Danilo Mattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Danilo Mattei nel film Anima persa (1977)

Danilo Mattei, pseudonimo di Danilo Mezzetti (Roma, ...[1]), è un attore italiano, attivo maggiormente dalla seconda metà degli anni settanta fino alla seconda metà degli anni ottanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Danilo Mattei in un fotogramma del film Cannibal Ferox (1981)

È un attore caratterista italiano; Danilo Mattei esordisce al cinema nel 1976 nel film Anima persa interpretando il ruolo di Tino, il timido nipote dell'ambiguo zio Fabio interpretato da Vittorio Gassman.

Quel primo ruolo da co-protagonista getta le basi che alimenta la carriera di Danilo Mattei, infatti l'anno successivo, l'attore riconferma ancora una volta la propria indole recitativa interpretando il ruolo di Cesare Costa, un giovane rivoluzionario della Roma ottocentesca e figlio illegittimo di un alto prelato interpretato da Nino Manfredi che durante lo svolgimento della pellicola tenterà di salvarlo dalla decapitazione in quanto ritenuto, all'epoca un fuorilegge.

Dopo l'iniziale partenza promettente, fin dalla prima metà degli anni ottanta la carriera di Danilo Mattei comincia ad appannarsi; inizialmente si cimenta in diversi ruoli e in generi differenti, ma nonostante il notevole operato, non riesce più a prendere parte ad alcuna pellicola di prestigio.

Dalla seconda metà degli anni ottanta dirada fortemente gli impegni cinematografici; oltre che alla possibile mancanza di ingaggi successivi, probabilmente, ciò è dovuto anche al fatto che l'attore rimase invischiato in alcune faccende giudiziarie che lo videro coinvolto come indagato.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Danilo Mattei, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata