Athyrium filix-femina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Athyrium filix-femina
Athyrium filix-femina (Leaf).jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Pteridophyta
Classe Polypodiopsida
Ordine Polypodiales
Famiglia Dryopteridaceae
Genere Athyrium
Specie A. filix-femina
Nomenclatura binomiale
Athyrium filix-femina
(L.) Roth, 1799
Sinonimi

Felce femmina

Athyrium filix-femina (L.) Roth., la felce femmina, è una specie di felce appartenente alla famiglia delle Athyriaceae, originaria della maggior parte dell'emisfero settentrionale temperato, nonché dell'America centrale e meridionale. È spesso abbondante (è una delle felci più comuni) in ambienti boschivi umidi e ombrosi e viene spesso coltivata a scopo decorativo.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere Athyrium deriva dal greco athyros (= senza porte) per la forma peculiare dei suoi sori (le strutture riproduttive).

L'epiteto specifico filix-femina fa riferimento al suo portamento leggero ed elegante in contrasto con un'altra specie (Dryopteris filix-mas) denominata, per l'aspetto più robusto, felce maschio.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pagina inferiore con le evidenti strutture riproduttive (sori)

Pianta perenne con foglie lunghe fino a 1 m, 2-3 pennatosette, a contorno oblungo-lanceolato con punta allungata, e segmenti di secondo ordine pure oblungo-lanceolati e lungamente acuminati, divisi in lobi o lobetti dentati.

Le strutture riproduttive sono dette sori e sono reniformi ed allungate.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo areale copre la fascia temperata dell'emisfero settentrionale; è presente in Europa, Asia e America del Nord. Si trova nei boschi freschi fino al limite altitudinale boschivo.

In Italia è presente in tutte le regioni[1].

Coltivazione e usi[modifica | modifica wikitesto]

Numerose cultivar sono state sviluppate per uso ornamentale; le seguenti hanno ottenuto il premio al merito (Award of Garden Merit) della Royal Horticultural Society:

A. filix-femina 'Vernoniae'[2]

A. filix-femina 'Frizelliae' [3]

Le giovani fronde sono commestibili dopo la cottura; sia le fronde che i rizomi erano consumate anche dai nativi americani [4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) F. Bartolucci, L. Peruzzi e G. Galasso, An updated checklist of the vascular flora native to Italy, in Plant Biosystems - An International Journal Dealing with all Aspects of Plant Biology, vol. 152, n. 2, 4 marzo 2018, pp. 179–303, DOI:10.1080/11263504.2017.1419996. URL consultato il 24 maggio 2022.
  2. ^ (EN) Athyrium filix-femina &s;Vernoniae&s; | lady fern &s;Vernoniae&s; Ferns/RHS Gardening, su www.rhs.org.uk. URL consultato il 24 maggio 2022.
  3. ^ (EN) Athyrium filix-femina &s;Frizelliae&s; | tatting fern Ferns/RHS Gardening, su www.rhs.org.uk. URL consultato il 24 maggio 2022.
  4. ^ Mark Orsen, Northwest foraging: the classic guide to edible plants of the Pacific Northwest, Rev. and updated, Skipstone, 2011, ISBN 978-1-59485-366-1, OCLC 668195076. URL consultato il 24 maggio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica