Le Mans Daytona Hybrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Mans Daytona Hybrid[1] è un pacchetto regolamentare tecnico che nel 2022 sancirà la fine delle Daytona Prototype International (DPi) nel campionato IMSA WeatherTech SportsCar Championship, ma sarà adottato anche nel Campionato del mondo endurance.

Regolamenti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La categoria sarà alternativa, con un bilanciameno delle prestazioni con la classe Le Mans Hypercar. In questo caso , come per la precedente classe LMP2 le auto utilizzate dalle squadre dovranno avere dei telai prodotti da Dallara Automobili, Ligier, Oreca e Riley Technologies.[2] e non ci saranno vincoli di omologabiltà stradale.

L'obiettivo della classe LMDh è quello di creare prototipi da 1 milione di euro, infatti per questo FIA, ACO e IMSA hanno scelto Bosch Motorsport come fornitore di alcune componenti tecnologiche del veicolo come il sistema di frenata rigenerativa brake-by-wire, l'inverter e altre parti elettroniche.

Bosch Motorsport si occuperà anche di realizzare un unico software informatico di gestione della potenza ibrida intelligente che gestisce la distribuzione della coppia tra motore termico (Internal Combustion Engine, ICE)[3] e il motore elettrico. In più IMSA ha confermato che il fornitore del cambio sarà Xtrac (già presente in passato nelle categorie Prototype Challenge, DPi e LMP2), il reparto di ricerca e sviluppo della squadra di Formula 1 Williams Racing (Williams Advanced Engineering, WAE) fornirà le batterie per alimentare il sistema ibrido[4].

Dimensioni vettura[modifica | modifica wikitesto]

Larghezza massima 2 m
Lunghezza massima 5,1 m
Passo massimo 3,15 m

Vetture LMDh[modifica | modifica wikitesto]

Costruttore Telaio Anno Note
Acura da definire 2023[5]
Audi da definire 2023[6] basata sul telaio Multimatic Mk. 30[7]
BMW da definire 2023[8]
Porsche da definire 2023[9] basata sul telaio Multimatic Mk. 30[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutto quello che sappiamo sulla nuova classe Le Mans Daytona (LMDh), su F1inGenerale, 24 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  2. ^ LMDh: ecco i primi dettagli del regolamento WEC ed IMSA!, su it.motorsport.com. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  3. ^ Franco Daudo, Bosch Motorsport protagonista della nuova categoria LMDh, su Auto Tecnica, 23 settembre 2020. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) Williams Advanced Engineering wins LMDh contract, su Race Tech Magazine, 21 settembre 2020. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  5. ^ Ufficiale: anche Acura avrà la LMDh per IMSA e FIA WEC, su it.motorsport.com. URL consultato il 27 gennaio 2021.
  6. ^ Redazione Motorbox, WEC - L'Audi torna nell'endurance con una LMDh, su MotorBox. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  7. ^ a b Porsche e Audi scelgono il telaio Multimatic per la LMDh, su it.motorsport.com. URL consultato il 10 luglio 2021.
  8. ^ Anche la BMW costruirà una LMDh per il 2023!, su it.motorsport.com. URL consultato l'11 giugno 2021.
  9. ^ WEC, Porsche ufficializza la presenza in Classe LMDh, su autosprint.corrieredellosport.it. URL consultato il 14 gennaio 2021.
Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo