La confessione della signora Doyle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La confessione della signora Doyle
Barbara Stanwyck in Clash by Night trailer.JPG
Barbara Stanwyck nel trailer
Titolo originaleClash by Night
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1952
Durata105 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico, noir
RegiaFritz Lang
SoggettoClifford Odets (testo teatrale)
SceneggiaturaAlfred Hayes
ProduttoreHarriet Parsons
Casa di produzioneRKO
FotografiaNicholas Musuraca
MontaggioGeorge Amy
MusicheRoy Webb
ScenografiaCarroll Clark, Albert S. D'Agostino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La confessione della signora Doyle (Clash by Night) è un film del 1952 diretto da Fritz Lang.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mae Doyle dopo essere tornata nella sua città natale, Monterey, in California, sposa un suo vecchio corteggiatore, un brav'uomo che nella vita fa l'umile pescatore. Lei lo tradisce con il suo migliore amico, una persona con pochi scrupoli, fuggendo con lui, ma il marito dopo una violenta reazione quando scopre il tutto, la perdona e l'accoglie a casa con la sua figlioletta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel film, tratto da un dramma, Scontro di notte, di Clifford Odets[1], si ritrova una vera lezione di pesca da documentario. La pellicola fu girata nella stessa cittadina di Monterey e prodotta dalla Wald/Krasna Productions.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente distribuita dalla RKO Pictures verrà poi distribuita (dal 2005) per il mercato home video attraverso il formato in DVD dalla Warner Home Video.

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[2]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Si evidenzia l'ottima interpretazione dell'attrice principale Barbara Stanwyck.[3]. Film incredibilmente superficiale, uno dei lavori meno suggestivi di Fritz Lang.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morando Morandini, Laura Morandini e Mauro Tassi, Il Morandini 2010, Zanichelli, ISBN 978-88-08-30176-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema