Il concetto di tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il concetto di tempo
Titolo originaleDer Begriff der Zeit
AutoreMartin Heidegger
1ª ed. originale1924
Generesaggio
Sottogenerefilosofia
Lingua originaletedesco

Il concetto di tempo (Der Begriff der Zeit) è un'opera scritta da Martin Heidegger nel 1924.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il brevissimo testo corrisponde ad una conferenza tenuta da Heidegger a Marburgo presso la facoltà di teologia, dove fu chiamato a parlare del rapporto tra il tempo e l'esistenza. L'opera affronta il tema principale del tempo e i temi connessi dell'esistenza e dell'essere, che saranno sviluppati nell'opus maius del 1927 Essere e tempo.

Heidegger prende in considerazione il tempo oggettivo con riferimento alla scienza moderna, in particolare alla fisica di Newton e alla matematica di Galileo, e alla tecnica sia come prassi materiale che come metafisica. Il tempo oggettivo è il tempo della natura, cioè quel tempo che fa riferimento alle scienze fisiche e matematiche, le quali lo intendono come oggetto misurabile e calcolabile. Dunque, la scienza risponde alla domanda che cosa sia il tempo e lo misura attraverso un opportuno strumento che è l'orologio. Heidegger critica questa concezione oggettiva del tempo perché è creazione stessa della scienza (la suddivisione che l'orologio fa del tempo in determinati istanti è suddivisione arbitraria e una volta scelta l'unità di misura viene ripetuta ciclicamente dall'orologio) e inoltre, riducendo il mondo ad oggetto misurabile, non realizza una forma di conoscenza ma di controllo, cioè riduce il mondo a oggetto disponibile per se stessa.

In seguito analizza la soggettività del tempo con riferimento alla teoria di Agostino e implicitamente a quella di Bergson. Agostino è il punto di partenza per porre in maniera adeguata l'interrogazione sul tempo: infatti ne parla senza chiedersi che cos'è il tempo e di conseguenza senza rispondere il tempo è questo, cioè non pretende di ridurlo a una definizione esaustiva (come ha sempre fatto la metafisica). Inoltre, Agostino in modo decisivo riconduce il tempo a quello che lui chiama il sentirmi, cioè riconduce il tempo alla dimensione dell'interiorità dell'io. Viene citato il seguente passo: io misuro il sentirmi nell'esistenza presente, non le cose che passano affinché esso sorga. Per Heidegger questa concezione è adeguata perché riconosce lo stretto rapporto che sussiste tra il tempo e l'esserci (modo di essere dell'essere), ma è anche inadeguata perché è parziale, limitata, incompleta poiché intende il tempo solo su un versante, quello gnoseologico.

Secondo Heidegger il tempo (Zeit) non è tempo oggettivo della scienza, ne tempo soggettivo della conoscenza, ma è tempo dell'esistenza, cioè il tempo è modalità dell'esserci dell'essere, è il modo non soltanto attraverso cui l'esserci conosce il mondo, ma sceglie di esistere nel mondo. L'Essere progredisce e si manifesta all'uomo attraverso lo strumento-tempo. Il tempo diventa così un punto fondamentale per regolare e spiegare la vita in un senso strettamente ontologico. L'uomo e il tempo sono in teoria disconnessi,ma filosoficamente uniti da uno scopo esistenziale che si basa sulla continua conoscenza.Dunque, il testo presenta una concezione ermeneutica-cairologica del tempo: il tempo, nel suo senso originario, è Kairos cioè momento buono per agire, per decidere. In tal modo gli istanti non si equivalgono perché ognuno è indice della particolare scelta, azione che muove l'individuo (il momento è eterno).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia