I ragazzi del sabato sera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I ragazzi del sabato sera
Welcome Back Kotter Sweathogs 1976.jpg
Alcuni dei componenti del cast
Titolo originale Welcome Back, Kotter
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1975-1979
Formato serie TV
Genere sit-com
Stagioni 4
Episodi 95
Durata 20-25 min (episodio)
Lingua originale inglese
Crediti
Interpreti e personaggi
Prima visione
Prima TV originale
Dal 9 settembre 1975
Al 10 agosto 1979
Rete televisiva ABC
Prima TV in italiano
Dal 12 maggio 1980
Al 30 agosto 1985
Rete televisiva Rai 2 - Canale 5

I ragazzi del sabato sera (Welcome back, Kotter) è una serie televisiva statunitense trasmessa dalla ABC tra il 1975 e il 1979.[1] In Italia è stata trasmessa, per la prima volta, su Rai 2 a partire dal 12 maggio del 1980[2][3] in una selezione di 25 episodi.

Tale selezione venne effettuata scegliendo esclusivamente quelli dove il personaggio di Vinnie Barbarino, interpretato da John Travolta, aveva un ruolo più consistente.[4] Tutto questo per sfruttare l'enorme popolarità che l'attore italo-americano aveva raggiunto in quel periodo, grazie soprattutto ai film La febbre del sabato sera e Grease. Sempre per lo stesso motivo venne scelto il titolo italiano della serie che richiamava i recenti successi cinematografici di Travolta senza avere nulla a che vedere con quello originale.[5]

Nel 1985[6][7] fu Canale 5 a riproporre la serie trasmettendo un numero maggiore di episodi. Nel corso degli anni è stata poi trasmessa, a più riprese, anche da varie televisioni private locali.[8][9]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gabe Kotter, un giovane e moderno professore liceale, va ad insegnare nella scuola superiore che lo vide studente, a Brooklyn. La classe che gli affidano è composta da un gruppo di teppisti e scapestrati, tra cui spicca l'italiano Vinnie Barbarino, che ha la vena poetica e insulta in rima il suo prossimo, Juan Epstein, un ebreo di origini latino americane, l'impacciato e nevrotico Arnold Horshack, e l'afroamericano Freddie Boom Boom Washington.

Con i suoi metodi e la sua simpatia, Gabe cerca di imbrigliare il gruppo. Il professore vive con la moglie Julie in una casa poco lontana dall'edificio scolastico. Nel 1977 la serie vide l'ingresso delle due figlie della coppia.

Colonna sonora e sigle[modifica | modifica wikitesto]

Il brano della sigla originale statunitense, intitolato "Welcome Back", è stato composto e interpretato da John Sebastian ed è stato primo in classifica negli USA nel maggio del 1976.[10]

Nell'edizione italiana la sigla è stata affidata al brano "Call Me In America" scritto da Celso Valli e Alan Taylor ed interpretato dai Pop Welcome[11] e al brano italo disco "Play Your Game" composto da Moreno Forzan e Renato Micaglio e interpretato da Dave Force.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jeanette M. Berard e Klaudia Englund, Television Series and Specials Scripts, 1946–1992: A Catalog of the American Radio Archives Collection, McFarland, 2009, p. 325, ISBN 9780786454372.
  2. ^ Spettacoli - Teleschermi accesi - Torna Travolta, in Stampa Sera, nº 114, 1980, p. 24.
  3. ^ Spettacoli - Programmi TV - Rete due, in L'Unita, nº 109, 1980, p. 8.
  4. ^ Da domani in Tv la serie «I ragazzi del sabato sera», in La Stampa, nº 101, 1980, p. 21.
  5. ^ Paolo Morando, Dancing Days: 1978-1979. I due anni che hanno cambiato l’Italia, Gius.Laterza & Figli Spa, 2015, ISBN 9788858102336.
  6. ^ Spettacoli - Oggi alla TV - Canale 5, in Stampa Sera, nº 159, 1985, p. 7.
  7. ^ Settegiorni Televisione e Radio - Lunedi 1 - Canale 5, in L'Unita, nº 141, 1985, p. 9.
  8. ^ Le TV private in Liguria - Canale 7, in La Stampa, nº 281, 1986, p. 24.
  9. ^ Programmi TV - Rete Piemonte, in Stampa Sera, nº 49, 1987, p. 21.
  10. ^ (EN) 'Friends' The AIDS Sales of Rembrandt' Eastwest 'L.P.', in Billboard, vol. 100, nº 24, 1995, p. 95.
  11. ^ Pop Welcome ?– Call Me In America, discogs.com. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  12. ^ Dave Force ?– Play Your Game, discogs.com. URL consultato l'11 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione