Evaristo Baschenis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Evaristo Baschenis, Accademia musicale di Evaristo Baschenis alla spinetta e di Ottavio Agliardi con arciliuto; mandola, chitarra, violone, intavolatura per liuto, 1665 circa. Olio su tela, 115 x 163 cm. Bergamo, Casa Agliardi. Sul bordo della spinetta si legge EVARISTUS/ BASCHENIS/ BERGOMl/P.

Evaristo Baschenis (Bergamo, 7 dicembre 1617Bergamo, 16 marzo 1677) è stato un pittore italiano.

Evaristo Baschenis, Ragazzo con canestra di pane e biscotti, 1660 ca., Collezione privata
Evaristo Baschenis, Cucina, 1660 ca, collezione privata

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Identità[1][modifica | modifica wikitesto]

La figura di Baschenis, uno dei maggiori pittori italiani del Seicento nonché l'ideatore della natura morta di soggetto musicale, è rimasta avvolta in un alone di mistero fino a quando Piero Capuani accertò, attraverso il ritrovamento dell'atto di battesimo (7 dicembre 1617) nel registro parrocchiale della basilica di Sant'Alessandro in Colonna a Bergamo, la sua data di nascita[2][3].

Il ritrovamento consentì di conoscere anche il nome del padre dell'artista, il mercante Simone Baschenis, confermato anche da un documento del 1631; la madre, Francesca Volpi, venne scoperta grazie al ritrovamento di un documento di vendita del 1647, custodito all'Archivio di Stato di Bergamo.

Gli approfondimenti critici e le scoperte archivistiche (1996) di Enrico De Pascale[4], in coincidenza con le due grandi mostre dedicate al pittore all'Accademia Carrara di Bergamo (1996)[5] e al Metropolitan Museum of Art di New York (2000-2001[6]), hanno contribuito a illuminare molti aspetti della vita e dell'opera del Baschenis, i suoi rapporti con la città, con la committenza, con l'ambiente culturale, artistico e musicale in cui visse. Tra i documenti più importanti il testamento olografo e l'inventario dei suoi beni e della sua collezione di dipinti, oltre al rendiconto della vendita di tutto quanto conservato nella sua casa-bottega al momento della morte, il 16 marzo 1677. Particolarmente rilevanti le documentazioni relative al suo alunnato (1639- 1642) presso il pittore cremasco Gian Giacomo Barbelli (giusta il contratto di apprendistato rinvenuto da Marino Paganini)[7] e ai suoi frequenti viaggi lontano da Bergamo: a Roma (nel 1650, anno giubilare, vi soggiornò tre mesi), a Venezia, Mantova e Milano.

La famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Baschenis (famiglia).

L'ecclesiastico[modifica | modifica wikitesto]

Evaristo-Guarisco Baschenis prese gli ordini nel 1643, come risulta da alcuni documenti che lo riguardano e in cui è spesso nominato con l'appellativo di "Prevarisco" (contrazione di "prete" e "Guarisco"). La privilegiata condizione di ecclesiastico gli permise di viaggiare e di esercitare l'attività artistica con una certa libertà e disponibilità di tempo.

L'artista[modifica | modifica wikitesto]

Evaristo Baschenis, Natura morta di Strumenti Musicali, 1670 ca., Bruxelles, Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique

Evaristo Baschenis si applicò quasi esclusivamente al genere della Natura morta, ritraendo raffinati insiemi di strumenti musicali, spesso velati da un sottile strato di polvere, o interni di Cucina con ogni tipo di cibarie, selvaggina e uccellagione della terra lombarda . L'interesse per gli strumenti musicali è dovuto anche al fatto che Baschenis conosceva la musica, come dimostra il suo unico autoritratto (Trittico Agliardi) in cui si è raffigurato nell'atto di suonare una spinetta. Del resto la pratica musicale, associata alla poesia, alla letteratura e allo studio della storia, era pratica assai diffusa a quel tempo nelle famiglie nobili bergamasche.

Intorno agli anni cinquanta del Seicento, il pittore si legò d'amicizia con il pittore-sacerdote gesuita Jacques Courtois, detto il Borgognone delle Battaglie che si trovava per motivi di lavoro nella città lombarda, con il quale intrattenne per lunghi anni rapporti epistolari e professionali. Baschenis dipinse anche alcune copie delle sue celebri Battaglie, richiestissime dai collezionisti del tempo. Il lavoro più prestigioso e impegnativo di Baschenis è il ciclo (1675) di otto tele per la biblioteca del monastero di San Giorgio Maggiore a Venezia, di cui si conserva un solo esemplare presso le Gallerie dell'Accademia di Venezia.

La critica[modifica | modifica wikitesto]

La morte del Prevarisco, sopraggiunta per malattia il 16 marzo 1677 all'età di cinquantanove anni, causò la brusca interruzione di un'attività che stava attraversando il suo momento di massima fortuna, sia critica che commerciale. Ad oggi le opere certamente autografe attribuibili all'artista, tutte di qualità altissima ed eseguite in trent'anni circa di attività, non superano la sessantina, comprendendo sia le Nature morte musicali che le Cucine. Il testamento dell'artista, ritrovato nel 1996 dallo storico dell'arte Enrico De Pascale, insieme all'inventario di tutti i suoi beni mobili e immobili, nonché la notizia della messa all'incanto sulla pubblica piazza di Bergamo di tutti i suoi averi, ivi compresi le tele, i pennelli, i colori, i telai, i disegni ecc., non lascia dubbi sul fatto che la bottega cessò immediatamente di esistere e di produrre. La fortuna del genere da lui inventato è testimoniata dalla copiosa produzione di copie e varianti (talune recanti anche firme apocrife), eseguite da imitatori, emuli e seguaci sfruttando i "disegni di rilievo" dell'artista. Una produzione proseguita fino alla metà del XVIII secolo e classificata come "Maniera bergamasca".

I primi importanti studi sul pittore si devono a Michele Biancale (1912) e soprattutto a Marco Rosci (1971, 1985) autore della prima catalogazione scientifica dell'opera del Maestro e di una sua interpretazione storico-critica, per molti versi ancora valida. Gli studi successivi di Alberto Veca, Gian Casper Bott e soprattutto di Enrico De Pascale, hanno consentito ulteriori puntualizzazioni, sia sul piano attributivo, eliminando dal catalogo dell'artista le opere dei suoi numerosissimi imitatori (contribuendo a meglio definire la personalità di Bartolomeo Bettera, il migliore tra i suoi emuli), sia sul piano interpretativo e storico-artistico[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E. De Pascale, Evaristo Baschenis e la Natura morta in Europa, 1996.
  2. ^ M. Rosci, Baschenis, Bettera & co: produzione e mercato della natura morta del Seicento in Italia, Milano, Görlich, 1971.
  3. ^ M. Rosci, Evaristo Baschenis, in I Pittori Bergamaschi, Il Seicento, III, Bergamo, Edizioni Bolis - Banca Popolare di Bergamo, 1985.
  4. ^ E. De Pascale, Baschenis privato. L'eredità, la bottega, la collezione in Evaristo Baschenis e la Natura Morta in Europa, catalogo della mostra a cura di F. Rossi, Bergamo - Accademia Carrara, Milano, Skira, 1996, pp. 51-64.
  5. ^ F. Rossi, Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996-12 gennaio 1997), a cura di C. Bertelli, Milano, Skira, 1996.
  6. ^ E. De Pascale, In Praise of Silence, in The Still Lifes of Evaristo Baschenis. The Music of Silence, catalogo della mostra a cura di A. Bayer, New York Metropolitan Museum of Art, Milano-New York, Olivares, 2000, pp. 30-52.
  7. ^ M. Paganini, Inediti d'archivio riguardanti Evaristo Baschenis, in Bergomum, vol. 3, n. 92, 1997, pp. 89-122.
  8. ^ E. De Pascale e G. Ferraris, Baschenis, ArteDossier, n. 344, Firenze, Giunti, giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.Lupis, Il Plico, Milano, 1675, p.9.
  • D.Calvi, Effemeride Sagro-Profana di quanto di memorabile sia successo in Bergamo, III, Milano, 1677, p.375.
  • F. M.Tassi, Vite de’ Pittori, Scultori e Architetti bergamaschi, I, II, Bergamo 1793 (edizione critica a cura di F.Mazzini, Milano 1970), I, pp. 33-37.
  • P. Locatelli, Illustri bergamaschi, II, Bergamo 1869
  • A. J.Wauters, Les instruments de musique d'Evaristo Baschenis bergamasque, in “Bulletin des Musées Royaux des Arts decoratifs et industriels”, Bruxelles 1908;
  • M.Biancale, Evaristo Baschenis, Bergamasco, dipintore degli antichi liuti italiani, in L'Arte, 15, p.321-343, 1912;
  • L.Angelini, I Baschenis, pittori bergamaschi Bergamo 1943 R. Longhi, Dal Moroni al Ceruti, in «Paragone. Arte», 4, 41, pp. 18-36 1953;
  • R.Cipriani, G. Testori, in I pittori della realtà in Lombardia, catalogo della mostra a cura di R. Longhi, Milano1953, p. 55, n. 95.
  • A.Geddo, Evaristo Baschenis, Milano1965
  • M.Rosci, Baschenis, Bettera & co: produzione e mercato della natura morta del Seicento in Italia, Milano: Görlich, 1971;
  • M.Rosci, Evaristo Baschenis, in I Pittori Bergamaschi, Il Seicento, III, Edizioni Bolis -Banca Popolare di Bergamo, Bergamo 1985, pp.1-147.  ;
  • M.Rosci, Bartolomeo e Bonaventura Bettera in I Pittori Bergamaschi. Il Seicento III, Bergamo 1985 pp.149-183;
  • M.Gregori (a cura di), Pittura a Bergamo dal Romanico al Neoclassicismo, Milano: Pizzi, 1991;
  • G. C.Bott, Ut pictura musica: la Ricercata Quinta di Evaristo Baschenis, in Arte Documento , 9.1995(1996), p.132-137;
  • M.Olivari, Baschenis a Brera. Due inedite presenze, in Nuovi Studi, I, Milano 1996, pp.161-165;
  • G. C.Bott, La mosca, le mele e la polvere: la musica dipinta in un quadro di Evaristo Baschenis, in F. Rossi, C. Bertelli (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996-12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 117-122;
  • M.Dalai Emiliani, Materiali e congetture per il laboratorio prospettico di Baschenis, in F. Rossi, C. Bertelli (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996-12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 105-111;
  • E.De Pascale, Baschenis privato. L'eredità, la bottega, la collezione in Evaristo Baschenis e la Natura Morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996 - 12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 51-64;
  • E.De Pascale, (1996a), Appendice documentaria, in F. Rossi, C. Bertelli (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996 - 12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 69-77;
  • E.De Pascale, (1996b), Baschenis e dintorni: il "caso" Bartolomeo Bettera, in F. Rossi, C. Bertelli (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996 - 12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 79-85;
  • G.Ferraris, L. Girodo, Guida alla identificazione degli strumenti musicali, in F. Rossi, C. Bertelli (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996 - 12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996, pp. 307-331;
  • G. C.Bott Der Klang im Bild: Evaristo Baschenis und die Erfindung des Musikstillebens, Berlino 1997;
  • E.De Pascale, Il violino e la rosa: nuovi contributi per Evaristo Baschenis, in Bergomum, 92, 3, pp. 65-87, 1997;
  • M.Paganini, Inediti d'archivio riguardanti Evaristo Baschenis, in Bergomum, 92, 3, pp. 89-122, 1997;
  • E.De Pascale, In Praise of Silence, in The Still Lifes of Evaristo Baschenis. The music of silence, catalogo della mostra (New York, The Metropolitan Museum of Art, 17 novembre 2000 - 4 marzo 2001), Milano: Olivares, 2000, pp. 30-52
  •  G.Lanza Tomasi, Evaristo Baschenis and Giovanni Legrenzi: a Comparison between music and painting in mid-seventeenth century Bergamo, in The still lifes of Evaristo Baschenis. The music of silence, catalogo della mostra (New York, The Metropolitan Museum of Art, 17 novembre 2000 - 4 marzo 2001), Milano: Olivares, 2000, pp.52-62
  • E.De Pascale, La Musica del Silenzio. Evaristo Baschenis al Metropolitan Museum of Art di New York, in La Rivista di Bergamo, n. 25, 2001;
  • L.Pilon, Evaristo Baschenis nelle collezioni dei conti Morlani e Colleoni in Bergomum, Bollettino della Civica Biblioteca Angelo Mai di Bergamo, anno XCVIII, n. 1-2, pp. 69-77, 2003;
  • E.Grazioli, La polvere nell'arte, Milano, 2004;
  • R.Lapucci, Caravaggio e l'ottica: perché bisogna saper vedere e osservare, Firenze: Restart, 2005;
  • A.Morandotti, Evaristo Baschenis, Collana Pittori Bergamschi - L'Eco di Bergamo, n. 20, Bergamo 2009;
  • E.De Pascale - G. Ferraris, Ut Pictura Musica. Evaristo Baschenis in S. Macioce - E. De Pascale, (a cura di), La musica al tempo di Caravaggio, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Gangemi Editore, Roma 2012;
  • E. De Pascale, Il mestiere delle armi. Evaristo Baschenis pittore di battaglie, in La Rivista di Bergamo, 71, pp.48-54, Grafica e Arte Bergamo, 2012.
  • E.De Pascale, Un inedito di Evaristo Baschenis nella collezione di UBI Banca, Bergamo 2015
  • E. De Pascale, Giorgio Ferraris, Baschenis, n. 344, Firenze, ArteDossier-Giunti editore, giugno 2017.

Cataloghi mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • Charles Sterling, La nature morte de l'antiquité à nos jours, Paris 1952;
  • Roberto Longhi, Renata Cipriani, Giovanni Testori, I pittori della realtà in Lombardia, Milano 1953;
  • Marco Valsecchi, Un incontro bergamasco. Ceresa-Baschenis nelle collezioni private bergamasche, Galleria Lorenzelli, Bergamo 1972;
  • Alberto Veca, Inganno & Realtà, Galleria Lorenzelli, Bergamo 1980;
  • Alberto Veca, Vanitas. Il simbolismo del tempo, Galleria Lorenzelli, Bergamo 1981;
  • Alberto Veca, Simposio, Galleria Lorenzelli, Bergamo 1983;
  • Francesco Rossi (a cura di), Il Seicento a Bergamo, catalogo della mostra, Bergamo 1987;
  • Alberto Veca, Lombardia 1620 circa, Galleria Lorenzelli, Bergamo 1989;
  • Alberto Veca, The Lure of Still Life, Galleria Lorenzelli, Bergamo Bergamo 1995;
  • Enrico De Pascale, Baschenis in F. Rossi - C. Bertelli, (a cura di), Evaristo Baschenis e la natura morta in Europa, catalogo della mostra (Bergamo, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, 4 ottobre 1996-12 gennaio 1997), Milano: Skira, 1996;
  • Enrico De Pascale, Baschenis in A. Veca - F. Caroli, Natura morta lombarda, Palazzo Reale, Milano 1999;
  • Enrico De Pascale, Baschenis in A. Bayer (a cura di), The still lifes of Evaristo Baschenis: the music of silence, catalogo della mostra (New York, The Metropolitan Museum of Art, 17 novembre 2000 - 4 marzo 2001), Milano: Olivares, 2000;
  • Enrico De Pascale, Baschenis in Fasto e Rigore. La Natura morta nell'Italia settentrionale dal XVI al XVIII secolo, a cura di G. Godi, catalogo della mostra Reggia di Colorno 20 aprile - 25 giugno 2000, Milano 2000;
  • Alessandro Morandotti - Francesco Frangi, Il ritratto in Lombardia. Da Moroni a Ceruti, catalogo della mostra, Milano 2002;
  • Mina Gregori - J. G. Prinz von Hohenzollern (a cura di), Natura morta italiana tra Cinquecento e Settecento, Milano 2003;
  • Enrico De Pascale, Baschenis in I pittori della realtà: le ragioni di una rivoluzione da Foppa e Leonardo a Caravaggio e Ceruti, catalogo della mostra a cura di A. Bayer e M. Gregori (Cremona, Museo Civico Ala Ponzone, New York, Metropolitan Museum of Art), Milano: Electa, 2004;
  • Enrico De Pascale Baschenis in A. Bayer - M. Gregori (a cura di), The Painter of Reality……, (Cremona New York, The Metropolitan Museum of Art, 17 novembre 2000 - 4 marzo 2001), Milano: 2004;
  • Omaggio a Baschenis, catalogo della mostra 7 - 13 ottobre 2006, Palazzo Credito Bergamasco, Bergamo 2006;
  • Andrea di Lorenzo - Francesco Frangi (a cura di), La raccolta Mario Scaglia: dipinti e sculture, medaglie e placchette da Pisanello a Ceruti, catalogo della mostra cura di, Museo Poldi Pezzoli, Milano 2007;
  • Franca Falletti (a cura di), Meraviglie sonore, cat. della mostra, Firenze 2007;
  • Alberto Cottino, Bartolomeo Bettera. “La sonata barocca”, catalogo della mostra (Bergamo, Credito Bergamasco, 4-24 ottobre 2008), Bergamo: Fondazione Credito Bergamasco, 2008;
  • Gerlinde Gruber (a cura di) Il Maestro della tela jeans. Un nuovo pittore della realtà nell’Europa della fine del XVII secolo, catalogo della mostra, Galleria Canesso, Parigi 2010, pp. 34-35;
  • Davide Dotti, Evaristo Baschenis, in Moretto, Savoldo, Romanino, Ceruti. Cento capolavori dalle collezioni bresciane, catalogo della mostra, Brescia, n.29, Milano 2014, pp. 104-105;
  • Enrico De Pascale, Evaristo Baschenis, in Il cibo nell'arte, catalogo della mostra, Brescia, Palazzo Martinengo, Milano 2015;
  • Enrico De Pascale, Evaristo Baschenis. Un inedito nella collezione di UBI Banca, Lubrina editore, Bergamo 2015;
  • "Enrico De Pascale racconta Baschenis", in La musica in scena, Seregno, Palazzo Comunale, 2021 http://www.baschenis.seregnonotizie.com/approfondimenti/
  • Enrico De Pascale, Baschenis intra ed extra moenia in "I Baschenis". Atti del Convegno di Studi, Centro Congressi Papa Giovanni XXIII, Bergamo (6 ottobre 2020), Bergamo 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN100218652 · ISNI (EN0000 0001 1797 6286 · Europeana agent/base/89608 · LCCN (ENnr90003755 · GND (DE11948952X · BNF (FRcb133298466 (data) · BNE (ESXX1199713 (data) · ULAN (EN500021029 · NLA (EN35655365 · BAV (EN495/171414 · CERL cnp00557189 · WorldCat Identities (ENviaf-15581493