Franco Volpi (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Volpi

Franco Volpi (Vicenza, 4 ottobre 1952Vicenza, 14 aprile 2009[1]) è stato un filosofo e storico della filosofia italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vicentino, storico della filosofia (e filosofo), fu professore ordinario di "storia della filosofia" presso l'Università di Padova e insegnò in varie università europee, canadesi e latinoamericane. Borsista della Fondazione Alexander von Humboldt di Bonn, membro dell'"Institut International de Philosophie" di Parigi, dell'Istituto veneto di scienze, lettere ed arti e dell'Accademia Olimpica di Vicenza, fu insignito dei premi "Montecchio" (1989) e "Nietzsche" (2000).

Tra le sue numerose pubblicazioni: Heidegger e Brentano (1976), La rinascita della filosofia pratica in Germania (1980), Heidegger e Aristotele (1984), Il nichilismo (1996, tradotto in varie lingue), Guida a Heidegger (1997), I prossimi Titani. Conversazioni con Jünger (1997, con Antonio Gnoli), Dizionario delle opere filosofiche (2000), Il Dio degli acidi. Conversazioni con Albert Hofmann (2003, con A. Gnoli), L'ultimo sciamano. Conversazioni heideggeriane (2006, con A. Gnoli), Storia della filosofia dall'antichità a oggi (2007, con Enrico Berti).

Per Adelphi curò opere di Schopenhauer, Heidegger e Carl Schmitt. Collaborò al quotidiano "la Repubblica" e occasionalmente alla "Frankfurter Allgemeine Zeitung".

Il 13 aprile 2009, mentre era in sella alla sua bicicletta a San Germano dei Berici, venne investito da un'auto e cadde in coma irreversibile. Morì il giorno successivo. Il 17 aprile fu commemorato dal preside Paolo Bettiolo assieme a tutto il corpo docente dell'Università di Padova[2].

Le sue ceneri sono al cimitero Carpaneda di Creazzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istituto veneto di scienze, lettere ed arti
  2. ^ Lorenzo Parolin, Commozione al Bo per l'addio a Volpi Il Giornale di Vicenza[collegamento interrotto], 18 aprile 2009. URL consultato il 19 aprile 2009.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Heidegger e Brentano. L'aristotelismo e il problema dell'univocità dell'essere nella formazione filosofica del giovane Martin Heidegger, Cedam, Padova, 1976, pp. 144
  • La rinascita della filosofia pratica in Germania, Francisci, Albano/Padova, 1980 in:Filosofia pratica e scienza politica, Francisci, Abano/Padova, 1980, pp. 180 (con Carlo Natali, Laura Iseppi, Claudio Pacchiani)
  • Heidegger e Aristotele, Daphne, Padova, 1984, pp. 226 (ristampa Bari, Laterza, 2010)
  • Lexikon der philosophischen Werke, Kröner, Stuttgart, 1988
  • Sulla fortuna del concetto di decadence nella cultura tedesca: Nietzsche e le sue fonti francesi, "Filosofia politica", 1995
  • Il nichilismo, Biblioteca Universale Laterza, Laterza, Roma-Bari, pp. IV-152; trad. port. O niilismo, Edicoes Loyola, Sao Paulo, 1999, pp. 163
  • Guida a Heidegger, Laterza, Roma-Bari 1997, 19982, pp. XVI-387
  • Hegel e i suoi critici, Per i licei e gli istituti magistrali, Laterza, Roma-Bari 1998

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71433278 · ISNI (EN0000 0001 2102 2311 · SBN IT\ICCU\CFIV\039548 · LCCN (ENn85165911 · GND (DE122340833 · BNF (FRcb12179450w (data)