Festival di Napoli 1971

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festival di Napoli 1971
EdizioneXIX
Periodo1º - 3 luglio
SedeTeatro Mediterraneo
PresentatoreDaniele Piombi e Aba Cercato con Enzo Berri e Ugo Frisoli
Trasmissione TVsospeso dalla Rai
Partecipanti48 (24 canzoni)
Cronologia
19701981

Il festival della canzone napoletana del 1971, sarebbe dovuta essere la diciannovesima edizione della popolare kermesse musicale partenopea, organizzata presso il Teatro Mediterraneo dal 1º al 3 luglio 1971, ma sospesa per motivi di ordine pubblico.

Il festival[modifica | modifica wikitesto]

La diciannovesima edizione, che doveva essere presentata in televisione da Daniele Piombi e Aba Cercato con la collaborazione di Ugo Frisoli ed Enzo Berri, fu bloccata per generici motivi di ordine pubblico.

Nel pomeriggio del 30 giugno era stato fatto il sorteggio di esecuzione delle canzoni per le prime due serate, alla presenza di un notaio, degli editori, dei compositori e dei cantanti. L'atmosfera era tesa più del solito per la protesta di alcuni compositori delle canzoni escluse, tra cui De Crescenzo, Pagano, Buonafede e Aterrano, i quali non avevano accettato il verdetto ed avevano inscenato varie manifestazioni. Dopo aver fatto, ai primi di giugno, uno sciopero della fame, tenevano, alla vigilia dello spettacolo al Teatro Mediterraneo, una conferenza stampa per criticare la commissione selezionatrice che, a loro parere, essendo stata formata da un numero pari di componenti (quattro) non avrebbe potuto lavorare con la dovuta obiettività. In base a questi argomenti, gli autori esclusi presentavano un esposto al Sostituto Procuratore della Repubblica dott. Krogh che decise quindi di bloccare la manifestazione per accertamenti: nel documento essi chiedevano il sequestro di tutto il materiale riguardante il festival, compresi gli spartiti musicali e l'incasso. La RAI, venuta a conoscenza di un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica, pensò a tutelarsi non concedendo più le telecamere. Il Questore, a sua volta, decideva il divieto dello spettacolo al Mediterraneo. I dischi però erano ormai pronti, e quindi uscirono quasi tutti con la dicitura Canzone partecipante al Festival di Napoli 1971 (o partecipante al XIX Festival della canzone napoletana).

Ne nacquero vertenze giudiziarie a catena, dieci anni di liti nei vari tribunali, fino alla Cassazione. Gli organizzatori, ai quali era stato inviato un avviso di garanzia, venivano assolti con formula piena perché non risultavano responsabilità penali per il mancato festival, e si arrivò infine a soluzioni di compromesso per i danni civili.

Nel 1973, intanto, si tenta di rilanciare la manifestazione, con l'organizzazione di Piedigrotta: Le nuove Canzoni di Napoli, che non servirà a ridar vita alla tradizionale sagra napoletana.[1]

Canzoni e cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Canzone Autori Artista
'A dieta (Verde - Benenato - Esposito) Nino Taranto - Franco Franchi
'A primma 'nnammurata (Fiorini - Schiano) Angela Luce - Giulietta Sacco
Frennesia (Migliacci - Mattone) Peppino Di Capri - I Cockers
Uffà nun me scuccià (Petrucci - Romeo) Gloriana - I Brutos
'Na bruna (Barrucci - Langella - Visco) Sergio Bruni - Antonio Buonomo
Nun è straniero (Testa - Maggi - Francesio - Rigaldi) Angela Bini - Nico Fidenco
Divertimento (De Vita - Martucci - Olivares - Marchese) Enzo Jannace - Barbara Lory e i Funamboli
Mandulinata tragica (Ricci - Mazzocco) Mirna Doris - Tony Astarita
24 luglio (Modexano - Sorrentino - Colucci - Cofra) Mario Trevi - Pino Mauro
Tu nun me pienze cchiù (Caravaglios - Monetti) Patrizio Sandrelli - Giorgio Ferrara
'A grotta azzurra (Carullo - Forte) Franco D'Ambra - Pino Marchese
Calamita nera (Fiore - Festa - Tony Iglio) Mario Abbate - Nino Fiore
Salemme Ben Alì (Tregua - Porcaro - Baselice - Matassa) Nunzia Greton - Daniela
Suspiracore (Beretta - Chiarazzo) Nando Paduano - Salvatore Zinzi
Alleria (Farina - Masucci) Gianni Nazzaro - Tony Santagata
La sorella di Sasà (Ianuzzi - Marsiglia) Vittorio Marsiglia - I Cabarinieri
Senza 'na lacrema (De Caro - Duyrat - Giordano) Tony Bruni - Flora Dantino
Bello 'e papà (Amendola - Fierro - Gagliardi) Aurelio Fierro - Antonio Casagrande
Nustalgia (Jodice - Di Francia) Gli Alti e Bassi - Rosy Pomilia
Vivò (Musy - Compostella - Cioffi) Mario e Pippo Santonastaso - Bob Vinci
Stella nera (Russo - Genta) Mario Merola - Luciano Rondinella
Totonno 'o surdo (Marsala - Russo - Gigante) Gloria Christian - Christian
Guagliò, chella te 'mbroglia (Dura - Salerni - Salerni - Ianni) Giacomo Rondinella - Mario Da Vinci
Angela era ll'ammore (Zanfagna - Gallo) Mario Tessuto - Nunzio Gallo

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Dell'Ente per la Canzone Napoletana - Ente Salvatore Di Giacomo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Sciotti - Cantanapoli. Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981, Luca Torre editore (2011)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica