George Carlin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
George Carlin durante uno dei suoi ultimi monologhi nel 2008
Firma di Carlin

George Dennis Patrick Carlin (New York, 12 maggio 1937Santa Monica, 22 giugno 2008) è stato un comico, attore e sceneggiatore statunitense.

Era celebre per l'atteggiamento irriverente e le osservazioni sul linguaggio, la psicologia e la religione, nonché su numerosi argomenti considerati tabù negli Stati Uniti; la sua scenetta Seven Dirty Words ("Sette parole volgari"), degli anni Settanta, fu oggetto di una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti a seguito della quale il governo statunitense fu autorizzato a regolamentare il contenuto delle trasmissioni pubbliche per evitare l'uso di un linguaggio eccessivamente volgare alla radio e alla televisione: esistono, quindi, sette parole che non possono essere pronunciate in onda, sotto pena di sanzioni piuttosto pesanti.[1]

Nel 2004 la rete Comedy Central lo ha classificato secondo miglior comico statunitense di tutti i tempi alle spalle di Richard Pryor[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

George Carlin nasce a New York e cresce a Morningside Heights, un quartiere di Manhattan, che lui soprannomina "la Harlem bianca". Viene cresciuto dalla madre, che aveva lasciato il padre quando lui aveva due mesi; il padre morì quando George aveva otto anni. All'età di 14 anni, Carlin lascia la scuola e si arruola nell'aviazione, formandosi al mestiere di tecnico radar; presta servizio presso la base aerea di Barksdale, a Bossier City, Louisiana. Durante questo periodo comincia a lavorare come disc jockey in una città nei pressi della base militare. Non termina il servizio: considerato "non produttivo" dai superiori, viene congedato nel luglio 1957.

A 18 anni, comincia a scrivere alcune scenette e si esibisce come comico nei locali notturni. Trova il successo e appare nei programmi di varietà alla televisione negli anni Sessanta. Sviluppa una serie di scenette che riunisce nel suo primo albo, uscito nel 1967 e registrato durante uno spettacolo realizzato l'anno precedente: Take Offs and Put Ons.

Negli anni Settanta, ìdea e sviluppa la scenetta Seven dirty words, che tratta di sette parole volgari che nessuno dovrebbe pronunciare in televisione; lo sketch resta certamente il più noto della sua carriera, anche per le sue conseguenze giudiziarie: infatti Carlin è arrestato nel 1972, durante uno spettacolo, per violazione delle leggi locali a causa della volgarità dei suoi spettacoli; nel 1973, un uomo sporge denuncia presso la Commissione Federale delle Comunicazioni (FCC) dopo che suo figlio ha ascoltato questa famosa scenetta alla radio: l'emittente è citata in giudizio dalla FCC per aver violato le regole concernenti l'impiego di linguaggio osceno. Nel 1978, una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti dichiara che le parole di Carlin erano volgari ma non oscene e che la FCC avrebbe avuto l'autorità per vietare tali trasmissioni alla radio quando dei bambini potevano essere in ascolto. Questa controversia aumenta la popolarità di George Carlin, che mantiene vivo questo filone delle parole volgari.

George Carlin negli anni Settanta

Diviene il primo animatore della trasmissione Saturday Night Live della rete NBC nel 1975. La sua carriera continua in seguito con spettacoli quali A Place For My Stuff o Playin' With Your Head, e più recentemente Life is Worth Losing nel 2005.

Recita anche in serie TV e pellicole cinematografiche come Il principe delle maree (1991), Dogma (1999) e Scary Movie 3 (2003). Partecipa ugualmente alle pellicole d'animazione Cars - Motori ruggenti nel 2006, dando la voce a Fillmore, il minibus Volkswagen.

Muore per un attacco di cuore a Santa Monica, California, il 22 giugno 2008, a 71 anni. La settimana precedente era stato scelto dal John F. Kennedy Center for the Performing Arts per ricevere il Mark Twain Prize 2008, un premio alla carriera.

Accuse di incoerenza[modifica | modifica wikitesto]

George Carlin fu accusato di essersi svenduto quando girò alcune pubblicità per il servizio 10-10-220 della compagnia telefonica MCI.[3][4][5] Qualche anno prima, Carlin aveva espresso il suo disgusto per le pubblicità della MCI nel suo album Back in Town (1996) e nell'album You Are All Diseased (1999), contenente satira contro la pubblicità e il commercio. Carlin ammise l'incoerenza ma non diede spiegazioni, dichiarando: "Cercate di spiegarvi quella merdata da soli". In alcune interviste, Carlin sostenne di aver prestato il proprio volto a quelle pubblicità per pagare un grosso arretrato di tasse all'IRS.[6][7]

Carlin e la religione[modifica | modifica wikitesto]

George Carlin fu educato secondo i dettami della tradizione cattolica (come egli stesso narra in Class Clown). Tuttavia era un ateo dichiarato, divenuto famoso per la sua scenetta in cui parodiava e ridicolizzava la religione (in particolare quella cristiana) presentandola come «la campionessa assoluta in termini di false promesse e pretese esagerate», nella convinzione che l'uomo non deve aver timore di Dio, perché ci avrebbe creati con un libero pensiero.

«La religione ha convinto la gente che c'è un uomo invisibile che vive in cielo e guarda tutto ciò che fai, ogni minuto di ogni giorno. E l'uomo invisibile ha una lista di dieci specifiche cose che non vuole tu faccia. E se fai una qualunque di quelle cose, ti manderà in un posto speciale, pieno di fuoco e fiamme e torture e angoscia, dove vivrai e soffrirai e griderai e brucerai per sempre, fino alla fine dei secoli. Ma lui ti ama. Ti ama e ha bisogno di soldi!»

(George Carlin)

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 1961 si sposa con Brenda Hosbrook, che aveva incontrato mentre era in tournée e che morì l'11 maggio 1997 a causa di un tumore al fegato; dal matrimonio Carlin ha avuto una figlia, Kelly, nata il 15 giugno 1963.

Nel giugno del 1998, 13 mesi dopo essere rimasto vedovo, si risposa con la sceneggiatrice Sally Wade.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966 Take Offs and Put Ons
  • 1972
    • FM & AM
    • Class Clown
  • 1973 Occupation: Foole
  • 1974 Toledo Window Box
  • 1975 An Evening with Wally Londo Featuring Bill Slaszo
  • 1977 On the Road
  • 1981 A Place for My Stuff
  • 1984 Carlin on Campus
  • 1986 Playin' With Your Head
  • 1988 What Am I Doing In New Jersey?
  • 1990 Parental Advisory: Explicit Lyrics
  • 1992
    • Jammin' in New York
    • Classic Gold (Classic Gold)
  • 1995 Killer Carlin
  • 1996 Back in Town
  • 1999
    • You Are All Diseased
    • The Little David Years (1971-1977)
  • 2001 Complaints and Grievances
  • 2002 George Carlin on Comedy
  • 2005 Life Is Worth Losing
  • 2007 More Napalm & Silly Putty
  • 2008 It's Bad for Ya

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatore è stato sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Queste parole sono: shit, piss, fuck, cunt, cocksucker, motherfucker e tits. Si veda la trascrizione dello sketch Archiviato il 23 gennaio 2011 in Internet Archive., ospitata dalla Scuola di legge dell'Università del Missouri-Kansas City (UMKC).
  2. ^ La Classifica dei 100 migliori comici di tutti i tempi, su standupcomedy.it. URL consultato il 4 settembre 2015.
  3. ^ Gettingit.com: The Happy Pessimist Archiviato il 30 maggio 2015 in Internet Archive.
  4. ^ The adMan - A Knee-Jerk to the Groin of American Advertising
  5. ^ 1-800-SELL-OUT - TeeVee.org Archiviato il 4 luglio 2007 in Internet Archive.
  6. ^ Copia archiviata, su avclub.com. URL consultato il 28 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
  7. ^ George Carlin talks money with Bankrate.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61755718 · ISNI (EN0000 0000 8141 3034 · LCCN (ENn84100264 · GND (DE142097233 · BNF (FRcb14161840t (data) · WorldCat Identities (ENn84-100264