Claudio Borghi (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Claudio Borghi Aquilini)
Jump to navigation Jump to search
Claudio Borghi
Claudio Borghi daticamera 2018.jpg

Presidente della 5ª Commissione Bilancio della Camera dei Deputati
In carica
Inizio mandato 21 giugno 2018
Predecessore Francesco Boccia

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Toscana
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Laurea in Scienze Economiche e Bancarie
Università Università Cattolica del Sacro Cuore

Claudio Borghi, noto anche come Claudio Borghi Aquilini (Milano, 6 giugno 1970), è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano, residente a Milano.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato sin da ragazzo nel campo dei mercati finanziari, iniziando la sua carriera a 19 anni presso uno studio di agenti di cambio di Milano per poi passare in Deutsche Bank, poi a Merrill Lynch e tornando quindi in Deutsche Bank dove raggiunge il massimo grado di dirigenza venendo nominato Managing Director nel 2006[1]. Come studente lavoratore si è laureato a trent'anni[2] in Scienze Economiche e Bancarie con 110 e lode, frequentando di sera l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e vincendo il Premio Agostino Gemelli come migliore laureato del suo corso di laurea[1].

Nel 2009 si ritira dal lavoro nei mercati finanziari dedicandosi all'insegnamento, come docente a contratto di Economia degli intermediari finanziari, Economia delle aziende di credito ed Economia dell'Arte presso l'Università Cattolica. Ha insegnato in corsi master presso la LUISS di Roma e lo IED di Venezia. Giornalista pubblicista dal 2010, è stato per anni editorialista economico per Il Giornale. Nel 2011 è stato tra i promotori di ShTArt - Manifesto del collezionismo 2.0[3] e nel 2013 ha pubblicato il libro Investire nell'arte, edito da Sperling & Kupfer. Insieme ad Alberto Bagnai, è diventato uno dei più noti esponenti italiani anti-euro. Dopo un iniziale avvicinamento al Movimento 5 Stelle, scrive nel 2014 per conto della Lega Nord e Matteo Salvini un manuale intitolato Basta Euro[4].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni europee del 2014[modifica | modifica wikitesto]

In occasione delle elezioni europee del 2014, viene candidato dalla Lega al Parlamento europeo, ottenendo 13 255 preferenze in Italia nord-occidentale[5] e 2 866 preferenze in Italia centrale,[5] non risultando eletto in nessuna delle due circoscrizioni. Nell'ottobre 2014 viene nominato responsabile economico del partito e abbandona quindi l'attività di insegnamento per dedicarsi a tempo pieno alla politica.

Candidatura alla Presidenza della Regione Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Viene candidato come presidente della Regione Toscana nelle elezioni regionali in Toscana del 2015, sostenuto dalla Lega e da Fratelli d'Italia: ottiene il 20,0%, giungendo secondo dietro a Enrico Rossi e venendo così eletto consigliere regionale.[6]

Il 30 Giugno 2015 viene eletto Portavoce dell'opposizione in Consiglio Regionale[7]

Nel 2016 partecipa come vicepresidente alla commissione d'inchiesta sulla banca Monte dei Paschi di Siena[8]

Elezioni comunali del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 viene eletto Consigliere comunale a Como.[9]

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 si candida alla Camera dei deputati, perdendo nel collegio uninominale di Siena contro il candidato del centrosinistra Pier Carlo Padoan[10][11], ma venendo comunque eletto deputato nel collegio proporzionale Toscana 02[12] e anche nel collegio proporzionale Toscana 04[13].

Dopo le elezioni ha fatto parte del collegio di esperti incaricati di stilare il contratto di governo tra Movimento 5 Stelle e Lega[14]. Nelle fasi che hanno portato alla formazione del Governo Conte, si è detto molto critico nei confronti delle perplessità avanzate dal Presidente della Repubblica Mattarella alla nomina di Paolo Savona, economista noto anche per le sue posizioni contro l'euro, a Ministro dell'Economia, parlando pubblicamente di violazione dei diritti civili[15] poiché sarebbe stato impedito ad un cittadino di diventare ministro per via di una propria idea.

Durante la XVIII legislatura è stato membro della Commissione speciale per l'esame di atti del Governo e della V Commissione (Bilancio, Tesoro e Programmazione) di cui è stato eletto presidente il 21 giugno 2018 con 27 voti su 45.[16][17]

Altre notizie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 ha partecipato alla stesura dello European Solidarity Manifesto, una delle prime proposte pubbliche di segmentazione controllata dell'Eurozona.[18]

Nel 2014 ha pagato una multa di 15.000 euro a fronte di una sanzione ricevuta da parte di Banca d'Italia per "irregolarità consistenti in carenze nell'erogazione e nel controllo del credito". L'illecito amministrativo è stato commesso in qualità di componente del Consiglio di amministrazione di Banca Arner messa sotto ispezione da Bankitalia nel 2013. Il 9 ottobre 2018 la sezione civile dell Cassazione ha respinto il ricorso presentato da Borghi confermando il verdetto della Corte di Appello di Roma del 2015[19].

Nel 2018 è stato reso noto che ha contribuito alla scoperta e all'arresto di una banda di falsari di opere d'arte.[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Webmaster, Consiglio regionale della Toscana, su www.consiglio.regione.toscana.it. URL consultato il 14 luglio 2018.
  2. ^ Cristina Giudici, Metti il Becchi nella Lega, Il Foglio, 7 dicembre 2014.
  3. ^ La community dei collezionisti (PDF), in Il Giornale. URL consultato il 29 marzo 2011.
  4. ^ (IT) Basta Euro Tour - Lega Nord - Salvini Premier, su www.leganord.org. URL consultato il 21 giugno 2018.
  5. ^ a b Europee 25/05/2014 - Circoscrizione I : ITALIA NORD-OCCIDENTALE - LEGA NORD-DIE FREIHEITLICHEN-BASTA EURO, in Archivio Storico delle Elezioni, Ministero dell'Interno. URL consultato il 23 marzo 2018.
  6. ^ Regionali 31/05/2015 - Regione TOSCANA, in Archivio Storico delle Elezioni, Ministero dell'Interno. URL consultato il 23 marzo 2018.
  7. ^ Webmaster, Home-Page Sito Ufficiale del Consiglio regionale della Toscana, regione toscana, regione, toscana, su website. URL consultato il 2 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2013).
  8. ^ Webmaster, Home-Page Sito Ufficiale del Consiglio regionale della Toscana, regione toscana, regione, toscana, su website. URL consultato il 2 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2013).
  9. ^ Marco Romualdi, Como, ecco chi entra in consiglio comunale: tutti i nomi degli eletti, CiaoComo, 26 giugno 2017. URL consultato il 23 marzo 2018.
  10. ^ (IT) SIENA - Camera - Politiche 2018 - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 21 giugno 2018.
  11. ^ (IT) Collegio Uninominale 12 - Siena Risultati Elezioni Politiche 2018 Camera, in Corriere della Sera. URL consultato il 21 giugno 2018.
  12. ^ (IT) Collegio Plurinominale Toscana - 02 Risultati Elezioni Politiche 2018 Camera, in Corriere della Sera. URL consultato il 21 giugno 2018.
  13. ^ (IT) Collegio Plurinominale Toscana - 04 Risultati Elezioni Politiche 2018 Camera, in Corriere della Sera. URL consultato il 21 giugno 2018.
  14. ^ Tavolo Lega-M5s su contratto di governo: forti convergenze su molti temi, in TGLA7. URL consultato il 21 giugno 2018.
  15. ^ Borghi: ho saputo da Mattarella che non posso fare il ministro a causa delle mie idee - Imola Oggi. URL consultato il 21 giugno 2018.
  16. ^ (IT) Le foto di Claudio Borghi alla guida della commissione Bilancio della Camera - Formiche.net, in Formiche.net. URL consultato il 22 giugno 2018.
  17. ^ Commissioni parlamentari, ecco la mappa dei presidenti, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 21 giugno 2018.
  18. ^ (EN) European Solidarity Manifesto, su www.european-solidarity.eu. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  19. ^ (IT) Reuters Editorial, Cassazione conferma sanzione Bankitalia a Borghi per irregolarità..., in IT. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  20. ^ (EN) Il deputato leghista Claudio Borghi sgomina una banda di falsari, in La Verità, 11 aprile 2018. URL consultato il 22 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]