Fortune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fortune (disambigua).
Fortune
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Periodicità Bisettimanale
Genere Rivista
Fondatore Henry Luce
Fondazione Febbraio 1930
Editore Time Inc.
ISSN 0015-8259 (WC · ACNP)
Sito web fortune.com
 

Fortune è una rivista che tratta di business globale pubblicata dalla Time Inc.'s Fortune|Money Group. Fondata da Henry Luce nel 1930, insieme a Time, Life, e Sports Illustrated.

Storia e organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Fortune fu fondata dal cofondatore del Time Henry Luce nel febbraio del 1930, quattro mesi dopo il Crollo di Wall Street del 1929 che segnò l'inizio della Grande depressione. Briton Hadden, partner di Luce, non era entusiasta dell'idea, ma in seguito alla sua morte Luce proseguì nei suoi piani.[1]

Luce scrisse un memo al direttivo del Time, Inc. nel November 1929, "Non saremo ultra-ottimisti. Riconoscere che questa crisi potrà durare anche un anno intero."[2]

Le singole copie costavano $1 mentre il New York Times domenicale costava solo 5c.[3][4] Fortune aveva il merito di curare in particolare la fotografia tra i suoi collaboratori ritroviamo Margaret Bourke-White e altri.

Una leggenda metropolitana dice che T M Clelland inserì il prezzo di $1 perché non erano capaci di decidersi circa il ricarico; la rivista fu stampata prima che chiunque se l'aspettasse e le persone, considerato il prezzo, pensarono che dovesse avere dei contenuti molto interessanti. Ci furono ben 30.000 sottoscrizioni per ricevere quella prima copia.[5]

Durante la Grande depressione, Fortune acquisì molta fama per la sua coscienza sociale, per le fotografie a colori di Walker Evans e Margaret Bourke-White e per il team di scrittori altamente qualificati tra cui James Agee, Archibald MacLeish, John Kenneth Galbraith e Alfred Kazin.

Fortune divenne un ramo importato dell'impero mediatico di Luce, Per molti anni Fortune fu una pubblicazione mensile prima di divenire, nel settembre 2005, bi-settimanale divenendo una delle più autorevoli riviste nel ramo business.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Henry Luce & His Time by Joseph Epstein, Commentary, Vol. 44, No. 5, November 1967
  2. ^ How the world works
  3. ^ At a time when business publications were little more than numbers and statistics printed in black and white, Fortune was an oversized 11"x14", using creamy heavy paper, and art on a cover printed by a special process.
  4. ^ Background
  5. ^ By 1937, the number of subscribers had grown to 460,000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]