche immissioni di avannotti, condotte con criteri tali da non squilibrare l'ecosistema) è tale che nel bacino centrale del lago, in alcuni periodi dell'anno, è possibile praticare la pesca. In epoca medievale-rinascimentale la raccolta ittica dovette costituire una voce non di poco conto per l'economia brinziese: nel XV secolo il diritto di pesca nel bacino venne infatti avocato al locale monastero, che divenne pertanto l'istituzione abilitata alla concessione di licenze piscatorie e tributaria di una quota fissa del pescato. Quando tale monastero cessò di esistere, il diritto passò alla comunità eremitana del Sacro Monte di Varese, che ne beneficiò fino alla secolarizzazione decretata in era napoelonica. La responsabilità sullo specchio d'acqua passò pertanto alle autorità comunali e venne da ultimo confermata da un regio decreto del 1937[3]; il municipio ne ha successivamente delegato la gestione a un'associazione sportiva dilettantistica costituita ad hoc[4][5].

Sulle sponde si individuano nidi di uccelli quali germano reale, airone cinerino, gallinella d’acqua, porciglione, martin pescatore e ballerina gialla.

Il laghetto di Brinzio nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Carro allegorico raffigurante la Balena da Brinsc, presentato dalla sezione brinziese dell'OND alla sfilata carnevalesca di Varese nel 1935.

Al lago è associata una leggenda, attestata perlomeno dai primi anni 1930: nel corso di un furioso temporale qualcuno avrebbe avvistato nel lago una sagoma nerastra, simile a un grosso pesce. E per un mostro marino (una balena) tale oggetto venne appunto scambiato: un gruppo di paesani accorse a pescarlo, ma bastò tirarlo a riva per rendersi conto che trattavasi di un grosso tronco abbattuto dalla tempesta. Tanto fu comunque sufficiente a far sì che allora il laghetto fosse noto come "lago della balena": per estensione anche gli abitanti di Brinzio vennero localmente soprannominati "balena".

Il simbolo del cetaceo è quindi divenuto un elemento identitario qualificante per gli abitanti del paese, che l'hanno poi reimpiegato nei primi anni 1990 come elemento di promozione turistica[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Comune e Pro Loco di Brinzio, pp.191-192.
  2. ^ Il prosciugamento del laghetto di Brinzio, Corriere della Sera, 13 gennaio 1904
  3. ^ Carlo Piccinelli, p.24.
  4. ^ Lago di Brinzio, ilvaresotto.it - Archiviato il 3 gennaio 2013 in Internet Archive.
  5. ^ Il Lago di Brinzio, vareselandoftourism.it
  6. ^ Comune e Pro Loco di Brinzio, pp.127-137.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune e Pro Loco di Brinzio, Virginio Arrigoni; Danilo Baratelli; Maria Teresa Luvini; Giancarlo Peregalli, Brinzio, Centocase Millecose, Varese, Ask Edizioni, 1994.
  • Avv. Carlo Piccinelli, Brinzio: storia e leggenda, uomini e cose, Varese, Tipografia Galli & c., 1930 (ristampato anastaticamente nel 2010 presso il Comune di Brinzio).
  • Giuseppe Quaglia, Laghi e torbiere del circondario di Varese, Varese, Tipografia Macchi & Brusa, 1884 (ristampa 1996).
  • Carlo Scaramuzzi, Ricordi di un Brinzio lontano, collana Il vento della memoria, Varese, Macchione Editore, 2010, ISBN 978-88-6570-000-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]