Il conquistatore del Messico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il conquistatore del Messico
Il conquistatore del messico.JPG
Bette Davis e Brian Aherne in una scena del film
Titolo originale Juarez
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1939
Durata 132 min.
121 min (Turner Library)
Colore B/N
Audio Mono
Rapporto 1,37:1
Genere drammatico, storico, avventura
Regia William Dieterle
John Prettyman, Irving Rapper, Jack Sullivan (assistenti registi, non accreditati)
Soggetto dal romanzo The Phantom Crown di Bertita Harding e dal lavoro teatrale Juarez and Maximilian di Franz Werfel
Sceneggiatura John Huston, Æneas MacKenzie e Wolfgang Reinhart
Produttore Henry Blanke (associato)
Produttore esecutivo Hal B. Wallis
Casa di produzione First National Pictures e Warner Bros. Pictures
Distribuzione (Italia) WB (1947)
Fotografia Tony Gaudio
Montaggio Warren Low
Musiche Erich Wolfgang Korngold

Hugo Friedhofer, Milan Roder (arrangiamento orchestrale)

Leo F. Forbstein (direzione musicale)
Scenografia Anton Grot
George James Hopkins (arredatore)
Costumi Orry-Kelly
Eugene Joseff (gioielli)
Trucco Perc Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il conquistatore del Messico (Juarez) è un film del 1939 diretto da William Dieterle.

Spettacolare produzione della Warner Bros, ripresa con la fotografia curata da Tony Gaudio (candidato all'Oscar assieme a Brian Aherne, attore non protagonista) e diretta da un regista specializzato in questo genere di film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conquistato il Messico, Napoleone III ne offre la corona a Massimiliano d'Asburgo, sperando di vincere l'insurrezione e di impedire l'intervento degli Stati Uniti. Massimiliano accetta il trono che gli viene offerto attraverso un plebiscito, che egli crede spontaneo. Giunto in Messico si trova a fronteggiare la resistenza del partito repubblicano guidato da Benito Juárez. Animato da idee liberali e umanitarie, Massimiliano perde il supporto del partito conservatore, composto da latifondisti.

Nel frattempo Benito Juárez organizza la guerriglia che colpisce duramente le truppe governative. Massimiliano tenta invano di giungere a un compromesso, ma di fronte al rifiuto di Juárez deve ricorrere alle misure forti. Nel frattempo gli Stati Uniti chiedono e ottengono il ritiro delle truppe francesi dal Messico. Dopo la partenza dei francesi, l'impero crolla. L'imperatrice Carlotta impazzisce; Massimiliano viene fatto prigioniero e infine fucilato.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla First National Pictures e Warner Bros. Pictures e venne girato tra la fine di novembre 1938 e l'8 febbraio 1939[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Warner Bros. Pictures, Inc., fu registrato il 10 giugno 1939 con il numero LP8903[1].

Distribuito dalla Warner Bros. Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 10 giugno dopo una prima tenuta a New York il 24 aprile 1939[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AFI

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Gene Ringgold, The Films of Bette Davis, The Citadel Press - Secaucus, New Jersey 1966 - ISBN- 0-8065-0000-X
  • (EN) Clive Hirschhorn, The Warner Bros. Story, Crown Publishers, Inc. - New York, 1983 ISBN 0-517-53834-2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN193698711 · GND: (DE7676728-0
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema