Formula Junior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Stanguellini di Formula Junior

La Formula Junior è stata una formula per competizioni automobilistiche attiva tra il 1958 e il 1964, ideata dalla Commissione Sportiva Internazionale (CSI) della FIA su idea di Giovanni Lurani come categoria di inizio all'agonismo per giovani piloti, dai costi accessibili in quanto le vetture monoposto utilizzavano molti componenti delle automobili di serie.

Storia e regolamenti[modifica | modifica wikitesto]

I regolamenti della serie richiedevano che le macchine fossero spinte da motori derivati dalla produzione con cilindrata 1000 cm³ per vetture da 360 kg di peso oppure da 1100 cm³ per 400 kg. Parti come il blocco motore, la testata o i cilindri dovevano venire dalla produzione ed erano vietate modifiche radicali, ad esempio era possibile modificare i rapporti del cambio, ma sempre all'interno di una scatola di produzione, così come anche i freni e la trasmissione dovevano venire dalla produzione. La Formula Junior fu anche la prima serie automobilistica a richiedere i rollbar.

In Italia la scelta più naturale fu l'uso del motore 1100 cm³ della FIAT, mentre altri motori disponibili negli anni successivi furono il BMC serie A da 1000 cm³ della Mini così come il DKW e il SAAB 3 cilindri a due tempi. La maggior parte delle vetture di Formula Junior usavano un motore anteriore e trazione posteriore, come era abitudine per le vetture da Gran Premio dell'epoca. Nel Regno Unito Frank Nichols della Elva Cars iniziò la produzione della Elva 100 spinta da un motore BMC serie A (Sprite o Mini) o da un DKW preparato dalla Mitter in Germania. La Elva divenne la prima vettura di Formula Junior britannica prodotta in larga serie, affiancata poi dalla Gemini (precedentemente nota come Moorland) e dalla Lola Mk 2, e anche Keith Duckworth della Cosworth cominciò ad interessarsi alla formula.

Anche la Cooper produceva vetture Formula Junior, utilizzando gli stessi telai delle loro Formula 1 e un motore BMC A-Series; ugualmente la Lotus produceva la Lotus 18 per la Formula Junior con un motore da 1100 cm³ Ford Anglia, un motore 1500 cm³ per la Formula 2 e uno da 2500 cm³ per la Formula 1. Successivamente la Lotus avrebbe utilizzato in Formula Junior anche la Lotus 20, la Lotus 22 e la Lotus 27.

In Svezia la SAAB lanciò la Formula Junior SAAB come banco di prova per nuovi modelli di motore, mentre in Russia il motore più usato fu il Moskvitch; il primo campionato internazionale della Formula fu disputato nel 1959 e vinto dallo svizzero Michael May al volante di una Stanguellini.

A metà degli anni '60 la tendenza divenne quella di spostare il motore dall'anteriore al posteriore della vettura, mentre il numero di costruttori impegnati cresceva rapidamente: alla fine del 1960 c'erano più di 100 costruttori nel mondo, e questi erano diventati quasi 500 alla fine del 1963. A quel punto la serie era diventata molto impegnativa e i costi di preparazione dei motori da 1000 cm³ (che arrivavano a 120 cavalli di potenza) troppo grandi.

Il campionato 1963 fu l'ultimo nel Regno Unito, e la formula fu abbandonata internazionalmente nel 1964 per venire in qualche modo rimpiazzata dalla Formula 3. Successivamente nacquero altre serie che condividevano alcune delle idee della Formula Junior, come la Formula Ford e la Formula Vee, e gare di Formula Junior sono state di nuovo organizzate come competizioni tra vetture d'epoca sotto l'egida della Formula Junior Historic Racing Association (FJHRA).

Tra i piloti cresciuti in Formula Junior i più famosi furono Jim Clark, Peter Arundell, John Surtees, Denny Hulme e Lorenzo Bandini.

Campionati[modifica | modifica wikitesto]

Campionati britannici di F. Junior[modifica | modifica wikitesto]

[1]

Anno Campionato Pilota Vettura Team
1960 BRSCC Regno Unito Jack Pitcher Alexis-BMC Jack Pitcher
John Davy Regno Unito Jim Clark Lotus-Ford Team Lotus
Motor Racing Regno Unito Jim Clark
Regno Unito Trevor Taylor
Lotus-Ford Team Lotus
1961 BRSCC Regno Unito Mike Ledbrook Lotus-Ford Ron Harris
John Davy Regno Unito Bill Moss Lotus/Gemini-Ford The Chequered Flag
Motor Racing Regno Unito Trevor Taylor Lotus-Ford Team Lotus
1962 John Davy Regno Unito John Fenning Lola-Ford Ron Harris
1963 BARC Regno Unito Peter Arundell Lotus-Ford
Express&Star Regno Unito Peter Arundell Lotus-Ford Ron Harris

Campionato francese di F. Junior[modifica | modifica wikitesto]

[2][3]

Anno Pilota Vettura Team
1960 Francia Jacques Calès Stanguellini-Fiat Madunina
1961 Francia Bernard Boyer[senza fonte] Lotus 18
1962 Francia Jo Schlesser Brabham BT2-Ford Schlesser
1963 Francia Jo Schlesser Brabham BT2/Brabham BT6-Ford Ford France

Campionato italiano di F. Junior[modifica | modifica wikitesto]

[4]

Anno Pilota Vettura Team
1958 Italia Roberto Lippi Stanguellini-Fiat Bardhal
1959 Italia Raffaele Cammarota Stanguellini-Fiat Bardhal
1960 Italia Renato Pirocchi Stanguellini-Fiat Pescara
1961 Italia Geki Stanguellini-Fiat/Lotus 18-Ford Madunina
1962 Italia Geki Lotus 18/Lotus 19/De Sanctis-Ford Madunina
1963 Italia Geki De Sanctis-Ford Madunina

Campionato tedesco di F. Junior[modifica | modifica wikitesto]

[5]

Anno Pilota Vettura Team
1960 Germania Gerhard Mitter Lotus 18-DKW Autohaus Mitter
1961 Germania Kurt Ahrens Jr Lotus 20-Ford/Cooper T52-Fiat Ahrens
1962 Germania Kurt Ahrens Jr (squalificato, titolo non assegnato) Cooper T52/Cooper T59/Lotus 22
1963 Germania Kurt Ahrens Jr Cooper T67-Ford Ahrens

Altre categorie con lo stesso nome[modifica | modifica wikitesto]

In tempi più recenti il nome Formula Junior in Italia è impiegato per due campionati: il Trofeo CSAI Formula Junior Monza per monoposto Tatuus motorizzate Renault tutte uguali tra loro, e il Trofeo Cadetti F.Junior nato nel 1965 facendo propri i principi ispiratori del conte Lurani.

Formula Junior attuali

I team sono principalmente localizzati in Lombardia, i motori Fiat 1242 c.c. preparati uniformemente dalla Autoalberta mentre il regolamento permette il rifiorire di costruttori di telai. Sono almeno 15 i telaisti impegnati nel Trofeo CSAI Formula Junior Monza 1.2, che da qualche anno è riconosciuto campionato italiano a tutti gli effetti.

l'Associazione Formula Junior, che raggruppa i teams della categoria, ha deciso di organizzare autonomamente un proprio campionato, denominato Campionato Italiano di Formula Junior Monza - Trofeo Sandro Corsini[6]. Nel 2011 si è svolta la prima stagione che ha visto la vittoria di Riccardo Calegari, già Cadetto, con la F. Monza nel 1975! Le vetture di Formula Junior utilizzano gli stessi telai (di libera costruzione) utilizzati in precedenza ed i propulsori FIAT Fire 1.2 con preparazione libera entro i limiti regolamentari.

A seguito della decisione, da parte dell'A.C. Milano e dell'Autodromo di Monza, di riservare il Trofeo Cadetti ad una nuova categoria FM2k11[7] ribattezzate le nuove Formula Junior Monza nel 2011, realizzate con scocca in fibra di carbonio dalla Nova Reggiani, (motorizzate 1.200c.c. da LRM Motors).

Il debutto per il Trofeo CSAI Formula Junior Monza delle FM2k11 verrà rimandato all'anno 2012, con alcune modifiche sia motoristiche dal 1.2lt iniziale, passate poi alla motorizzazione 1.6lt Renault, come ulteriori modifiche anche per l'aerodinamica realizzate dalla Mirage Motor Company, pronte per il Trofeo CSAI Formula Junior Monza 2012, le Mirage M012 interamente in fibra di carbonio, come il crashbox anteriore, motorizzate Renault 1.6 mono-marca, secondo lo standard F3 FIA 2011, debuttando fino al Trofeo CSAI Formula Junior Monza 2013, con le versioni Mirage M012/M013.

Le nuove Mirage M012/013 della Mirage Motor Company verranno utilizzate ufficialmente fino al campionato cadetto del Formula Junior Monza 2013, dove per coincidenza, nel week end di gara del 29 e 30 Giugno 2013, le Mirage M012 e le M013 (motorizzate Renault 1.600 c.c.), vengono accorpate per la gara, con le Formula Junior 1.2 proprio all'Autodromo Nazionale di Monza, gareggiando ognuna per i propri campionati, dove quest'ultime diedero filo da torcere alle nuove promosse Formula Junior Monza 1.6 Mirage M012/013.

Accorpamento delle Formula Junior Monza 1.6lt e 1.2lt 30 Giugno 2013
Formula Junior Monza 1.6lt e 1.2lt

Nel primo appuntamento ufficiale del Formula Junior Monza che si tenne sul circuito Brianzolo il 30 Giugno 2013, le nuove vetture Mirage M012/013 (FM2k11), ebbero un buon riscontro reggendo bene il confronto, vedendo la pole position e vittoria all'esordio per categorie del cadetto Gennaro Nigliato con una delle Mirage M012 Renault 1.6, mentre per le Formula Junior Fiat fire 1.2 vede la pole position del cadetto Marco Visconti, seguito anche da una vittoria per categorie.

Il 2013 vede darsi battaglia quindi attraverso l'accorpamento tra le novelle Formula Junior Monza, le Mirage M012/013 Renault 1.6 con le Formula Junior Fiat 1.2 (autonomo campionato Italiano di Formula Junior Monza - Trofeo Sandro Corsini), con la netta evidenza per la categoria Formula Junior 1.2 per un numero maggiore di partecipanti.

Dopo quella data, le due categorie concludono i rispettivi campionati, dimostrando differenze strutturali, e vedendo l'ultima apparizione per le Mirage M012/013 (categoria FM2k11 promosse per il Trofeo CSAI Formula Junior Monza Renault 1.6), lasciando il proseguo alle storiche Formula Junior (denominato Campionato Italiano di Formula Junior Monza 1.2 - Trofeo Sandro Corsini) motorizzate Fiat 1242 c.c. che ancora oggi continuano la loro storia intramontabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) British Formula Junior Championship, forix.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  2. ^ (ENFR) Formula Junior France (PDF), motorsportsresults.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  3. ^ (EN) French Formula Junior Championship, forix.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) Italian Formula Junior Championship, forix.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  5. ^ (EN) German Formula Junior Championship, forix.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  6. ^ fjunior-monza.it, youblisher.com. URL consultato il 6 novembre 2012.
  7. ^ Miragemotor.it. URL consultato il 31 ottobre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo