Stock car

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inizio di una gara della Sprint Cup Series nel 2008

La stock car è un tipo di autovettura destinata alle gare automobilistiche, principalmente negli Stati Uniti d'America, Canada, Nuova Zelanda, Gran Bretagna e Brasile.

Circuiti impegnati[modifica | modifica wikitesto]

Le tradizionali competizioni automobilistiche relative si svolgono su tracciati dalla forma ovale (benché esistano alcune eccezioni, come le corse disputate al Watkins Glen, e al Sonoma Raceway, entrambe su tracciati stradali) che presentano lunghezze che comprese tra i 400 metri ed i 4,2 chilometri. La NASCAR ("National Association for Stock Car Auto Racing") è la più grande organizzazione mondiale per le gare riservate alle stock car, e la sua Sprint Cup Series (dal nome del suo sponsor, la Sprint Nextel Corporation) risulta la classe regina per queste ultime. Tali gare durano al massimo per 320-1.000 km. La velocità media nelle classi superiori è di solito comparabile entro il 70-80% alla velocità delle vetture nelle corse a ruote scoperte presso gli stessi tracciati. Alcune auto possono raggiungere velocità superiori a 320 km/h in piste come la celeberima Indianapolis Motor Speedway e Charlotte Motor Speedway.

Per motivi di sicurezza, in alcuni circuiti come il Daytona International Speedway e il Talladega Superspeedway vengono utilizzati dei sistemi per la limitazione della velocità chiamati "flange di strozzatura dell'aria" che limitano la velocità massima a circa 309 km/h.

Le vetture[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle stock car somigliano, esteriormente, a normali berline familiari, tuttavia esse sono allestite come vere e proprie macchine da corsa in tutti i particolari. Esse vengono infatti costruite e assemblate secondo una rigida serie di norme che definiscono ogni aspetto dell'autovettura, dal design esterno (le scocche includono la Ford Mustang, Chevrolet SS e Camaro, Toyota Camry e la Dodge Challenger) al telaio, alle sospensioni, al motore, ecc. Tali norme rendono le autovetture che gareggiano tutte molto simili tra loro. Per quanto riguarda i motori, sono tutti 8 cilindri con cilindrata di 6000 cc. Riescono a erogare potenze vicine agli 800 cavalli, limitati a 450 nelle sole piste di Daytona e Talladega per motivi di sicurezza. I motori non hanno il compressore e sono alimentati con due carburatori a doppia presa. Le velocità di punta arrivano oltre i 330 km/h. Il cambio è a quattro marce.

L'equivalente europeo dei campionati riservati alle stock car è la NASCAR Whelen Euro Series; nata nel 2008 dal gruppo francese Team FJ. Le prime due stagioni di questo campionato si sono corse esclusivamente su piste nazionali francesi. Successivamente, la serie è stata approvata come internazionale dalla FIA (Federazione internazionale dell'automobile) alla fine del 2010. Dal 2011 il campionato viene corso in sei paesi europei (presente anche l'Italia) con doppio round per ogni appuntamento, con un totale di dodici gare complessive. Cinque appuntamenti vengono effettuate sui classici circuti europei, solo nella tappa olandese si corre su un ovale. La serie si divide in due categorie, la Divisione ELITE 1 e la Divisione ELITE 2. Per quanto riguarda il regolamento valgono le regole di quello americano ma con limitazione di 450 cavalli anziché 800 per i motori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo