Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1962
Stato Italia Italia
Data 2-6 maggio 1962
Legislatura III legislatura
Antonio Segni Official.jpg
Eletto Antonio Segni
Partito Democrazia Cristiana
Voti 443[1]
51,9 %
Scrutinio IX
Presidente uscente
Giovanni Gronchi
Left arrow.svg 1955 1964 Right arrow.svg

L'elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1962 si è svolta tra il 2 ed il 6 maggio dello stesso anno.

Il Presidente della Repubblica uscente è Giovanni Gronchi.

Presidente della Repubblica, eletto al IX scrutinio, è Antonio Segni.

Informazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

La Democrazia Cristiana, partito di maggioranza relativa, candida Antonio Segni, su proposta del segretario politico Aldo Moro, che ritiene necessaria la presenza di un conservatore alla Presidenza della Repubblica per rassicurare le correnti della destra DC e guadagnare anch'esse alla sua politica di apertura al Partito Socialista. Al I scrutinio, il PSDI candida Giuseppe Saragat, come portabandiera della politica di centro-sinistra, mentre i socialisti votano Sandro Pertini e i comunisti Umberto Terracini. Contemporaneamente, il presidente dell'ENI, Enrico Mattei, si muove dietro le quinte per la rielezione del Presidente uscente.[2]

Al II scrutinio, i socialisti fanno confluire i loro voti su Saragat e al III, anche i comunisti. Ciò rende problematico un accordo tra i partiti di centro-sinistra sul nome del leader socialdemocratico. Al III scrutinio, Segni comincia a essere sotterraneamente votato dal MSI e dai monarchici.

La DC, nei primi otto scrutini, non vota mai compatta per il suo candidato ufficiale, in quanto Gronchi ottiene sempre tra i 20 e i 45 voti, mentre altri consensi sono dispersi tra Attilio Piccioni (addirittura 51 voti al III scrutinio), Cesare Merzagora (tra i 12 e i 18) ed altri.

Antonio Segni è comunque eletto Presidente della Repubblica Italiana il 6 maggio 1962 al IX scrutinio, con 443 voti su 842, comprensivi dei consensi delle destre e ben 51 schede bianche di aleatoria attribuzione. È la prima volta che un candidato ufficiale della DC alla presidenza della Repubblica esce vittorioso dal responso delle urne.[3]

2 maggio 1962[modifica | modifica wikitesto]

I scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta una maggioranza di due terzi degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 834 Antonio Segni 333
Votanti 834 Umberto Terracini 200
Astenuti 0 Alessandro Pertini 120
Maggioranza 570 Augusto De Marsanich 46
Giuseppe Saragat 42
Giovanni Gronchi 20
Attilio Piccioni 12
Paolo Rossi 10
Voti dispersi 8
Schede bianche 43
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al II scrutinio.

II scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta una maggioranza di due terzi degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 831 Antonio Segni 340
Votanti 831 Umberto Terracini 196
Astenuti 0 Giuseppe Saragat 92
Maggioranza 570 Attilio Piccioni 41
Achille Lauro 38
Giovanni Gronchi 32
Cesare Merzagora 12
Voti dispersi 15
Schede bianche 65
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al III scrutinio.

III scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta una maggioranza di due terzi degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 842 Antonio Segni 341
Votanti 842 Giuseppe Saragat 299
Astenuti 0 Attilio Piccioni 51
Maggioranza 570 Giovanni Gronchi 44
Calogero Volpe 37
Cesare Merzagora 13
Voti dispersi 11
Schede bianche 46
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al IV scrutinio.

3 maggio 1962[modifica | modifica wikitesto]

IV scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 843 Antonio Segni 354
Votanti 843 Giuseppe Saragat 321
Astenuti 0 Giovanni Gronchi 45
Maggioranza 428 Attilio Piccioni 40
Orazio Condorelli 38
Cesare Merzagora 11
Voti dispersi 8
Schede bianche 26
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al V scrutinio.

V scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 841 Antonio Segni 396
Votanti 841 Giuseppe Saragat 321
Astenuti 0 Giovanni Gronchi 43
Maggioranza 428 Attilio Piccioni 28
Cesare Merzagora 14
Voti dispersi 3
Schede bianche 35
Schede nulle 1

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al VI scrutinio.

VI scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 842 Antonio Segni 399
Votanti 841 Giuseppe Saragat 314
Astenuti 1 Giovanni Gronchi 43
Maggioranza 428 Cesare Merzagora 18
Attilio Piccioni 17
Voti dispersi 4
Schede bianche 46
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al VII scrutinio.

5 maggio 1962[modifica | modifica wikitesto]

VII scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 840 Antonio Segni 389
Votanti 840 Giuseppe Saragat 332
Astenuti 0 Giovanni Gronchi 29
Maggioranza 428 Cesare Merzagora 12
Voti dispersi 15
Schede bianche 58
Schede nulle 5

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede all'VIII scrutinio.

VIII scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 843 Antonio Segni 424
Votanti 843 Giuseppe Saragat 337
Astenuti 0 Giovanni Gronchi 20
Maggioranza 428 Voti dispersi 17
Schede bianche 45
Schede nulle 0

Poiché nessun candidato raggiunge il quorum richiesto, si procede al IX scrutinio.

6 maggio 1962[modifica | modifica wikitesto]

IX scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Per la nomina è richiesta la maggioranza assoluta degli 854 membri dell'Assemblea.

Dati votazione Nome Voti
Presenti 842 Antonio Segni 443
Votanti 842 Giuseppe Saragat 334
Astenuti 0 Voti dispersi 13
Maggioranza 428 Schede bianche 51
Schede nulle 1

Risulta eletto: Antonio Segni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voti ottenuti nell'ultima votazione
  2. ^ Indro Montanelli, Mario Cervi, Storia d'Italia. Vol. 10, RCS Quotidiani, Milano, 2004, pagg. 340-342
  3. ^ Indro Montanelli, Mario Cervi, cit., pagg. 345-346

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]