Vier um die Frau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quattro intorno a una donna
Titolo originale Vier um die Frau
Paese di produzione Germania
Anno 1921
Durata 63 min (1707 metri)
Rapporto 1,33 : 1
Genere drammatico
Regia Fritz Lang
Soggetto testo teatrale di Rolf E.Vanloo
Sceneggiatura Fritz Lang e Thea von Harbou
Produttore Erich Pommer
Casa di produzione Decla-Bioscop
Fotografia Otto Kanturek
Musiche Aljoscha Zimmermann (versione restaurata)
Scenografia Hans Jacoby, Ernst Meiwers
Interpreti e personaggi

Vier um die Frau (Quattro intorno a una donna) intitolato inizialmente Kämpfende Herzen (Cuori in lotta) è un film muto diretto nel 1921 in Germania da Fritz Lang.

Il film era considerato perduto: fu ritrovato a San Paolo nel 1986.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quattro uomini si contendono una donna. Il commerciante Yquem, falsario e illusionista, compra con banconote false all'amata moglie, che lo ha sposato indotta dal padre, un collier in un covo di ricettatori gestito da Upton. Entra nel locale malfamato mascherato e conclude l'imbroglio. Individua in quel luogo un uomo che assomiglia straordinariamente a un ritratto che la moglie custodisce nella sua stanza nuziale. Si tratta in realtà del gemello, William, dell'uomo di cui la donna è innamorata, Werner Krafft, a cui ha dovuto rinunciare sposando Harry. Incuriosito, Yquem lo pedina e giunto all'elegante albergo dove lo sconosciuto alloggia gli lascia un biglietto d'invito a casa sua, falsamente firmato con il nome della moglie. William Krafft, che è un ladro inveterato e punta a impadronirsi dei gioielli di Florence, accetta e per tutta la notte la casa del commerciante è teatro di atti violenti e criminosi. A un punto ci scappa anche il morto e la polizia fa un'irruzione nell'abitazione. Florence risulta innocente, William è riconosciuto come truffatore ed è arrestato. La stessa sorte subiscono Upton e Yquem.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo iniziale era Kämpfende Herzen (Cuori in lotta).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Prima proiezione: Berlino, Marmorhaus, 3 febbraio 1921

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Film und presse n. 516, 1921:

«La regia di Lang è artistica, sicura nell'uso degli effetti e originale nei particolari. Le scene crepuscolari e notturne hanno un'illuminazione straordinaria».

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Stefano Socci[1]:

«Nonostante lo schematismo e una certa rigidezza teatrale il film espone, nel gioco di finzioni, l'irriducibile polarità essere-apparire.Yquem è un illusionista. Con coerenza Lang rende quello che vediamo un problema di luce, un semplice gioco di prestidigitazione».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Socci, Fritz Lang, La nuova Italia, Firenze 1975, pag. 21.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Bogdanovich, Il cinema secondo Fritz Lang, Parma, Pratiche Editrice, 1988.
  • Lotte H. Eisner, Fritz Lang, Mazzotta, Milano 1978.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema