Kekko Silvestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Francesco Silvestre)
Kekko Silvestre
Kekko Silvestre in concerto con i Modà nel 2011
Kekko Silvestre in concerto con i Modà nel 2011
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop rock
Pop
Periodo di attività 2002 – in attività
Strumento voce, pianoforte
Gruppo attuale Modà
Album pubblicati 8
Studio 5
Raccolte 3

Francesco Silvestre, detto Kekko (Milano, 17 febbraio 1978), è un cantautore e produttore discografico italiano, autore dei testi e compositore delle musiche del gruppo Modà, di cui è il frontman e cantante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Silvestre nasce a Milano il 17 febbraio 1978, ma cresce a Cassina de' Pecchi. Inizia a studiare pianoforte a 5 anni e termina i suoi studi di musica classica a 13 anni. Fin da adolescente scrive canzoni, arrangiandole con la collaborazione di Enrico Palmosi; ciò lo porta per passione a creare una propria band, i Modà, e a scrivere insieme a Palmosi anche brani per altri artisti.

I Modà[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Modà.

Nel 2002 fonda i Modà, con cui pubblicherà in tutto un EP, cinque album in studio e varie raccolte. Nel 2005 partecipa con il suo gruppo a Sanremo Giovani 2005, con il brano Riesci a innamorarmi, mentre nel 2011 a Sanremo Artisti 2011, in coppia con la cantante Emma, si classifica secondo con la canzone Arriverà[1]. A Sanremo 2013, nella categoria campioni, con le canzoni Come l'acqua dentro il mare e Se si potesse non morire, entrambe estratte dal quinto album dei Modà Gioia, il gruppo si aggiudica il terzo posto in classifica.

Come solista[modifica | modifica wikitesto]

Oltre all'attività con i Modà, Francesco Silvestre ha portato avanti la sua passione per la scrittura di canzoni anche scrivendo testi per altri artisti. Negli anni scrive per diversi cantanti, tra cui Alessandra Amoroso, Annalisa, Virginio, Bianca Atzei, Loredana Errore e la stessa Emma per la quale firma, dopo altre collaborazioni con la stessa, il brano che le farà vincere il Festival di Sanremo 2012, Non è l'inferno.

Nel maggio 2012 pubblica la sua autobiografia dove parla dei 10 anni di vita del suo gruppo e, in particolare, dei legami con i Negramaro ed Emma Marrone[2][3].

Verso la fine del 2013 duetta con i Tazenda nel loro singolo Il respiro del silenzio, mentre nel 2014 canta con i Jarabedepalo in Oggi non sono io, brano contenuto nel loro album Somos. Nell'ottobre dello stesso anno collabora alla versione italiana del singolo Lifeine di Anastacia, reintitolato per l'occasione Luce per sempre[4]. Silvestre ha avuto l'opportunità di conoscere l'artista mondiale grazie allo show Amici di Maria De Filippi, dove entrambi erano ospiti della prima puntata.[5][6]

Durante la quarta serata del Festival di Sanremo 2014 duetta con Francesco Renga con il brano Un giorno credi omaggiando Edoardo Bennato.

Nel 2014 inizia anche la sua carriera come produttore discografico, co-producendo con Enrico Palmosi e Diego Calvetti Domani è un altro film (prima parte) dei Dear Jack e il quarto album di Annalisa, Splende, quest'ultimo uscito nel 2015. Sempre nel 2015 partecipa indirettamente al Festival di Sanremo 2015 con tre diversi brani: scrive Il solo al mondo per Bianca Atzei (con cui aveva già collaborato cantando nel suo singolo La gelosia del 2012 e per la quale aveva scritto nel 2013 il brano La paura che ho di perderti), Libera per Anna Tatangelo e Una finestra tra le stelle per Annalisa[7].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Anche se milanese di nascita, Francesco Silvestre è di origini meridionali: suo padre è napoletano, mentre la madre è calabrese. Proprio per le origini di suo padre, è un tifoso del Napoli. È fidanzato da 13 anni con Laura, con la quale il 20 dicembre 2011 ha avuto una figlia di nome Gioia.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Modà[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Modà.
Album in studio

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Anno Canzone Album di provenienza
2012 La gelosia (Bianca Atzei feat. Kekko Silvestre) /
2013 Il respiro del silenzio (Tazenda feat. Kekko Silvestre) /
2014 Oggi non sono io (Jarabe de Palo feat. Kekko Silvestre) Somos
Luce per sempre (Anastacia feat. Kekko Silvestre) /

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Album prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Autore per altri cantanti[modifica | modifica wikitesto]

2010
2011
2012
2013
  • Baciami e basta per Elhaida Dani (Francesco Silvestre) (inserita nell'EP Elhaida Dani)
  • La paura che ho di perderti per Bianca Atzei (Francesco Silvestre)
2014
2015
  • Una finestra tra le stelle per Annalisa (Francesco Silvestre) (inserita nell'album Splende)
  • Libera per Anna Tatangelo (testo di Francesco Silvestre; musiche di Enrico Palmosi)
  • Il solo al mondo per Bianca Atzei (Francesco Silvestre) (inserita nell'album Bianco e nero)
  • Da me non te ne vai per Bianca Atzei (Francesco Silvestre) (inserita nell'album Bianco e nero)
  • Eterna per i Dear Jack (Francesco Silvestre) (inserita nell'album Domani è un altro film (seconda parte))

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Festival: vince Vecchioni, Emma e i Modà secondi, lettera43.it. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  2. ^ Kekko Silvestre racconta in un libro la storia dei Modà, Sorrisi.com, 7 maggio 2012. URL consultato il 7 agosto 2013.
  3. ^ Modà: il libro, l'amore per Emma e l'amicizia (finita?) con i Negramaro, Cultura.panorama.it, 8 maggio 2012. URL consultato il 7 agosto 2013.
  4. ^ Anastacia e Kekko dei Modà: arriva il duetto di "Luce per sempre", testo, Musica.excite.it, 28 ottobre 2014. URL consultato il 5 novembre 2014.
  5. ^ Anastacia duetta con Kekko Silvestre, TGCOM24, 28 ottobre 2014. URL consultato il 3 aprile 2015.
  6. ^ Anastacia duetta con Kekko Silvestre dei Modà, Panorama, 28 ottobre 2014. URL consultato il 3 aprile 2015.
  7. ^ Francesco Silvestre ha monopolizzato Sanremo 2015? Parla il leader dei Modà, Optimaitalia.com, 9 febbraio 2015. URL consultato il 15 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]