Frankfurter Allgemeine Zeitung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frankfurter Allgemeine Zeitung
Logo
StatoGermania Germania
LinguaTedesco
PeriodicitàQuotidiano
FormatoBroadsheet
Fondazione1º novembre 1949
Inserti e allegatiFeuilleton
SedeHellerhofstraße 2-4, Francoforte sul Meno
Diffusione cartacea382 000 (3 luglio 2012)
CondirettoreCarsten Knop

Berthold Kohler
Jürgen Kaube
Gerald Braunberger

ISSN0174-4909 (WC · ACNP), 1431-3138 (WC · ACNP) e 1866-5314 (WC · ACNP)
Sito webwww.faz.net/
 
Redazione, Hellerhofstrasse 9, Francoforte sul Meno

Il Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) è un quotidiano tedesco, fondato nel 1949 con sede a Francoforte sul Meno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Politicamente posto su posizioni di centro-destra, conservatrici e liberali, il quotidiano rappresenta un punto di riferimento per uomini d'affari e intellettuali che apprezzano in particolare il supplemento letterario, il Feuilleton. Il Faz gode di un'ampia diffusione all'estero e dispone di una delle più grosse reti di corrispondenti, il che lo rende largamente indipendente dalle agenzie di stampa. L'edizione domenicale si chiama Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung. Una particolarità storica: fino al 2007 soltanto in 33 occasioni la prima pagina è stata accompagnata da una fotografia.[1]

Il secondo sabato del mese esce in allegato con una rivista di costume dal nome Frankfurter Allgemeine Magazin. Fino al 2020 anche l'edizione del venerdì è stata accompagnata da un allegato, il settimanale politico Frankfurter Allgemeine Woche, che ha poi cessato le pubblicazioni.

Particolarità del quotidiano è l'assenza di un direttore fisso. Le funzioni di quest'ultimo sono assolte da quattro Herausgeber (curatori editoriali) che coordinano il lavoro della redazione centrale e dei corrispondenti secondo principi di collegialità. A ogni Ressort (servizio) è poi affidato un caporedattore politico, economico, sportivo o del Feuilleton. La produzione online è invece coordinata da un caporedattore fisso e da un redattore responsabile.

Principali firme[modifica | modifica wikitesto]

  • Tobias Piller, corrispondente da Roma
  • Marcel Reich-Ranicki, fino al 2013 critico letterario e coordinatore delle pagine culturali
  • Jasper von Altenbochum, caporedattore per la politica interna
  • Florian Illies, responsabile del Feuilleton fino al 2004
  • Patrick Bahners, corrispondente per il Feuilleton da Colonia
  • Andreas Platthaus, responsabile delle pagine letterarie dal 2016
  • Joachim Fest, già condirettore fino al 1993
  • Volker Reiche, autore della striscia comica Strizz pubblicata dal 2002 al 2010 e ancora dal 2015
  • Greser&Lenz, vignettisti
  • Karl Feldmeier, fino al 2004 corrispondente politico prima da Bonn e poi da Berlino
  • Georg Paul Hefty, dal 1976 al 1993 corrispondente dall'Ungheria, poi editorialista fino al 2012
  • Hans Dietmar Barbier, redattore per la Borsa di Francoforte fino al 1974, poi dal 1986 al 2002 capo della redazione economica. Dal pensionamento alla scomparsa curò la rubrica Zur Ordnung.
  • Karl Friedrich Fromme, caporedattore per la politica interna fino al 1997, curò anche le sezioni di politica giudiziaria
  • Heinz Joachim Fischer, dal 1976 vaticanista e dal 1978 al 2009 corrispondente dall'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN183474101 · LCCN (ENn82056702 · GND (DE4155156-4 · BNF (FRcb12161236n (data) · J9U (ENHE987007302419805171 (topic)