Galeopsis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Canapetta
Galeopsis segetum 2005.07.11 09.11.11.jpg
Galeopsis segetum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Lamiales
Famiglia Lamiaceae
Genere Galeopsis L., 1753
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi I
Ordine Lamiales
Famiglia Lamiaceae
Sottofamiglia Lamioideae
Specie
(Vedi: Specie di Galeopsis )

Canapetta (nome scientifico Galeopsis L., 1753) è un genere di piante Spermatofite Dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Lamiaceae dall'aspetto di piccole erbacee perenni o annuali dai tipici fiori a forma labiata.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Linneo nel 1753 nel creare il nome generico di queste piante ha pensato indubbiamente alla forma di “elmo” del labbro superiore della corolla.[2] Galeopsis è un antico nome greco/latino (derivato da "galea" = casco) già usato da Gaio Plinio Secondo (Como, 23 – Stabiae, 25 agosto 79]), scrittore, ammiraglio e naturalista romano, per qualche pianta simile alle ortiche.[3][4]

Il nome scientifico del genere è stato definito da Linneo (1707 – 1778), conosciuto anche come Carl von Linné, biologo e scrittore svedese considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione "Species Plantarum - 2: 579"[5] del 1753.[6]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il portamento
Galeopsis angustifolia
Infiorescenza
Galeopsis speciosa

Le specie si questo genere possono raggiungere i 100 cm di altezza. La forma biologica è prevalentemente terofita scaposa (T scap), ossia in generale sono piante erbacee che differiscono dalle altre forme biologiche poiché, essendo annuali, superano la stagione avversa sotto forma di seme e sono munite di asse fiorale eretto e spesso privo di foglie. La pubescenza di queste piante è molto variabile: possono essere semplicemente pelose, ma anche glabre, oppure con peli ispidi (rigidi) e anche glandulosi. [7][8][9][10][11][2]

Radici[modifica | modifica wikitesto]

Le radici normalmente sono del tipo a fittone.

Fusto[modifica | modifica wikitesto]

La parte aerea del fusto è eretta, ascendente; nella parte alta è ramosa. La sezione del fusto è tetragona a causa della presenza di fasci di collenchima posti nei quattro vertici, mentre le quattro facce sono concave. Ai nodi il fusto è (oppure no) ingrossato (per accumulo di acqua) e spesso ricoperto da setole patenti o da brevi peli ghiandolari. In alcune specie la pubescenza è distribuita sulle facce opposte alternativamente.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono picciolate e lungo il caule hanno una disposizione opposta, ossia sono inserite a due a due a livello dei nodi. Le forme variano da lineari a lanceolate o ovato-lanceolate con base allargata e apice acuminato; i margini sono interi o dentati. La superficie può essere pubescente.

Infiorescenza[modifica | modifica wikitesto]

L'infiorescenza è tirsoide del tipo verticillata: i fiori (a 6 fino a 30) sono disposti nei verticilli delle ascelle fogliari. Alla base dell'infiorescenza sono presenti a volte delle piccole brattee spinescenti.

Fiore[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono ermafroditi, zigomorfi (il calice è più o meno attinomorfo), tetraciclici (con i quattro verticilli fondamentali delle Angiosperme: calice– corollaandroceogineceo) e pentameri (calice e corolla sono formati da cinque elementi).

X, K (5), [C (2+3), A 2+2], G (2), supero, drupa (4 nucole)
  • Corolla: la corolla e gamopetala e zigomorfa; può essere colorata di giallo, rosso, bianco o rosa; la forma è quella tipica delle “labiate” con struttura 1/3, ossia le fauci terminano con due labbra: quella superiore è simile ad un piccolo elmo spesso peloso; quella inferiore è trilobata: i due lobi laterali sono un po' penduli e più piccoli, mentre quello centrale, più grande intero e quadrato oppure bifido, è diviso in due parti da una specie di carenatura e a volte presenta delle screziature a vari colori.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto (di tipo schizocarpo) è formato da quattro tetracheni sub – sferici (nucule) inseriti nella parte bassa del calice. La forma è arrotondata all'apice, la superficie è glabra.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sono piante proprie delle zone temperate dell'Europa e dell'Africa settentrionale, ma alcune si sono naturalizzate anche nelle Americhe. Quindi sono diffuse in tutto il Mondo, ma sempre nelle zone temperate. Il centro di maggiore diversità è in Europa. L'habitat tipico è quello aperto e disturbato delle rive dei laghi.[11]

Tutte le specie spontanee della flora italiana vivono sull'arco alpino. La tabella seguente evidenzia alcuni dati relativi all'habitat, al substrato e alla distribuzione delle specie alpine[12].

Specie Comunità
vegetali
Piani
vegetazionali
Substrato pH Livello trofico H2O Ambiente Zona alpina
Galeopsis angustifolia 3 subalpino
montano
collinare
Ca basico basso secco B2 B5 C1 C3 BG BS
Galeopsis bifida 5 subalpino
montano
collinare
Si acido alto medio B3 B6 BG VI BZUD
Galeopsis ladanum 3 subalpino
montano
Ca - Si neutro basso secco C3 Tutto l'arco alpino
Galeopsis pubescens 5 montano
collinare
Ca - Si neutro alto medio B3 B6 Tutto l'arco alpino
Galeopsis reuteri 3 montano
collinare
Ca basico basso secco C3 CN
Galeopsis segetum 3 montano
collinare
Si acido medio medio B1 B2 C3 BG BS
Galeopsis speciosa 2 montano
collinare
Ca - Si neutro alto umido B1 B6 G4 Alpi centrali e orientali
Galeopsis tetrahit 11 subalpino
montano
collinare
Ca - Si neutro alto medio B1 B2 B6 B7 C3 Tutto l'arco alpino
Legenda e note alla tabella.

Substrato con “Ca/Si” si intendono rocce di carattere intermedio (calcari silicei e simili); vengono prese in considerazione solo le zone alpine del territorio italiano (sono indicate le sigle delle province).
Comunità vegetali: 2 = comunità terofitiche pioniere nitrofile: 3 = comunità delle fessure, delle rupi e dei ghiaioni; 5 = comunità perenni nitrofile; 11 = comunità delle macro- e megaforbie terrestri.
Ambienti: B1 = campi, colture e incolti; B2 = ambienti ruderali, scarpate; B3 = siepi e margini dei boschi; B5 = rive, vicinanze corsi d'acqua; B6 = tagli rasi forestali, schiarite, strade forestali; B7 = parchi, giardini, terreni sportivi; C1 = ambienti sabbiosi, affioramenti rocciosi; C2 = rupi, muri e ripari sotto roccia; C3 = ghiaioni, morene e pietraie; G4 = arbusteti e margini dei boschi.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di appartenenza del genere (Lamiaceae), molto numerosa con circa 250 generi e quasi 7000 specie, ha il principale centro di differenziazione nel bacino del Mediterraneo e sono piante per lo più xerofile (in Brasile sono presenti anche specie arboree). Per la presenza di sostanze aromatiche, molte specie di questa famiglia sono usate in cucina come condimento, in profumeria, liquoreria e farmacia. Il genere Galeopsis si compone di qualche decina di specie, otto delle quali vivono in Italia.

Tradizionalmente la posizione di questo genere era così classificata:[13]

  • Famiglia: "Lamiaceae" definita dal botanico inglese John Lindley (1799-1865) nel 1836.
  • Tribù: "Galeopsideae" definita da Roberto de Visiani (1800–1878) nel 1847.
  • Sottotribù: "Galeopsidinae" definita dal botanico e politico belga Barthélemy Charles Joseph Dumortier (1797-1878) nel 1822.

Posizione che è stata rivista con gli ultimi studi sul DNA. Attualmente il genere Galeopsis non è stato assegnato a nessuna tribù e nell'ambito della sottofamiglia Lamioideae ricopre la posizione di "incertae sedis".[11] Le specie di questa sottofamiglia sono caratterizzata dallo stilo di tipo ginobasico e dal polline 3-colpato con 2 celle.[11] Nelle classificazioni più vecchie la famiglia è chiamata Labiatae.

Il numero cromosomico delle specie del genere Galeopsis è: 2n = 16, (30) e 32.[11]

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Cladogramma del genere

Il genere Galeopsis nell'ambito della sottofamiglia Lamioideae occupa una posizione centrale. In particolare i due suoi sottogeneri (Galeopsis Rchb. e Ladanum Rchb.) formano un clade ben sostenuto (il genere è fortemente monofiletico), e per il momento rimangono posizionati "esternamente" alle tribù (della sottofamiglia) come "gruppo fratello" della tribù Stachydeae insieme ad alcune specie del genere Stachys (qui chiamate Betonica) che in base alle ultime ricerche filogenetiche di tipo cladistico sembrano acquistare una certa autonomia. Due sinapomorfie morfologiche sono presenti in questo gruppo: (1) la presenza di due protuberanze coniche vicino alla base del labbro anteriore della corolla, e (2) antere la cui deiscenza è per due valvole, di cui la superiore è fimbriata.[14]

La struttura interna del genere è complicata dalla presenza di specie allopoliploidi derivate da ibridi rincrociati più volte. Ad esempio in riferimeno alle specie del territorio italiano G. tetrahit e G. bifida sono derivate dagli ibridi di G. speciosa e G. pubescens.[7] Alcune recenti ricerche[15] hanno cercato di comprendere le complicate relazioni tra le varie specie. Il cladogramma a lato, tratto dagli studi citati[14][15] e semplificato, mostra la attuale posizione del genere nella sottofamiglia Lamioideae e alcune relazioni interspecifiche.

Specie spontanee della flora italiana[modifica | modifica wikitesto]

Per meglio comprendere ed individuare le varie specie del genere (solamente per le specie della flora spontanea italiana) l'elenco che segue utilizza in parte il sistema delle chiavi analitiche.

  • Gruppo 1A : i fusti non presentano nessun ingrossamento ai nodi fogliari; i peli lungo il fusto sono normalmente molli;
  • Gruppo 2A : la corolla è colorata di giallo, ed è lunga dai 20 ai 30 mm; il calice è ricoperto da peli sericeo – tomentosi;
  • Galeopsis segetum Necker – Canapetta campestre: questa specie in Italia è considerata avventizia e la si può trovare nei campi, sui ghiaioni e ruderi. Eventualmente è presente solamente nelle Alpi Orientali fino a 1500 m s.l.m..
  • Gruppo 3A : la sezione del fusto è quadrangolare; il fusto non è pruinoso e comunque è pubescente;
  • Galeopsis angustifolia Ehrh. – Canapetta a foglie strette: le foglie sono lineari (poco lanceolate) e molto strette (il rapporto tra lunghezza e larghezza è 1/8); il margine è intero o con 1 – 4 piccoli denti per lato.
  • Galeopsis ladanum Necker – Canapetta violacea: le foglie hanno la forma ovato – lanceolata e sono da 2 a 4 volte più lunghe che larghe; il margine delle foglie presentano da 3 a 8 denti grossolani per ciascun lato.
  • Gruppo 3B : la sezione del fusto è subcilindrica; il fusto è pruinoso e glabro (eventualmente è pubescente nella zona alta);
  • Gruppo 1B : sotto i nodi fogliari del fusto è presente un ingrossamento contenente acqua; i peli del fusto sono rigidi e a disposizione patente;
  • Gruppo 4A : la corolla è lunga dai 25 ai 35 mm;
  • Galeopsis speciosa Miller – Canapetta screziata: la corolla è bianco – gialla con una vistosa macchia violacea sul labbro inferiore dalla forma quadrangolare. Si trova al nord e al centro dell'Italia soprattutto nelle radure dei boschi fino a 1600 m s.l.m.. Per l'Italia è considerata specie rara.
  • Gruppo 4B : la corolla è meno lunga (10 – 25 mm);
  • Gruppo 5A : la corolla è lunga dai 18 ai 25 mm, e può essere fino a 3 volte più lunga del calice; il fusto è pubescente su tutte e 4 le facce;
  • Galeopsis pubescens Besser – Canapetta pubescente: questa specie si presenta densamente pubescente di peli appressati; la corolla è di colore rosso cupo con le fauci gialle. Si trova al nord fino a 1200 m s.l.m.. Anche questa specie è considerata abbastanza rara.
  • Gruppo 5B : la corolla è molto piccola (meno di 20 mm); il calice generalmente è lungo la metà della corolla; il fusto è pubescente solamente su due delle 4 facce in modo alternato;
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Specie di Galeopsis.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Al genere appartengono piante di modesto valore se viste nell'ottica di ricavare qualche utilità economica – commerciale. Per lo più sono considerate, specialmente per l'agricoltura, delle piante infestanti; e non sono bene accette anche in mezzo alla flora pascolativa e quindi da estirpare (i cavalli rifiutano queste piante).[2]

Farmacia[modifica | modifica wikitesto]

Nel campo farmacologico hanno un certo interesse in quanto contengono delle sostanze utilizzate contro alcune malattie respiratorie. Queste sostanze sono: saponine, acido silicico e tannini.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Galeopsis, su The Plant List. URL consultato il 4 settembre 2016.
  2. ^ a b c Motta 1960, Vol. 2 - pag. 275
  3. ^ Botanical names, calflora.net. URL consultato il 21 luglio 2016.
  4. ^ David Gledhill 2008, pag. 174
  5. ^ BHL - Biodiversity Heritage Library, biodiversitylibrary.org. URL consultato il 1º settembre 2016.
  6. ^ The International Plant Names Index, ipni.org. URL consultato il 4 settembre 2016.
  7. ^ a b c Pignatti 1982, Vol. 2 - pag. 454
  8. ^ a b Judd, pag. 504
  9. ^ Strasburger, pag. 850
  10. ^ a b 7 settembre 2015, dipbot.unict.it.
  11. ^ a b c d e Kadereit 2004, pag. 221
  12. ^ Aeschimann et al. 2004, Vol. 2 - pag. 112-116
  13. ^ Crescent Bloom Database, crescentbloom.com. URL consultato il 5 settembre 2016.
  14. ^ a b Scheen et al. 2010, pag. 206
  15. ^ a b Bendiksby et al. 2011, pag. 1161
  16. ^ Plants For A Future, pfaf.org. URL consultato il 1º settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]