Icelandair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Icelandair
Logo
Icelandair752insnow1200.jpg
StatoIslanda Islanda
Fondazione1937 a Reykjavík
Sede principaleReykjavík
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito web
Compagnia aerea standard
Codice IATAFI
Codice ICAOICE
Indicativo di chiamataICE AIR
HubKeflavík
Frequent flyerSaga Club
Flotta32
Destinazioni33
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Boeing 767-300 in atterraggio
Boeing 757-200 con winglets in decollo

La Icelandair è la più grande compagnia aerea dell'Islanda, con sede a Reykjavík. Opera voli verso numerose destinazioni europee e americane. In estate sono raggiunti numerosi altri aeroporti.

Nonostante la modesta importanza internazionale dell'Islanda dal punto di vista economico e demografico, la compagnia aerea di bandiera è un'azienda piuttosto fiorente e in grande crescita, in virtù della particolare posizione geografica che le permette di operare voli economici con scalo sull'isola fra il continente europeo e quello americano. Questo rende la compagnia islandese un'ottima alternativa alle rotte transatlantiche dirette e le permette di fare concorrenza alle grandi compagnie che detengono il monopolio in questo mercato.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

I B767-300 in flotta hanno un'età media di 15 anni. I Boeing B757-200 hanno un'età media di 20 anni. Nel dicembre del 2012 annunciati ordini per 16 Boeing 737 MAX misti tra MAX 8 e MAX 9 con 8 ulteriori opzioni.

Flotta di Icelandair[1]
Aereo In Flotta Ordini Passeggeri
B E Totale
Boeing 737 MAX 3 13[2] TBA TBA TBA
Boeing 757-200 27 0 22
0
161
200
183
200
Boeing 757-300 2 0 22 194 216
Boeing 767-300 4 0 25 237 262
Totale 32 15
  • RTK (tonnellate chilometro trasportate) per attività (2006)
    • 92,1 % passeggeri
    • 7,9 % cargo
  • RTK (tonnellate chilometro trasportate) per destinazione (2006)

Frequent Flyer Program[modifica | modifica wikitesto]

  • Saga Club

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ planespotters.net, https://www.planespotters.net/airline/Icelandair.
  2. ^ Boeing: Icelandair 737 Max Customer Highlights, su www.boeing.com. URL consultato il 26 agosto 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136186979 · LCCN (ENn92078576 · WorldCat Identities (ENn92-078576