Pagina principale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da HomePage)
Benvenuti su Wikipedia
L'enciclopedia libera e collaborativa
1 337 252 voci in italiano

Versione per dispositivi mobili

Clicca qui per sfogliare l'indice delle voci! Sfoglia l'indice   1rightarrow.pngConsulta il sommario   Clicca qui per navigare tra i portali tematici! Naviga tra i portali tematici

Vetrina
Vetrina
Allan Ramsay - King George III in coronation robes - Google Art Project.jpg

Giorgio Guglielmo Federico di Hannover (Londra4 giugno 1738 – Windsor29 gennaio 1820) è stato re di Gran Bretagna e re d'Irlanda dal 25 ottobre 1760 al 1º gennaio 1801 e da quella data sovrano del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda; fu anche duca di Brunswick-Lüneburgprincipe elettore di Hannover, che divenne un regno il 12 ottobre 1814, e re di Corsica dal 17 giugno 1794 al 15 ottobre 1796.

Fu il terzo sovrano in terra britannica della casa di Hannover, ma il primo ad essere nato in Inghilterra e ad usare l'inglese come lingua madre. Durante il suo lungo regno, il terzo in assoluto nella storia britannica, si verificarono eventi epocali per la storia dell'Inghilterra e di tutto il Regno: l'inizio della rivoluzione industriale, la guerra d'indipendenza degli Stati Uniti e le guerre napoleoniche. Inoltre Giorgio III fu il primo sovrano del Regno Unito.

Nel 1765 cominciò a dare segni di squilibrio mentale che si aggravarono col passare degli anni. Sull'origine della sua follia sono state avanzate diverse ipotesi: alcuni hanno ritenuto che potesse essere una conseguenza della porfiria, una malattia ereditaria del sangue; secondo il divulgatore scientifico canadese Joe Schwarcz, sintomi simili a quelli della porfiria possono dipendere dall'avvelenamento da piombo che, secondo lui, il re avrebbe potuto contrarre mangiando crauti cucinati in pentole di piombo. Altri studi effettuati su campioni di capelli del re, pubblicati nel 2005, hanno riscontrato un'alta concentrazione di arsenico, ammettendo l'ipotesi di un'intossicazione da arsenico all'origine dei disturbi. Dopo il definitivo crollo psichico del 1811, il figlio maggiore del re, Giorgio Augusto Federico, principe di Galles, governò come principe reggente fino alla morte del padre.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità
Voci di qualità
King Charles I after original by van Dyck.jpg

Carlo I Stuart (Dunfermline19 novembre 1600 – Londra30 gennaio1649) è stato re d'InghilterraScoziaIrlanda e Francia dal 27 marzo 1625 fino alla sua morte, avvenuta il 30 gennaio 1649 per decapitazione.

Sostenitore del diritto divino dei re come il padre Giacomo I, fu impegnato nella prima fase del suo regno in una dura lotta di potere contro il Parlamento, che si oppose risolutamente alle sue aspirazioni assolutistiche, contrastando soprattutto la sua pretesa di riscuotere le tasse senza l'assenso parlamentare.

Altra causa di attrito con una parte della società inglese fu la sua politica religiosa: perseverando nel "sentiero intermedio" della Chiesa anglicana, fu ostile alle tendenze riformate di molti dei suoi sudditi inglesi e scozzesi e da questi accusato di essere a sua volta troppo vicino al cattolicesimo. Sposò infatti una principessa cattolica, Enrichetta Maria di Francia, ma ebbe come stretto collaboratore l'arcivescovo di Canterbury, l'anglicano William Laud.

Le tensioni politiche e religiose accumulate nel corso degli anni esplosero nella Guerra civile inglese: contro di lui si scontrarono le forze del Parlamento, che si opponevano ai suoi tentativi di accrescere il suo potere in senso assolutistico, e dei puritani, che erano ostili alle sue politiche religiose. La guerra si concluse con una disfatta per Carlo, che fu catturato, processato, condannato e giustiziato con l'accusa di alto tradimento. La monarchia fu abolita e fu fondata al suo posto una repubblica, che però, morto il principale leader della rivoluzione, Oliver Cromwell, entrò rapidamente in crisi, consentendo al figlio di Carlo, Carlo II di restaurare la monarchia. Carlo I viene venerato come santo dalla Chiesa anglicana, che lo ricorda il 30 gennaio.

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...
Lo sapevi che...
Santi di ghiaccio.jpg

L'espressione santi di ghiaccio o santi dell'ultimo ghiaccio o santi dell'ultimo freddo fa riferimento, nella tradizione popolare, ad un'anomalia del clima, in particolare ad un brusco abbassamento delle temperature (prima dell'arrivo "definitivo" della bella stagione) che - secondo le antiche osservazioni dei contadini (ma anche secondo gli studi scientifici) - si dovrebbe verificare annualmente nell'Europa centro-settentrionale in corrispondenza della sesta settimana dall'equinozio di primavera e, più precisamente nelle date dell'11, 12, 13 e il 14 maggio, giorni dedicati rispettivamente a San Mamerto, San Pancrazio, San Servazio e San Bonifacio di Tarso. Essi sono ben noti in Germania, Polonia, Austria e Svizzera.

Leggi la voce  · Proponi un'altra voce

Ricorrenze
Ricorrenze
George Frideric Handel by Balthasar Denner.jpg
Georg Friedrich Händel

Nati il 23 febbraio...
Georg Friedrich Händel (1685)
Kazimir Severinovič Malevič (1878)
Karl Jaspers (1883)

... e morti
John Keats (1821)
Carl Friedrich Gauss (1855)
Stan Laurel (1965)

In questo giorno accadde...
1548 - I rappresentanti dei comuni appartenenti al marchesato di Saluzzo, dopo aver deposto il marchese Gabriele, si sottomettono alla Francia.
1904 - Gli Stati Uniti d'America, per 10 milioni di dollari, ottengono il controllo della zona del canale di Panama.
1947 - Viene fondata l'Organizzazione internazionale per la normazione, conosciuta come ISO.
1956 - Nikita Krusciov attacca la venerazione di Stalin come culto della personalità.

Oggi ricorre: la Guyana celebra la festa nazionale. In Russia si festeggia il giorno dei difensori della madrepatria (già giorno dell'Armata Rossa). La Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Giovanni Theristis, Policarpo di Smirne e Primiano di Ancona.

Nelle altre lingue
Nelle altre lingue

Di seguito sono elencate le 10 versioni maggiori di Wikipedia e una selezione casuale di altre edizioni con un numero minore di voci:

Le 10 maggiori (al 23 febbraio 2017): English (inglese) (5.341.517+) · Binisaya (cebuano) (4.040.847+) · Svenska (svedese) (3.783.059+) · Deutsch (tedesco) (2.035.125+) · Nederlands (olandese) (1.894.444+) · Français (francese) (1.845.487+) · Русский (russo) (1.375.401+) · Italiano (1 337 252) · Español (spagnolo) (1.317.825+) · Winaray (waray) (1.262.271+)

Dal mondo di Wikipedia: 中文 (cinese) · Volapük (volapük) · فارسی (persiano) · हिन्दी (hindi) · ইমার ঠার/বিষ্ণুপ্রি (bishnupriya manipuri) · Aragonés (aragonese) · Žemaitėška (samogitico) · Gàidhlig (gaelico scozzese) · Hornjoserbsce (sorabo superiore) · 吴语 (wu) · ދިވެހިބަސް (maldiviano) · भोजपुरी (bihari) · Deitsch (tedesco della Pennsylvania) · မ္ရန္‌မာစာ (birmano) · Chavacano (chavacano) · ଓଡ଼ିଆ (oriya) · Словѣ́ньскъ ѩꙁꙑ́къ (antico slavo ecclesiastico) · Mìng-dĕ̤ng-ngṳ̄ (min dong) · SiSwati (swati)

Oltre Wikipedia
Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia Foundation, fondazione senza fini di lucro, che supporta diversi altri progetti wiki dal contenuto libero e multilingue:

Commons-logo.svg
Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiquote-logo.svg
Wikiquote
Raccolta di citazioni
Wiktionary-logo.svg
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikinews-logo.svg
Wikinotizie
Notizie a contenuto aperto
Wikispecies-logo.svg
Wikispecies
Catalogo delle specie
Wikimedia Community Logo.svg
Meta-Wiki
Progetto di coordinamento Wikimedia
Wikibooks-logo.svg
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi scritti ex novo
Wikisource-logo.svg
Wikisource
Opere già pubblicate e libere da copyright
Wikiversity-logo.svg
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Wikidata-logo.svg
Wikidata
Database di conoscenza libera
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg
Wikivoyage
Guida turistica mondiale

Wikipedia
Wikipedia

Wikipedia è un'enciclopedia online, collaborativa e libera.

Grazie al contributo di volontari da tutto il mondo, Wikipedia è disponibile in oltre 280 lingue. Chiunque può contribuire alle voci esistenti o crearne di nuove, affrontando sia gli argomenti tipici delle enciclopedie tradizionali sia quelli presenti in almanacchi, dizionari geografici e pubblicazioni specialistiche.

I contenuti di Wikipedia sono protetti da una licenza libera, la Creative Commons CC BY-SA, che ne permette il riutilizzo per qualsiasi scopo adottando la medesima licenza.

Cosa posso fare?
Cosa posso fare?

Chi fa Wikipedia?
Chi fa Wikipedia?

La comunità di Wikipedia in lingua italiana è composta da 1 471 030 utenti registrati, dei quali 8 752 hanno contribuito con almeno una modifica nell'ultimo mese e 107 hanno funzioni di servizio. Gli utenti costituiscono una comunità collaborativa, in cui tutti i membri, grazie anche ai progetti tematici e ai rispettivi luoghi di discussione, coordinano i propri sforzi nella redazione delle voci.

Novità da Wikipedia
Novità da Wikipedia

Voci nuove in evidenza:

Jean Marie Bosser · Elogio di Carlo V · Internet in Giappone

Voci sostanzialmente modificate in evidenza:

Primera División messicana 1953-1954 · Amabili resti · BMW E39

Sono nati i portali:

Cambogia · Femminismo · Ellenismo · Antico Egitto · L'Aquila ·

il Wikipediano, notizie dalla comunità

Dagli altri progetti
Dagli altri progetti
Wikimedia-logo-meta.svg Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Meridiana a cannone)

Wikiquote-logo.svg Citazione del giorno da Wikiquote

Prendi posizione. La neutralità favorisce sempre l'oppressore, non la vittima.
Elie Wiesel

Commons-logo.svg Immagine del giorno da Commons
Al Grey (Gottlieb).jpg

Al Grey, suonatore di trombone jazz, fotografato da William P. Gottlieb negli anni Ottanta.

Wikinews-logo.svg Ultime notizie da Wikinotizie
Wikisource-logo.svg Rilettura del mese su Wikisource

Fior di Sardegna
Grazia Deledda, Sesto San Giovanni, Casa Editrice Madella, 1917

Fior di Sardegna (Racconti).djvu
Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg Destinazione del mese su Wikivoyage

Las Palmas de Gran Canaria

Las Palmas de Gran Canaria homebanner.jpg

Questo mese consigliamo Las Palmas de Gran Canaria nelle Isole Canarie. Città dal clima tropicale, rinomata per il suo carnevale, Las Palmas è una meta prediletta del turismo invernale di provenienza europea.

Wikipedia non dà garanzie sulla validità dei contenuti
Il progetto è ospitato dalla Wikimedia Foundation, che non può essere ritenuta responsabile di eventuali errori contenuti in questo sito.
Ogni contributore è responsabile dei propri inserimenti.