Ferrara Buskers Festival

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ferrara Buskers Festival
LuogoFerrara
Anni1988 – in corso
Frequenzaannuale
Fondato daStefano Bottoni
Dateuna settimana nell'ultima decade di agosto
Generemusica da strada
Sito ufficialewww.ferrarabuskers.com/
Gruppo invitato al Ferrara Buskers Festival 2013

Il Ferrara Buskers Festival è una manifestazione dedicata alla musica di strada che si tiene a Ferrara dal 1988.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Edizione 2015
I russi Artlang Trio del 2013

Dopo la prima edizione è nata l'associazione Ferrara Buskers Festival allo scopo di valorizzare la figura del musicista di strada, il busker, con spettacoli da tenersi nelle strade del centro storico ottenendo una buona risposta dal pubblico[1] e diventando appuntamento importante per Ferrara.[2] Ogni anno vengono scelti circa 20 gruppi o singoli come musicisti invitati oltre a numerosi altri gruppi accreditati che si aggiungono agli invitati. Dalla 4ª alla 29ª edizione è stata indicata una nazione ospite dalla quale provenivano la maggior parte degli invitati. Dal 2013 è comparso il Ferrara Buskers Festival on tour, con tappe a Lugo di Romagna e Venezia. Nel 2014 l'anteprima del festival è stata organizzata nel centro storico dell'Aquila. Nel 2015 l'anteprima è stata organizzata a Milano, tra piazza Duomo e piazza Castello. Dal 2017 al posto della nazione si è scelto una città ospite. Nel 2019 è stata inserita la nuova tappa di Cesenatico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il festival si svolge nel centro storico di Ferrara ogni anno a fine agosto. Originariamente aveva la durata di sette giorni mentre dal 2008 comprende due week end, dal sabato alla domenica successiva, a Ferrara con un'anteprima a Comacchio il venerdì precedente.

Nessun artista riceve cachet ma solo le offerte del pubblico. L'ingresso alla manifestazione è libero e gli spettacoli variano la posizione dei gruppi ogni giorno.

Dal 2011 il progetto Ecofestival ha sensibilizzato il pubblico sugli aspetti della sostenibilità e Bureau Veritas ha certificato i risultati del progetto. Dal 2020 è divenuto BGreen con collaborazioni con Legambiente e Fridays for Future.

Ospiti famosi al festival[modifica | modifica wikitesto]

Lucio Dalla al Ferrara Busker Festival nel 1989

Tra i primi ospiti famosi vi fu Lucio Dalla che nel 1989 si esibì in duetto con Jimmy Villotti. In seguito hanno partecipato Franco Mussida della Premiata Forneria Marconi nel 1991, Edoardo Bennato nel 1994, Angelo Branduardi e i Modena City Ramblers. Tutti si sono esibiti mimetizzandosi tra i gruppi buskers. Nell'edizione 2015 si è esibito Bobby Solo. Il 26 agosto dal ponte levatoio della via Coperta del Castello Estense si è esibita a sorpresa Gianna Nannini, voce e piano, accompagnata di Christian Lohr. Nel 2021 è stata ospitata la performance di Paolo Rossi e i Virtuosi del Carso ed il concerto acustico di Moni Ovadia. Nel 2022, si è esibito Daniele Silvestri[3].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

1ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1988: dal 22 agosto al 28 agosto.

La prima edizione nasce pensando potesse diventare, al massimo, una biennale. Il giorno prima dell'apertura mancavano due gruppi all'elenco dei 20 buskers invitati e così una delegazione partì per Firenze per "ingaggiare" gli artisti in tempo reale. Vennero invitati i "Ghostbuskers", un duo olandese in vacanza dopo la laurea in Chimica e Ingegneria e che da quel momento decise di rimanere in Italia - esattamente in Toscana - e fare della musica il proprio mestiere.

2ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1989: dal 21 agosto al 27 agosto. Partecipa in veste busking Lucio Dalla assieme al chitarrista Jimmy Villotti, a sorpresa per il pubblico presente. Lucio Dalla fu il primo a credere nella manifestazione ed il suo concerto in strada, il 22 agosto 1989 in piazzetta San Michele, diede impulso all'evento e alla credibilità dei buskers [4]

3ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1990: dal 20 agosto al 26 agosto. Viene utilizzato il logo ufficiale, depositato nel 1989 e consistente nelle parole Ferrara e Festival sopra a BusKerS. La parola anglosassone inizia ad entrare nel linguaggio comune in Italia da questo momento.

Nasce la dedica del Festival alla nazione ospite, dalla quale ogni anno arriveranno la maggior parte dei 20 gruppi invitati. Si inizia con i Paesi Bassi.

4ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1991: dal 19 agosto al 25 agosto. Nazione Ospite Danimarca

L’illustrazione viene affidata a Claudio Gualandi che reinterpreta Depero e crea la "marionetta" icona del Festival fino al 2006.

5ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1992: dal 29 agosto al 30 agosto. Nazione Ospite Irlanda

6ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1993: dal 23 agosto al 29 agosto. Nazione Ospite Norvegia

7ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1994: dal 22 agosto al 28 agosto. Nazione Ospite Grecia

Nasce l'anteprima a Comacchio, preview del Festival tra i canali della città lagunare.

8ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1995: dal 21 agosto al 27 agosto.Nazione Ospite Germania

9ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1996: dal 19 agosto al 25 agosto. Nazione Ospite Svezia

10ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1997: dal 25 agosto al 31 agosto. Nazione Ospite Regno Unito

11ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1998: dal 24 agosto al 30 agosto. Nazione Ospite Spagna

12ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

1999: dal 23 agosto al 29 agosto.Nazione Ospite Ungheria

13ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2000: dal 21 agosto al 27 agosto.Nazione Ospite Finlandia

14ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2001: dal 20 agosto al 26 agosto.Nazione Ospite Polonia

15ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2002: dal 19 agosto al 25 agosto.Nazione Ospite Italia

16ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2003: dal 25 agosto al 31 agosto. Nazione Ospite Cuba

17ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2004: dal 23 agosto al 29 agosto. Nazione Ospite Repubblica Ceca

18ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2005: dal 22 agosto al 28 agosto. Nazione Ospite Brasile

19ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2006: dal 21 agosto al 27 agosto.Nazione Ospite Lituania

20ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2007: dal 20 agosto al 26 agosto. Nazione Ospite Argentina

21ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2008: dal 22 agosto al 31 agosto.Nazione Ospite Svizzera

22ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2009: dal 21 agosto al 30 agosto. Nazione Ospite Croazia

23ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2010: dal 20 agosto al 29 agosto.Nazione Ospite Francia

In tutto il paese emerge il problema dei rifiuti e viene ospitato un gruppo di ragazzi napoletani, volontari dell’associazione CleanAp, per presidiare le isole ecologiche sparse al Festival ed introdurre

24ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2011: dal 19 agosto al 28 agosto.

25ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2012: dal 17 agosto al 26 agosto.
Questa edizione avrebbe dovuto presentare 31 gruppi invitati in rappresentanza dei 31 Stati membri UE, invece dei tradizionali 20, poiché la dedica sarebbe stata all'Unione Europea (27 paesi + 4 in rappresentanza dei restanti continenti). Questo programma è stato poi ridimensionato a causa della riduzione degli spazi a disposizione dopo il terremoto dell'Emilia del 2012.[5] Il festival è stato comunque organizzato e ha contribuito alla ripresa turistica e culturale della città.[6]

26ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2013: dal 23 agosto al 1º settembre.

27ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2014: dal 21 agosto al 31 agosto.

28ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2015: dal 20 agosto al 30 agosto.

29ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2016: dal 18 agosto al 28 agosto.

30ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2017: dal 17 agosto al 27 agosto.

31ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2018: dal 16 agosto al 26 agosto.

32ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2019: dal 22 agosto al 1º settembre.

33ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2020: dal 26 al 30 agosto.
A causa dell'emergenza sanitaria Covid è stato necessario garantire il distanziamento sociale utilizzando 5 spazi all'aperto e delimitati: giardino di palazzo dei Diamanti, cortile del Castello Estense, chiostro della chiesa di San Paolo, giardino di palazzo Roverella e cortile di palazzo Crema per soli 15 gruppi di musicisti. Il pubblico ha avuto accesso con prenotazione obbligatoria e la giornata finale è stata trasmessa in streaming.

34ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2021: dal 25 al 29 agosto.
A causa dell'emergenza COVID-19 l'edizione si è tenuta all'interno del Parco Massari.

35ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2022: dal 24 al 28 agosto.
Si sono esibiti come ospiti speciali Daniele Silvestri e Omar Pedrini.[3]

36ª Edizione[modifica | modifica wikitesto]

2023: dal 27 al 28 agosto.

Partner in Europa[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione collabora con:

  • Festival Ulicnih Sviraca (Novi Sad, Serbia)
  • Festival Convivencia – Ramonville Saint – Agne (Tolosa, Francia)
  • Buskerfestskopje (Macedonia)
  • Dublin Street Performance (Irlanda)
  • Buskers Festival di Barcellona (Spagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Buskers più forti della crisi «90 mila presenze al giorno» - Cronaca - La Nuova Ferrara, su lanuovaferrara.gelocal.it. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  2. ^ FNAS, su fnas.org. URL consultato il 28 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2021).
  3. ^ a b Daniele Silvestri a sorpresa al Ferrara Busker Festival, in ANSA, 26 agosto 2022. URL consultato il 29 agosto 2022.
  4. ^ Qui suonò Lucio Dalla il 22 agosto 1989 durante il Ferrara Buskers Festival…http://www.fondazioneluciodalla.it/2019/10/05/qui-suono-lucio-dalla-il-22-agosto-1989-durante-il-ferrara-buskers-festival/
  5. ^ I Buskers festeggiano un quarto di secolo - Cronaca - La Nuova Ferrara, su lanuovaferrara.gelocal.it. URL consultato il 14 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  6. ^ Boom di presenze e numeri da urlo Bye bye Ferrara, firmato i Buskers - Il Resto Del Carlino - Ferrara

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte