Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1985

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 1985
Stato Italia Italia
Data 24 giugno 1985
Cossiga Francesco.jpg
Eletto Francesco Cossiga
Partito Democrazia Cristiana
Voti Primo Scrutinio
752

75,4 %
Presidente uscente
Sandro Pertini (PSI)
Left arrow.svg 1978 1992 Right arrow.svg

Il Presidente della Repubblica uscente è Sandro Pertini. L'elezione si svolge il 24 giugno 1985 ed è la nona elezione del Capo dello Stato, comprendendo anche quelle per nominare il Capo Provvisorio dello Stato nel 1946 e 1947.

Onde evitare spiacevoli situazioni di stallo già avvenute in passato il segretario politico della Democrazia Cristiana, Ciriaco De Mita avvia le consultazioni tra i partiti prima della riunione del Parlamento in seduta comune, per l'elezione del Presidente. In breve si giunge all'accordo con il segretario del PCI Alessandro Natta, sul nome di Francesco Cossiga. Tale candidatura è accettata anche dal PSI e dagli altri partiti del "fronte costituzionale"[1].

Il 24 giugno Francesco Cossiga risulta eletto al primo scrutinio con 752 voti su 977 (74,3%). Pertini, il cui mandato sarebbe scaduto il 9 luglio, si dimette il 29 giugno e Cossiga presta giuramento il successivo 3 luglio.

L'elezione[modifica | modifica wikitesto]

Preferenze per Francesco Cossiga[modifica | modifica wikitesto]

Scrutinio Voti Percentuale
Primo 752 su 977 74,3%


24 giugno 1985[modifica | modifica wikitesto]

1º scrutinio[modifica | modifica wikitesto]

Componenti:1011, Presenti: 979, Votanti: 977, Astenuti: 2

Maggioranza dei due terzi dei componenti l'Assemblea: 674

Nome Voti
Francesco Cossiga 752
Arnaldo Forlani 16
Alessandro Pertini 12
Camilla Cederna 8
Benigno Zaccagnini 7
Amintore Fanfani 5
Giulio Andreotti 3
Tina Anselmi 3
Norberto Bobbio 3
Arrigo Boldrini 3
Pietro Ingrao 2
Mario Melis 2
Marco Pannella 2
Schede bianche 141
Voti dispersi 11
Schede nulle 7

Risulta eletto: Francesco Cossiga

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Fatto Quotidiano, 17 aprile 2013