Daniele Gallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniele Gallo nel 2016

Daniele Gallo (Milano, 21 novembre 1954) è un giornalista, saggista e professore universitario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«Sarebbe sufficiente che ci si impegnasse un po’ di più nell’ascolto dell’altro e dei suoi bisogni per provare il fremito di un’emozione, la scintilla di una scossa, nella consapevolezza di essere d’aiuto per qualcuno che ha bisogno, e ritrovare così il vero senso della nostra vita. E per contraddire Jean Paul Sartre: “L’inferno non sono gli altri, ma è l’indifferenza”.»

( Daniele Gallo, La necessità di prendersi cura degli altri, in Fare anima con le cose. Viator 2000-2010: dieci anni di editoriali, Gruppo Editoriale Viator, 2010, ISBN 978-88-903872-1-0.)

Daniele Gallo, laureato in Scienze Politiche con specializzazione in Sociologia del lavoro (con una tesi sulla Legge 903/1977: Storia di una parità. Diritto e realtà, con relatrice la professoressa Bianca Beccalli[1]) e corsista in Giurisprudenza all'Università Statale di Milano, ha maturato, anche attraverso esperienze seminariali, competenze certificate nelle Criminologia (con il professor Gian Luigi Ponti[2]) e nelle tematiche relative alla Sociologia e Filosofia del diritto (con il professor Renato Treves).

Dopo aver conseguito un master in Diritto dello sport con il professor Carlo Masera, si è dedicato dal 1988 al 1995 al giornalismo e all’editoria sportiva con pubblicazioni per la casa editrice Sport & Sport (con la collaborazione di giornalisti tra cui Luca Serafini[3] e Gino Bacci) come La grande Milano nello sport e Milan Campione, in celebrazione della vittoria nel Campionato 1987/1988. Direttore editoriale di Oggi Milan, insieme a Fabrizio Melegari ha offerto allo scenario documentale-calcistico italiano il Programma delle partite, una nuova tipologia di prodotto editoriale di carattere socio-informativo ispirato al modello anglosassone, con lo scopo di presentare ai tifosi l’incontro, con tutte le informazioni necessarie per la sua massima valorizzazione. «Nella speranza che sia di compagnia prima della partita e di aiuto durante il suo svolgimento»[Nota 1], il Programma Ufficiale delle partite, autorizzato dall’Milan e successivamente pubblicato su iniziativa e con il patrocinio dell’UEFA per gli incontri di Champions League, è stato realizzato con la collaborazione di valenti giornalisti come lo stesso Luca Serafini, Alberto Brandi, Giovanni Guardalà[4], Carlo Pellegatti e Mauro Suma.

Dal 1997 al 1999 è stato uditore alla Facoltà di Teologia dell’Italia Settentrionale di Milano, dove ha frequentato i corsi di Introduzione al Nuovo Testamento, Esegesi del Nuovo Testamento (con il professor Bruno Maggioni) e Teologia Fondamentale (con il professor Pierangelo Sequeri).

Nel 1999 ha fondato Viator. Il mensile cristiano della pace, della solidarietà, del dialogo e dei diritti umani[5] (di cui è direttore responsabile dal 2001), un progetto editoriale di carattere etico-sociale da lui stesso ideato e realizzato con la collaborazione di Luca Serafini, Don Alberto Vitali[6] e Fabio Ungaro.

Dal 2010 è direttore responsabile del bimestrale Servitium - Quaderni di ricerca spirituale[7] che propone percorsi di riflessione sulle condizioni della vita umana ispirandosi alle Sacre Scritture, alle tradizioni religiose e alle scienze[Nota 2].

Direttore editoriale del Gruppo Viator[8], ha curato per la casa editrice milanese:

  • “Badandum”[9], iniziativa realizzata con il Centro Studi Cure Domiciliari[10] e orientata alla formazione del caregiver per l’assistenza e la cura delle persone non autosufficienti (pubblicazione dell’omonimo testo nel 2011, ISBN 9788896813119);
  • “Bambini”, collaborazione con Maria Rita Parsi, Alessandra Santelli e la Fondazione Movimento Bambino[11], finalizzata alla diffusione, allo sviluppo e alla valorizzazione della cultura dell’infanzia e dell’adolescenza (pubblicazione dell’omonimo fotolibro nel 2011, ISBN 9788896813270, presentato alla mostra fotografica Bambini, Anima del mondo, Roma 29 gennaio 2012);
  • “LINK-Italia”[12], progetto di indagine scientifico-forense sulla correlazione fra crudeltà su animali e violenza interpersonale (dalla collaborazione con Francesca Sorcinelli, Massimo Tettamanti e l’omonima organizzazione no profit la pubblicazione nel 2012 dei tre manuali:

Dal 2010 gestisce anche la casa editrice Servitium[13] dell’ordine dei frati Servi di Maria di Fontanella di Sotto il Monte (Bergamo), originata e sviluppata dall’impegno di figure come i padri David Maria Turoldo, Giovanni Vannucci, Camillo De Piaz ed Ermes Ronchi.

Giornalista e saggista, è autore di articoli e opere che riflettono sulla contemporaneità, con particolare riguardo alle tematiche sociali [Nota 3], all’etica della responsabilità come principio ispiratore della società e dello stesso mondo dell’informazione:

«Siamo nel mezzo (o all'inizio) di una crisi epocale che per fortuna potrebbe cambiare in meglio il nostro modo di essere e di comportarci. Il mondo dell'informazione deve essere uno dei primi a evolvere, stante il suo fondamentale ruolo. La notizia, in quanto tale, non può più essere il solo dominus del giornalista che deve farsi carico dell'affascinante fardello di portare conoscenza, abbassando quanto più possibile il livello di conflittualità sociale e aumentando quello di armonia relazionale. La comunicazione informativa che voglia assicurarsi un salto di qualità deve essere dunque diretta a far conoscere e a far ri-conoscere l'altro con i suoi bisogni e nella sua dimensione di persona, offrendo una solenne diversa opzione all'impossibilità di pervenire a una verità assoluta.»

( Daniele Gallo, Informazione e verità. Far conoscere per riconoscere, Gruppo Editoriale Viator, 2011, ISBN 978-88-96813-06-5.)

La stessa etica della responsabilità è illuminata, nelle sue riflessioni, dal valore teologico-morale della Gratuità “che tutto racchiude e che tutto contempla, stella polare per una vita nuova e un nuovo umanesimo”:

«Se non si investe qualche volta con la follia della gratuità, tutto si corrompe, la vita e l’amore stesso. Se non scivola dentro la vita anche un po’ di follia, la follia della gratuità, le cose impoveriscono e muoiono.»

( Daniele Gallo, Elogio della gratuità, in Fare anima con le cose. Viator 2000-2010: dieci anni di editoriali, Gruppo Editoriale Viator, 2010, ISBN 978-88-903872-1-0.)

Il suo impegno di giornalista ed editore, attento alla quotidianità nella sua dimensione etico-sociale e ispirato da una cultura “profumata di vita”, è sempre stato accompagnato da una profonda passione per la letteratura, non intesa come “pura illustrazione di costumi sociali e comuni aggiogati al tempo”, ma “la vita stessa, e cioè la parte migliore e vera della vita”[14]

Dall’intento di valorizzare la forza della parola oltre l’opposizione tra linguaggio ed etica, cultura ed esistenza, promanano i suoi studi di Storia della letteratura e Critica letteraria, incentrati sulle opere degli autori neorealisti e sul Realismo nella sua accezione temporale più ampia. È in questo canone letterario che, come lo stesso Daniele Gallo esprime in Elementi di letteratura italiana: il Neorealismo del Novecento fra guerra e dopoguerra, la scrittura supera il mero compiacimento estetico per elevarsi a strumento antropologico rivoluzionario e vivificante, “in grado di soccorrere l’individuo nella scoperta del sé” e della realtà socio-politica che lo circonda, raccontata e “vista sempre come passibile di miglioramento sia sul piano personale che collettivo”:

«La vita deve essere riconosciuta e compresa attraverso il racconto: la libertà duramente conquistata si concretizza anche nella testimonianza della narrazione e della sua comunicazione. Così la letteratura neorealista esalta uno dei suoi massimi valori, quello di tentare d’incidere nella società con un impulso di rinnovamento e di affrancamento dal passato.»

( Daniele Gallo, isbn=978-88-96813-77-5, in Elementi di letteratura italiana: il Neorealismo del Novecento fra guerra e dopoguerra, Gruppo Editoriale Viator, 2013.)

Nei suoi saggi la parola non è indagata solo nella sua rilevanza letteraria, ma nella sua trasversale energia relazionale e trasformativa, “creatrice e costruttrice di civiltà”, in una dimensione in cui “tutto è traduzione” e che abbraccia la quasi totalità degli atti comunicativi:

«Il linguaggio diviene paesaggio e tale paesaggio, a sua volta, è un’invenzione, la metafora di una nazione o di un individuo. Topografia verbale in cui tutto viene comunicato, tutto è traduzione: le frasi sono una catena di montagne, e le montagne sono i contrassegni, gli ideogrammi di una civiltà. Ma il gioco degli echi e delle corrispondenze verbali, oltre a essere vertiginoso, nasconde un pericolo sicuro. Circondati da ogni lato di parole, viene un momento in cui sussultiamo: angosciosa singolarità di vivere tra nomi e non tra cose.»

(Octavio Paz, Traducciòn: liberatura y literalidad, Tusquets, Barcellona 1970))

In questa direzione si orientano le sue analisi di Linguistica, Filosofia del linguaggio e della traduzione, ispirate al pensiero di George Steiner e al suo “moto ermeneutico”, al “processo di negoziazione” di Umberto Eco e alla Teoria della tripartizione traduttiva di Roman Jakobson, cui aderisce conducendo, proprio attraverso la valorizzazione dell’interpretazione intersemiotica, il concetto stesso del tradurre oltre i limiti del puramente linguistico, verso una dimensione olistica in cui il segno esprime tutta la sua forza metamorfica sulla realtà.

Le sue riflessioni letterarie e linguistiche trovano compiuta espressione nel suo impegno per la formazione. Dal 2009/2010 è docente di Lingua e Letteratura Italiana, Teorie e Tecniche della Traduzione Letteraria, Psico-sociologia dell’atto comunicativo al Campus Universitario CIELS[15] di Padova, Mantova, Milano e Bologna e, dall’anno accademico 2018/2019, è Direttore della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Prospero Moisè Loria della Società Umanitaria in cui è docente delle stesse cattedre.

È altresì Direttore scientifico del master di Unicollege di “Mediazione linguistica e culturale verso migranti, richiedenti asilo, rifugiati e soggetti con protezione umanitaria” dove insegna Antropologia delle strutture comunicative e Procedimenti traduttivi. In tali contesti, ha partecipato a progetti socio-culturali come:

  • il seminario itinerante “Pier Paolo Pasolini: corpo a corpo con la parola, le immagini, il sacro” [Nota 4]

(2013, in collaborazione con il Centro Studi P.P. Pasolini[16]);

  • “Pasolini e la pedagogia”[Nota 5] (2014, in collaborazione con il Centro Studi P.P. Pasolini[16]);
  • la quarta edizione del premio letterario "Juan Montalvo. Storie, geografie, paesaggi migranti e tutela dell’ambiente”[Nota 6] (2014, organizzato dal Consolato Generale dell’Ecuador a Milano[17]);
  • l’incontro “Crimini contro il γένος. Storia, storie e riflessi mediatici” (2014);
  • la Summer School EXPO 2015 “Turismo locale e Sviluppo Umano” (2015).

È stato anche componente:

  • della giuria del premio istituito dalla Fondazione don Carlo Gnocchi[18] e dalla Biennale di Venezia alla Mostra internazionale di Arte cinematografica sulle opere di valore sociale[Nota 7] (Venezia, 2008);
  • del comitato tecnico-scientifico dell'Istituto nazionale di ricerca delle scienze criminali e della sicurezza (Padova, 2009-2011),

Ha fondato nel 2008 con il giocatore del Milan Kakhaber Kaladze, Luca Serafini e Lorenzo Cipriani la KalaFoundation, Onlus impegnata nell’organizzazione di una rete di assistenza per minori e anziani in difficoltà in Georgia.

Ed è socio fondatore e consigliere:

  • del Centro di etica ambientale Ri-abitare la terra e la città[19];
  • dell'associazione Etica, Sviluppo, Ambiente Adriano Olivetti[20].

«Un altro mondo non solo è possibile, ma ormai è anche necessario e deve svilupparsi all’interno di un modello di civilizzazione in sintonia con l’idea che l’umanità sia strettamente interconnessa con tutte le altre espressioni di vita, animale, vegetale e minerale. Non esiste una gerarchia pre-costituita ma solo una realtà fatta di relazioni fra soggetti equivalenti, tutti allo stesso modo importanti per la continuazione della Vita stessa e bisognosi della medesima cura. Per questo nasce e si sta affermando la cultura dell’etica ambientale: è forse una delle ultime risorse che abbiamo per salvare la terra e consegnarla con dignità ai nuovi locatari delle generazioni future.»

( Daniele Gallo, Fare anima con le cose, in Fare anima con le cose. Viator 2000-2010: dieci anni di editoriali, Gruppo Editoriale Viator, 2010, ISBN 978-88-903872-1-0.)

L’energia della parola, del segno elevato a “strumento per incidere nella società”, che ha accompagnato e permeato i suoi lavori di giornalista ed editore, le sue opere di saggista e docente universitario, lo conducono, nel 2016, ad aderire a un progetto che unisce intento etico-formativo e valorizzazione del processo di apprendimento come mezzo di interazione sociale. È, infatti, insegnante volontario nel scuola di lingua italiana per stranieri Penny Wirton[21], fondata da Eraldo Affinati e Anna Luce Lenzi[22].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991, Studio critico sulla funzione del sindacato in Eduard Bernstein, Edizioni Universitarie, Milano
  • 1997, Commento tecnico al primo convegno sul tema “Evoluzione e sviluppo del diritto sportivo”, in collaborazione con David Messina, Milano
  • 2008, Totò, vita e arte di un genio, con E. Capecelatro[23], Gruppo Editoriale Viator - Fondazione Ente dello spettacolo[24], Milano, ISBN 9788890387203 (introduzione di Dario E. Viganò)
  • 2010, Fare anima con le cose. Viator 2000-2010: dieci anni di editoriali, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788890387210 (prefazione di Don Angelo Casati, note introduttive di Bruno Milone e illustrazioni di Adelchi Galloni[25])
  • 2010 Eduardo, la magia del teatro, con E. Capecelatro[23], Gruppo Editoriale Viator - Fondazione Ente dello spettacolo[24], Milano, ISBN 9788890387234 (introduzione di Dario E. Viganò)
  • 2011, Informazione e verità. Far conoscere per riconoscere, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813065 (prefazione di Leonardo Coen)
  • 2012, Elementi di letteratura italiana: il Neorealismo del Novecento fra guerra e dopoguerra, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813355
  • 2012, Elementi di teoria e tecnica della traduzione letteraria, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813379
  • 2012, Elementi di linguistica italiana, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813348
  • 2012, Il crimine tra realtà e finzione. Due suggestioni teatrali: Agatha Christie e Bertolt Brecht, con M. Bellussi[26], Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813362
  • 2013, Tradurre e non tradire. L’esempio biblico del vertere di Erri De Luca, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813713
  • 2013, Il crimine e la detection nella letteratura. I casi di Jules Maigret e Arthur Jelling, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813782
  • 2014, Elementi di letteratura italiana: il Neorealismo del Novecento fra guerra e dopoguerra, Gruppo Editoriale Viator, Milano, Edizione aggiornata, ISBN 9788896813775
  • 2014, Pier Paolo Pasolini: sulle tracce del Sacro, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813799 (prefazione di Angela Felice[27])
  • 2015, Elementi di teoria e tecnica della scrittura, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813898
  • 2015, Pasolini e la pedagogia: snodi personali e relazionali con Don Lorenzo Milani e Padre David Maria Turoldo, in A. Felice, Pasolini e la pedagogia, Marsilio Editore, Venezia, ISBN 9788831723527
  • 2016, La narrativa neorealista, autori, brani antologici, documenti, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788896813997
  • 2018, Psico-sociologia dell'atto comunicativo, Gruppo Editoriale Viator, Milano, ISBN 9788885805088

Opere in uscita[modifica | modifica wikitesto]

  • Per sola grazia: Teologia della gratuità, Servitium, Sotto il Monte (BG) (in ricordo di don Luisito Bianchi)
  • Il profumo del basilico, Gruppo Editoriale Viator, Milano (in collaborazione con il musicista e ricercatore cretese Stelios Lainakis e il musicologo Vladimiro Cantaluppi, in ricordo dell’etnomusicologo italiano Roberto Leydi)
  • Dove il colore è nero, dove il numero è zero', Gruppo Editoriale Viator, Milano (sulla poetica musicale di Bob Dylan)

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

  • Prefazione a Émile Zola, Il Sogno. Fiaba d’amore all’ombra di una cattedrale, Gruppo Editoriale Viator, Milano 2011, ISBN 9788896813096
  • Nota ad AAVV (G. Bellussi, M. Ceruti, P. Leon, C. Maruzzi, M. Monzani[28], G.P. Schiesaro, M. Tettamanti[29], L’umanità vittima dei crimini ambientali. Danno, percezioni, rimedi, Gruppo Editoriale Viator, Milano 2011, ISBN 9788896813515 (introduzione di Luciano Valle[30])
  • Appendice a G. Bellussi, Latitudo. La prospettiva di un laboratorio scientifico e di una ecclesia, Gruppo Editoriale Viator, Milano 2015, ISBN 9788896813928

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tra gli editoriali di Oggi Milan e del Programma Ufficiale delle partite di Champions League: Daniele Gallo, “Nel segno della tradizione”, nel Programma Ufficiale dell’8 settembre 1991 autorizzato da Milan; Daniele Gallo, “UEFA CHAMPIONS LEAGUE – Uno spettacolo di alta classe”, nel Programma Ufficiale del 23 novembre 1994 realizzato con il patrocinio dell’UEFA e del Milan
  2. ^ Tra gli articoli pubblicati su Servitium - Quaderni di ricerca spirituale: Daniele Gallo, La via humilitatis: opportunità per la Chiesa di ogni tempo, con una riflessione in ricordo di don Tonino Bello «eccelso interprete della chiesa umile».
  3. ^ Tra le interviste a Daniele Gallo: LA NONVIOLENZA OGGI IN ITALIA. PAOLO ARENA E MARCO GRAZIOTTI INTERVISTANO DANIELE GALLO, su nodi.peacelink.net.
    VERSO LA MARCIA PERUGIA-ASSISI. SETTE DOMANDE A DANIELE GALLO, su lists.peacelink.it. .
  4. ^ Seminario itinerante “Pier Paolo Pasolini: corpo a corpo con la parola, le immagini, il sacro”. Campus CIELS, Accademia di Brera e Casarsa della Delizia: A Casarsa. Pier Paolo Pasolini: corpo a corpo con la parola, le immagini, il sacro, su pasolinipuntonet.blogspot.it.; Corpo a corpo con la parola, le immagini, il sacro, su accademiadibrera.milano.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2016).; “Che cosa sono le nuvole?”. Un’analisi di Daniele Gallo, su centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it.; Pier Paolo Pasolini: corpo a corpo con la parola, le immagini, il sacro, su centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it. .
  5. ^ Seminario “Pasolini e la pedagogia. La presentazione al Centro Studi casarsese”, su centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it. .
  6. ^ Premio di poesia “JUAN Montalvo”, L’eco di Bergamo, 31 agosto 2014, su ecodibergamo.it.
  7. ^ “Cinema solidale. Fondazione Don Gnocchi e Biennale di Venezia istituiscono un premio da destinare al film che ‘meglio di altri affronti i temi del diritto del malato e della sua dignità’ ”, su cinematografo.it. .

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bianca Beccalli
  2. ^ Gian Luigi Ponti
  3. ^ Luca Serafini
  4. ^ Giovanni Guardalà, su sport.sky.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2014).
  5. ^ Viator
  6. ^ Don Alberto Vitali Archiviato il 12 ottobre 2016 in Internet Archive.
  7. ^ Servitium
  8. ^ Gruppo Viator
  9. ^ Badandum
  10. ^ Centro Studi Cure Domiciliari, su cscd.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2016).
  11. ^ Fondazione Movimento Bambino
  12. ^ LINK-Italia (PDF), su cdt.ch. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2016).
  13. ^ Servitium
  14. ^ Carlo Bo, Letteratura come vita, 1938.
  15. ^ CIELS
  16. ^ a b Centro Studi P.P. Pasolini
  17. ^ Consolato Generale dell’Ecuador a Milano
  18. ^ Fondazione don Carlo Gnocchi
  19. ^ Centro di etica ambientale Ri-abitare la terra e la città
  20. ^ Associazione Etica, Sviluppo, Ambiente Adriano Olivetti, su educazionesostenibile.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2016).
  21. ^ Scuola di lingua italiana per stranieri Penny Wirton
  22. ^ Anna Luce Lenzi
  23. ^ a b Edmondo Capecelatro, su associazionewelcome.org. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  24. ^ a b Fondazione Ente dello spettacolo
  25. ^ Adelchi Galloni
  26. ^ Marco Bellussi
  27. ^ Angela Felice
  28. ^ Master universitario Criminologia, su criminologiapsicologiagiuridica.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2016).
  29. ^ Fondazione Tettamanti, su fondazionetettamanti.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2016).
  30. ^ Luciano Valle, su ibisedizioni.it. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90580096 · ISNI (EN0000 0001 0803 1571 · SBN IT\ICCU\SBNV\031544 · LCCN (ENno2009097858 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009097858
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie