Dottor Pira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dottor Pira al Napoli Comicon 2018

Dottor Pira, nome d'arte di Maurizio Piraccini (Tortona, 25 gennaio 1977), è un fumettista, grafico e autore televisivo italiano.

Creatore di uno dei primi portali di webcomic italiani (I Fumetti della Gleba), è autore di numerosissime storie brevi e diversi libri, tra autoproduzioni ed editoria tradizionale, caratterizzati da uno stile grafico semplice e da intrecci narrativi apparentemente nonsense[1].

Attivo in diversi campi, cultore ed esponente della scena hip hop e del mondo della street art; in ambito fumettistico ha fatto parte del collettivo Superamici (con Ratigher, Tuono Pettinato, Maicol & Mirco e LRNZ), poi Fratelli del Cielo; ha realizzato grafiche ed animazioni per gruppi musicali quali Fedez ed Elio e le Storie Tese ed è stato autore di programmi televisivi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù si avvicina alla street art fondando con alcuni amici della provincia piemontese il gruppo OK. Dopo gli studi universitari in Disegno industriale al Politecnico di Milano, inizia a lavorare come grafico trasferendosi più volte e vivendo per circa dieci anni in diverse città della Germania, per poi spostarsi a Roma[2]. Collabora anche con la televisione, scrivendo puntate per Lorem Ipsum (Deejay TV) e Top 5 (Rai 5). Scrive di televisione su XL di Repubblica, NERO Magazine e Link. Idee per la televisione[3]. Nel 2008 disegna lo storyboard di Io sono l'amore di Luca Guadagnino[4].

Attivo anche in ambito musicale, ha fondato nel 1999 la Cervello Meccanico Records[5][6] e ha suonato in diverse formazioni (gli Insult con sonorità punk hardcore, i Bhopal ispirati alla scena crust post-apocalittica e gli Aquarius Omega, psichedelico-ambient[7]) o da solo (come Pira666, perlopiù per un progetto 8bit heavy metal[8], o Dottor Pira per le attività più recenti, come le compilation del relax in collaborazione con Dj Pikkio[9])[10].

Ad una progressiva intensificazione dell'attività di fumettista, avviata online e con fanzine ed autoproduzioni, si accompagna una volontaria riduzione del lavoro da grafico che lo porterà a dedicarsi esclusivamente al disegno. Sul portale de I Fumetti della Gleba crea man mano una miriade di personaggi per diversi filoni di storie brevi, tra cui spiccano Berutti, Marguati, Ken il Corriere, Batma e Robi, Iodosan pattuglia spaziale[11][12]. Spesso i diversi archi narrativi sono poi raccolti e pubblicati in volumetti autoprodotti[13][14].

Con il collettivo dei Superamici ha fondato la rivista Hobby Comics edita da GRRRzetic e il free press Pic Nic[15][16][17][18][19] e partecipa al numero speciale XZ Comics-Donne nude con le mani in tasca della rivista X Comics di Coniglio Editore[20].

Nel 2011 esordisce con l'editoria tradizionale pubblicando Gatto Mondadory e il telefonino fatato con GRRRzetic, primo capitolo di una ironica trilogia fantasy[21][22] poi ristampato nel 2015 da GRRRZ in edizione economica. Nel 2012 esce il secondo capitolo Gatto Mondadory nella valle dei cugini[23] e nello stesso anno realizza con Ratigher il volume Ultimo Impero, in cui i due autori, partendo dalle estremità, disegnano la marcia di un esercito che arriva a scontrarsi con la fazione rivale solo al centro del libro[24].

Nel 2015 viene pubblicato il terzo volume Gatto Mondadory e i puffi dell'aldilà con una triplice produzione GRRRZ, I Fumetti della Gleba e CORPOC[25]. Nel 2014 GRRRZ aveva già dato alle stampe anche un album di figurine ispirato alla saga[26].

Ha pubblicato per diversi anni strisce e storie su XL di Repubblica, Smemoranda e Vice[27][28]. In particolare su Vice compare la serie Rap Violent in the Ghetto Street, poi raccolta nel 2013 da The Milan Review in un albo con episodi inediti[29] con il quale quell’anno vince il Premio Boscarato come migliore autore unico al Treviso Comic Book Festival[30]. Partecipa con copertine, disegni, articoli e storie a linus di aprile e ottobre 2015; gennaio, luglio e settembre 2016 e maggio e agosto 2017.

Ha partecipato con disegni e fumetti a numerose riviste, fanzine ed autoproduzioni come Succoacido, Inguine MahGazine! n. 11, The Passenger n. 2, Crisma n. 1, Profondissima n. 1, Agendaeterna e Cefalea Mare di GRRRzetic, Futuro Anteriore-Giallo di COMICON Edizioni, L'immaginazione al dovere e Capezzone del Collettivomensa, Parade. Presso accanto oltre l'amore, l'albo U come Umorismo di Slowcomix, il libretto Umberto Baccolo's (n)INFOmaniac, la Guida illustrata al frastuono più atroce vol. 1 di Lamette comics, Manga don't like wine del collettivo Why Style, il Book of Mazzate di Simone Angelini, l’Almanacco Mataran, il volumetto Cocktails Pre Dinner e l’Atlante illustrato delle nuove costellazioni dello Studio Pilar o il Bestiario criptozoologico lacustre del Lago Film Fest. Nel 2011 realizza la copertina dell’album Ohmlaut del sestetto jazz Jümp the shark guidato da Piero Bittolo Bon e nel 2014 quella dell’album Iuvenes Doom Sumus[31]. Nel 2015 realizza la copertina per l'album Il limite valicabile degli Uochi Toki[32] e cura le scenografie del Pop-Hoolista Tour di Fedez[33].

Nel 2016 pubblica, con prefazione di Achille Bonito Oliva, L'Almanacco dei Fumetti della Gleba con NERO Edizioni ed il metodo Prima o Mai di Ratigher, opera omnia di tutto quanto fino ad allora pubblicato sul web e altrove[34][35][36][37][38]. Nello stesso anno è uno dei quattro fumettisti (con Ratigher, Maicol & Mirco e Alessandro Baronciani) coinvolti nel documentario di Serena Dovì Fumetti dal futuro. Quattro storie di autoproduzione e cura le scenografie del tour Piccoli Energumeni di Elio e le Storie Tese[39]. Nel 2018 realizza l'albo Ippocrate e Jones allegato al vinile Schifo vendesi dei Maxcarnage per il progetto discografico ÙA! Records[40].

Nel 2017 pubblica con Rizzoli Lizard il saggio-fumetto La vera storia dell'hip hop. Tutto quello che non vogliono farti sapere sui legami tra gli alieni e la musica del momento[41][42][43].

Nel 2018 firma l'albo Ippocrate e Jones per il parco archeologico di Paestum, nell'ambito del progetto Fumetti nei Musei promosso dal MiBACT con Coconino Press[44] e realizza il racconto a fumetti del Red Bull Music Festival di Berlino[45]. Nello stesso anno Coconino Press pubblica Super Relax スーパー・リラックス Ultra HD 1080[46][47][48][49] che segue una prima edizione ridotta autoprodotta[50], opera che gli vale il premio Micheluzzi come miglior fumetto al Napoli Comicon 2019[51] e la candidatura a miglior copertina al Treviso Comic Book Festival 2018[52].

Nel marzo 2020 firma una delle tavole dello speciale di Robinson de la Repubblica del 28 del mese dedicato all’emergenza coronavirus[53].

Insegna Animazione presso lo IED di Roma.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gatto Mondadory e il telefonino fatato, GRRRzetic, 2011
    • ristampa economica, GRRRZ, 2015
  • Gatto Mondadory nella valle dei cugini, GRRRzetic, 2012
  • Ultimo Impero, Alpacha, 2012
  • Rap Violent in the Ghetto Street, The Milan Review, 2013
  • Gatto Mondadory e i puffi dell'aldilà, GRRRZ-I Fumetti della Gleba-CORPOC, 2015
  • L'Almanacco dei Fumetti della Gleba, NERO Edizioni, 2016
  • La vera storia dell'hip hop. Tutto quello che non vogliono farti sapere sui legami tra gli alieni e la musica del momento, Rizzoli Lizard, 2017
  • Ippocrate e Jones, MiBACT-Coconino Press, 2018
  • Super Relax スーパー・リラックス Ultra HD 1080, Coconino Press, 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Perché Dottor Pira è un grande fumettista, in Fumettologica, 20 ottobre 2015. URL consultato il 4 maggio 2019.
  2. ^ Il Dr. Pira, in ZERO.eu, 23 gennaio 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  3. ^ Fumetti in super relax, il 18 maggio 2019 un workshop di Dr. Pira, in Lo Spazio Bianco, 3 maggio 2019. URL consultato il 4 maggio 2019.
  4. ^ I fumetti che compri oggi o mai più, su liberlist.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 5 maggio 2019.
  5. ^ La vita è una metafora del minigolf - intervista a Dr. Pira, in CTRL Magazine, 19 marzo 2015. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2019).
  6. ^ Cosa sta succedendo al DalVerme di Roma?, in Vice, 9 maggio 2016. URL consultato il 27 luglio 2019.
  7. ^ Aquarius Omega/Ottaven A4God Split LP, in distorsioni.net, 1º marzo 2012. URL consultato il 27 luglio 2019.
  8. ^ DR. PIRA – CHE C’ENTRA L’HIP HOP CON L’ALIENOLOGIA CE LO RIVELA IL LIBRO DEL FUMETTISTA UFOCICLISTA, in artapartofculture.net, 7 gennaio 2018. URL consultato il 27 luglio 2019.
  9. ^ Le compilation S U P E R R E L A X del Dr. Pira, su Red Bull.com, 27 settembre 2018. URL consultato il 27 luglio 2019.
  10. ^ Una cosa a tre: musica, fumetto e street art. Ne parliamo con 108 e Dottor Pira, in Indie-zone, 19 marzo 2019. URL consultato il 27 luglio 2019.
  11. ^ Le storie di Ken il Corriere su Vice, in Vice. URL consultato il 5 maggio 2019.
  12. ^ Berutti in: Storia di Santo Stefano (di Dr. Pira), in Fumettologica, 24 dicembre 2015. URL consultato il 5 maggio 2019.
  13. ^ Dottor Pira presenta: 'Tutto Berutti vol. 1', in Fumettologica, 28 febbraio 2014. URL consultato il 5 maggio 2019.
  14. ^ Batma e Robi su CORPOC, su ccoorrppoocc.wordpress.com. URL consultato il 5 maggio 2019.
  15. ^ Superamici al Bilbolbul, in bilbolbul.net. URL consultato il 5 maggio 2019.
  16. ^ Dopo sette anni finisce Hobby Comics, la rivista ammiraglia dei Super Amici, in Lo spazio bianco, 7 novembre 2015.
  17. ^ Il futuro di Pic Nic - Intervista a Ratigher dei Superamici, in ComicsBlog, 31 maggio 2011. URL consultato il 15 marzo 2019.
  18. ^ Aspettando Pic Nic, in Abitare, 9 marzo 2011. URL consultato il 12 giugno 2019.
  19. ^ Pic-Nic. Nuovo Popfumetto Italiano, in Fumettologicamente, 20 febbraio 2010. URL consultato il 12 giugno 2019.
  20. ^ XZ Comics, in Lo spazio bianco. URL consultato il 15 marzo 2019.
  21. ^ Il Dr. Pira e il Gatto Mondadory alla ricerca del telefonino fatato, in Lo Spazio Bianco, 27 marzo 2012. URL consultato il 4 maggio 2019.
  22. ^ Gnomi, alieni, Harry Potter, catechismo e minigolf: intervista surreale a Dr. Pira, in Lo Spazio Bianco, 27 marzo 2012. URL consultato il 5 maggio 2019.
  23. ^ Due cose su Gatto Mondadory nella valle dei cugini, in Conversazioni sul fumetto, 13 novembre 2012. URL consultato il 4 maggio 2019.
  24. ^ Ratigher e Dr. Pira a duello!, in Comicsblog, 8 marzo 2012. URL consultato il 5 maggio 2019.
  25. ^ Gatto Mondadory, da Casalpusterlengo a casa vostra. Intervista al Dr. Pira, in Fumettologica, 23 ottobre 2015. URL consultato il 4 maggio 2019.
  26. ^ Tra Tolkien, cospirazioni, gatti e figurine. Intervista al Dr. Pira, in Fumettologica, 24 ottobre 2014. URL consultato il 4 maggio 2019.
  27. ^ Comics underground, in La Repubblica XL, 7 gennaio 2014. URL consultato il 4 maggio 2019.
  28. ^ Rap Violent in the Ghetto Street. Nono episodio, in Vice, 1º ottobre 2011. URL consultato il 4 maggio 2019.
  29. ^ Rap Violent in the Ghetto Street (Dr. Pira), in Lo Spazio Bianco, 21 giugno 2013. URL consultato il 4 maggio 2019.
  30. ^ Treviso Comic Book Festival, ecco i Premi Boscarato, in Mangaforever, 2 ottobre 2013. URL consultato il 6 luglio 2019.
  31. ^ Riceviamo & pubblichiamo: ‘Iuvenes Doom Sumus’ di Piero Bittolo Bon JÜMP THE SHARK per El Gallo Rojo Records, in Free Fall Jazz, 18 settembre 2014. URL consultato il 24 luglio 2019.
  32. ^ La copertina del Dottor Pira per il nuovo disco degli Uochi Toki (Work in progress), in Fumettologica, 10 febbraio 2015. URL consultato il 27 luglio 2019.
  33. ^ Clay Paky illumina il Pop-Hoolista di Fedez, su claypaky.it, 25 agosto 2015. URL consultato il 5 maggio 2019.
  34. ^ Dottor Pira e i Fumetti della Gleba, in Artribune, 19 giugno 2016. URL consultato il 4 maggio 2019.
  35. ^ La raccolta definitiva de "I Fumetti della Gleba" del Dottor Pira, in Fumettologica, 26 maggio 2016. URL consultato il 4 maggio 2019.
  36. ^ Dr. Pira e "L'Almanacco dei Fumetti della Gleba", in La Repubblica XL, 12 luglio 2016. URL consultato il 4 maggio 2019.
  37. ^ Abbiamo incontrato il Dottor Pira che ci ha parlato della sua enciclopedia dei Fumetti della Gleba, in Dailybest, 17 maggio 2016. URL consultato il 4 maggio 2019.
  38. ^ Il Dr. Pira risponde alle domande del fumetto italiano, in Vice, 8 luglio 2016. URL consultato il 5 maggio 2019.
  39. ^ Il companatico e i garofani al Ca.Co. Fest, in Nòva de Il sole 24 ore, 24 aprile 2017. URL consultato il 5 maggio 2019.
  40. ^ MAXCARNAGE, Schifo Vendesi, in The New Noise, 20 febbraio 2018. URL consultato il 17 luglio 2019.
  41. ^ Dr. Pira, gli alieni e la vera storia dell'hip-hop, in Rolling Stone, 5 novembre 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  42. ^ Dr. Pira - Quegli alieni dell'hip hop, in WU Magazine, 18 dicembre 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  43. ^ C'è anche il Dr. Pira a Lucca Comics e racconta la vera storia dell'Hip Hop, in La Stampa, 2 novembre 2017. URL consultato il 5 maggio 2019.
  44. ^ Fumetti nei musei, su fandangoeditore.it, 23 febbraio 2018. URL consultato il 4 maggio 2019.
  45. ^ Un viaggio nella musica con le strisce del Dottor Pira, su Red Bull.com, 6 dicembre 2018. URL consultato il 27 luglio 2019.
  46. ^ Il Dottor Pira ci tiene al suo relax, in Rolling Stone, 7 giugno 2018. URL consultato il 4 maggio 2019.
  47. ^ Il relax secondo Dr. Pira, in Lo Spazio Bianco, 7 settembre 2018. URL consultato il 4 maggio 2019.
  48. ^ In fuga dallo stress? Chiedete al Dr. Pira. La sua cura si intitola "Super Relax", in Robinson de la Repubblica, 12 luglio 2018. URL consultato il 5 maggio 2019.
  49. ^ Super Relax, il backstage del fumetto antistress, in la Repubblica, 12 luglio 2018. URL consultato il 5 maggio 2019.
  50. ^ Super Relax, il nuovo libro del Dr. Pira, in Lo Spazio Bianco, 13 settembre 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  51. ^ I vincitori dei premi di Comicon 2019, in Fumettologica, 27 aprile 2019. URL consultato il 4 maggio 2019.
  52. ^ Le nomination ai premi Boscarato 2018 del Treviso Comic Book Festival, in Fumettologica, 22 agosto 2018. URL consultato il 4 maggio 2019.
  53. ^ Speciale Robinson: un numero di artisti per resistere, in Robinson di Repubblica, 27 marzo 2020. URL consultato il 27 marzo 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3262150567611706370006 · WorldCat Identities (ENviaf-3262150567611706370006