I racconti del maresciallo (miniserie televisiva 1984)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I raconti del maresciallo
PaeseItalia
Anno1984
Formatominiserie TV
Generepoliziesco
Puntate6
Durata55 min. cad.
Lingua originaleitaliano
Rapporto4:3
Crediti
RegiaGiovanni Soldati
SoggettoMario Soldati
SceneggiaturaMario Soldati, Giovanni Soldati, Lucio De Caro
Interpreti e personaggi
MusicheManuel De Sica
CostumiFrancesca Panicali
ProduttoreSusanna Bolchi, Goffredo Potier
Produttore esecutivoAnna Amedei
Casa di produzioneRai - Radio Televisione Italiana
Prima visione
Dal28 marzo 1984
Al9 maggio 1984
Rete televisivaRai 1
Opere audiovisive correlate
PrecedentiI racconti del maresciallo, miniserie televisiva del 1968

I racconti del maresciallo è una miniserie televisiva del 1984 diretta da Giovanni Soldati; si tratta di un seguito basato sullo sceneggiato televisivo omonimo diretto da Mario Soldati (padre del regista Giovanni) nel 1968; la miniserie è tratta da alcuni racconti dello stesso Mario Soldati, come già accaduto per lo sceneggiato precedente.

La serie vede protagonista il maresciallo Gigi Arnaudi (lo stesso interprete dell'omonimo sceneggiato) interpretato da Arnoldo Foà, il personaggio, come già accaduto in precedenza, deve risolvere cinque casi differenti facendo appello alla sua astuzia e al suo fiuto per le indagini, pur rispecchiando una certa umanità e comprensione che spesso vede al primo posto i sentimenti dell'uomo anziché il dovere di poliziotto.

La miniserie è stata trasmessa in prima visione su Rai 1 nel 1984 ed in seguito replicata sulla stessa emittente (spesso in fascia notturna) e sull'emittente televisiva Rai Premium.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Prima visione
1 Suggestion diabolique 28 marzo 1984
2 La fine di Flok 4 aprile 1984
3 Il barboncino bianco 11 aprile 1984
4 L'oroscopo 18 aprile 1984
5 In loving menory 2 maggio 1984
6 La contessa dell'isola 9 maggio 1984

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione