James Agee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

James Rufus Agee (Knoxville, 27 novembre 190916 maggio 1955) è stato uno scrittore, giornalista, sceneggiatore critico cinematografico statunitense. È stato insignito di un Premio Pulitzer postumo nel 1957 per il romanzo autobiografico A Death in the Family.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera nel giornalismo, attività che proseguì parallelamente alla narrativa, collaborando come critico cinematografico con The Nation, dal 1943 al 1948, oltre che su Time, Life, Partisan Review, Sight and Sound.

Inoltre scrisse numerosi saggi raccolti nel libro Agee on film; un secondo volume con lo stesso titolo incluse tutti i suoi scenari, da Un uomo tranquillo a La regina d'Africa.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Permit Me Voyage (1934)
  • Knoxville: Summer of 1915 (1935)
  • Sia lode ora a uomini di fama (Let Us Now Praise Famous Men: Three Tenant Families) (1941) Il saggiatore, 1994
  • La veglia all'alba (The Morning Watch) (1951)
  • Il mito del padre (A Death in the Family) (1957) Garzanti, 1960. Ripubblicato con il titolo Una morte in famiglia da Editori riuniti (1982) e da Edizioni e/o (2003)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46756190 · ISNI (EN0000 0001 2130 8918 · LCCN (ENn79039544 · GND (DE118643991 · BNF (FRcb11888169h (data) · ULAN (EN500341291 · NDL (ENJA00431045 · WorldCat Identities (ENn79-039544