Gianfranco Menegali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco Menegali
Gianfranco Menegali.JPG
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1967-1970
1970-1983
Serie B
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
1976 Premio Giovanni Mauro

Gianfranco Menegali (Roma, 17 giugno 1933Trevignano Romano, 1º novembre 2016) è stato un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato a calcio a livello agonistico, inizia l'attività di arbitro nel 1958. Il 16 maggio 1971 arriva il debutto in serie A, in occasione della partita Milan-Cagliari: al termine della carriera avrebbe diretto 249 partite tra professionisti, di cui 141 nella massima divisione e 108 in serie B. Tra le "classiche" del campionato arbitrate, si annoverano un derby di Milano, due Juventus-Milan, un derby della Mole e due derby della Lanterna.

Nel 1974 viene nominato direttore di gara internazionale e all'estero avrebbe totalizzato 70 presenze.
Di professione è stato legale assicurativo.

Menegali il 12 ottobre 1975, a un minuto dalla fine di Como-Juventus (si era sul 2-1 per la squadra di casa), fischiò una punizione dal limite a favore dei bianconeri per una bestemmia di Correnti, centrocampista del Como. Il tiro di Causio fu deviato da Fontolan, autorete: finì 2-2.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Le principali soddisfazioni Menegali le ottiene a partire dal 1976, quando gli fu cconferito l'ambito "Premio Giovanni Mauro", riconoscimento alla carriera arbitrale.

Nel 1977 è convocato in Tunisia per dirigere in occasione della prima edizione del Campionato mondiale di calcio Under-20 (dove gli viene assegnata la semifinale Uruguay-U.R.S.S.), esperienza poi bissata nell'ottobre 1981 nell'edizione disputata in Australia: arbitra nella fase a gironi la "classica" Argentina - Inghilterra a Sydney (1-1) e a Melbourne il quarto di finale tra Romania e Uruguay (2-1). Nel 1983, all'ultimo anno di attività, è chiamato a dirigere la finale di Coppa delle Coppe a Göteborg tra Aberdeen e Real Madrid, con successo della formazione scozzese per 2 a 1 dopo i tempi supplementari.

Nel 1984 scrive e fa pubblicare il libro, scritto a quattro mani con il giornalista Enzo Sasso, "L'arbitro di calcio: manuale tecnico-pratico".

A livello dirigenziale lo si ricorda come vicecommissario C.A.N. C e Commissione Arbitri Interregionale (C.A.I.), presidente del Comitato Regionale Arbitri (C.R.A.) del Lazio e rappresentante A.I.A. presso la giustizia sportiva.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie