Franco Salvadè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gildo Salvadè
Gildo Salvadè.jpg
Salvadè con la maglia del Varese (1984)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore, mediano)
Ritirato 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
Template:Calcio Bosto
Squadre di club1
1976-1978 Varese 12 (1)
1978-1979 Genoa 2 (0)
1979-1985 Varese 168 (9)
1985-1987 Triestina 28 (0)
1987-1989 Monza 35 (1)
1989-1991 Varese 10 (2)
Carriera da allenatore
????VareseGiovanili
2010-2015VaresinaGiovanili
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Franco detto Gildo Salvadè (Varese, 13 aprile 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore o mediano.

Nella sua carriera agonistica ha disputato 217 incontri in Serie B.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi nell'U.S. Bosto[1], inizia la carriera agonistica nella squadra della sua città, il Varese, club con cui esordisce in Serie B nella stagione 1977-1978.

Nell'ottobre del 1978 è ingaggiato dal Genoa, club di Serie B.[2] Con i rossoblu raggiunse il dodicesimo posto e scendendo in campo in due occasioni.

La stagione seguente torna al Varese, retrocesso in terza serie. Con i varesini vince il Girone A ed ottiene la conseguente promozione tra i cadetti.

Con il Varese gioca cinque stagioni tra i cadetti, perdendo la promozione in massima serie nell'annata 1981-1982, stagione in cui con il suo club raggiunse il quarto posto a due punti dalle promosse Pisa e Sampdoria.[3] Dopo alcune stagioni a metà classifica, Salvadè con il club lombardo retrocede in terza serie al termine della Serie B 1984-1985.

Nel 1985 è ingaggiato dalla Triestina, militante in Serie B. Con i giuliani nella prima stagione sfiora la promozione in massima serie, che non otterrà anche a causa del coinvolgimento della società nel secondo Totonero. La stagione seguente Salvadè con il suo club otterrà l'undicesimo posto, posizione dovuto anche ai quattro punti comminati al sodalizio triestino a seguito delle sentenze deliberate dalla CAF per lo scandalo. Con la Triestina giocò in totale 28 incontri.[4]

Nel 1987 passa al Monza, in terza serie. Con i brianzoli ottiene la promozione in cadetteria, a pari punti con l'Ancona ma perdendo la prima piazza a favore dei dorici a causa della differenza reti peggiore. La stagione seguente, sempre in Brianza, ottiene il quindicesimo posto e la permanenza di categoria grazie ad una classifica avulsa favorevole nei confronti del Brescia e dell'Empoli.

Nel 1989 torna a giocare tra le file del Varese, società con cui disputa e vince il Girone B della Serie C2 1989-1990. Rimarrà con il sodalizio varesino anche la stagione seguente, senza però mai scendere in campo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al suo ritiro diviene allenatore delle giovanili del Varese.[5]

Dal 2010 guida i Giovanissimi 1997 della Varesina.[6]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Varese: 1979-1980
Varese: 1989-1990
Monza: 1987-1988

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bosto, scuola di calcio... e di vita[collegamento interrotto] Varesenotizie.it
  2. ^ Il Calcio nel 1979[collegamento interrotto] calcio1979.altervista.org
  3. ^ Salvadè-Di Giovanni, e la Samp andò al tappeto Varesenews.it
  4. ^ Vecchie glorie users.libero.it
  5. ^ Metti una sera a cena con la storia del Varese Archiviato il 14 dicembre 2007 in Internet Archive. Varesenews.it
  6. ^ Salvadè Gildo[collegamento interrotto] Varesinacv.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]