Wedding planner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wedding planner in Cile

L'organizzatore di matrimoni, anche denominato con l'espressione inglese wedding planner, è una figura professionale che presta alle coppie in procinto di sposarsi qualche genere di consulenza rispetto all'organizzazione del giorno delle nozze. Questo genere di attività si è stabilmente affermata negli Stati Uniti d'America e in altre nazioni occidentali.

La figura professionale[modifica | modifica wikitesto]

Dalle parole inglesi wedding, ossia «matrimonio», e planner ossia «pianificatore», si definisce già, almeno in parte, la figura professionale dell'organizzatore di matrimoni: una persona che si occupa di pianificare, personalizzare e amministrare il matrimonio di una coppia, in base alle loro richieste.[1]

L'attività di wedding planner è progressivamente sempre meno legata al sesso dei festeggiati: nei paesi dove è possibile anche solo un'unione civile infatti queste cerimonie possono essere pianificate come quelle dei matrimoni.[2]

Preparazione della tavola a un ricevimento da parte della organizzatrice di matrimoni Giorgia Fantin Borghi.[3]

Nella cultura internazionale l'organizzatore di matrimoni è colui che si occupa potenzialmente di tutti gli aspetti relativi all'organizzazione del matrimonio. Il wedding planner segue la coppia (o le famiglie degli sposi) dal principio fino al termine, e a volte anche oltre, la cerimonia e il ricevimento del matrimonio. Il livello di coinvolgimento può variare a livello logistico dagli aspetti chiave fino a quello di «direttore artistico» della cerimonia e del ricevimento.[4]

Grazie alla sua migliore conoscenza del mercato, incluse le fasce di prezzo, il wedding planner offre, fra gli aspetti chiave, consulenza e coordinamento per l'individuazione, la scelta e la formalizzazione dei contratti con i fornitori di servizi, fra cui ad esempio ambientazione, addobbi floreali, noleggio di autovetture di rappresentanza, servizi fotografici, catering e cake design.[5][6][7] Nel caso specifico del destination wedding planner, ossia di colui che si occupa di gestire l'evento in una località o nazione diversa e lontana da quella di residenza delle coppie, il lavoro include anche ulteriori aspetti logisitici e burocratici.[8]

Il ruolo dell'organizzatore di matrimoni è quindi principalmente quello di sollevare la coppia da questo genere di preoccupazioni dovute alla complessità dei problemi organizzativi o, generalmente, all'inesperienza dei futuri sposi, riducendo allo stesso tempo i rischi di vere e proprie situazioni di stress.[1]

Il mercato[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il Bureau of Labor Statistics ha indicato il settore dell'organizzazione di eventi in netta crescita nel periodo precedente alla pandemia di COVID-19.[9][10]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il fenomeno dei matrimoni di stranieri si è sviluppato a partire dalla fine degli anni '80. La prima società di wedding planning è stata Regency che dalla sua sede di Tokyo nel 1987 per prima ha iniziato a portare in Italia coppie di sposi da tutto il mondo.[senza fonte][5]. Il18 Aprile 1992 ebbe luogo il primo matrimonio giapponese in Italia, a Firenze, progettato ed organizzato da Eiji Horiuchi, un evento che fu inquadrato come un volano interessante di promozione turistica in una città in cui il 20% dei matrimoni all'epoca vedeva protagonisti cittadini stranieri.[11]

Il mercato da allora si è sviluppato enormemente e oggi l'Italia è una delle mete più ambite nel mondo per i matrimoni di cittadini stranieri (destination wedding), soprattutto da paesi anglofoni.[12] Di particolare impatto nel pubblico statunitense è stato il matrimonio a Firenze di Kim Kardashian e Kanye West nel 2014.[13]

Il mercato interno si è invece sviluppato più tardi rispetto a altri paesi, partendo da grandi città come la zona di Milano che già a inizio degli anni 2000 mostravano su questo tema un interesse dei consumatori più solido e radicato rispetto al resto del paese[14]

Il settore dell'organizzazione dei matrimoni e delle imprese collegate (aziende di sartoria, ristorazione, florovivaismo, noleggio, video e foto) aveva raggiunto nel 2019 un giro di affari in Italia di circa 15 miliardi di euro.[8] Il mercato italiano include anche San Marino.[5]

La crisi con la pandemia di COVID-19[modifica | modifica wikitesto]

Con l'emergenza pandemica del COVID-19 la figura del wedding planner ha subito una crisi, e le cerimonie che si sono svolte nel 2020 si sono dovute adattare in vari paesi anche alle norme igieniche più severe.[15][16][17]

L'anno seguente in paesi come Italia o Francia la crisi del settore si è protratta nei mesi primaverili a causa dell'incertezza delle misure e della lentezza delle riaperture.[18][19]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

I migliori organizzatori di matrimoni mondiali vengono premiati ogni anno in una categoria apposita all'interno degli International Bridal Awards organizzati dalla rivista Elle, giunta nel 2020 alla quarta edizione.[20]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Frank Matthée, uno dei wedding planner più famosi in Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Malcovati, p. 20.
  2. ^ a b (DE) Katrin Derler, "Wie ein zweites Coming-out", in Süddeutsche Zeitung, 13 maggio 2013.
  3. ^ Giovanni Battista Sparacio, Wedding planner: intervista esclusiva alle cinque top organizzatrici di matrimoni interpreti di spettacolari e speciali set nuziali, in Elle, 2 febbraio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) Meg Keene, WHO IS GOING TO PLAN AND RUN THIS THING?, in A Practical Wedding Planner: A Step-by-Step Guide to Creating the Wedding You Want with the Budget You've Got (without Losing Your Mind in the Process, Hachette UK, ISBN 9780738218434.
  5. ^ a b c San Marino capitale dei matrimoni con “Master Wedding Planner” di San Marino, in San Marino RTV, 9 ottobre 2019. URL consultato il 6 maggio 2021..
  6. ^ Malcovati, pp. 93-94.
  7. ^ Barretta, 4. Come crearsi il proprio patrimonio professionale.
  8. ^ a b Simone Fanti, Professione Wedding planner, arriva “la certificazione” e il master. Ecco i più cercati dalle star, in Io Donna, 7 agosto 2020. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  9. ^ Thinking of Starting a Wedding Planning Business? 6 Things to Keep in Mind, su bls.gov, Bureau of Labor Statistics. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  10. ^ Charles Tran, Meeting, Convention, and Event Planners, Huffington Post, 16 febbraio. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  11. ^ Antonio Madia, COPPIE GIAPPONESI IN FILA PER SPOSARSI A FIRENZE, La Repubblica, 18 aprile 1992.
  12. ^ Barretta, p. 139.
  13. ^ a b (EN) Sara Kitnick e Lindsey Sirera, 5 Things You Need to Know When Planning an Italian Wedding, E!, 10 giugno 2014. URL consultato il 6 maggio 2021.
  14. ^ Malcovati, p. 19.
  15. ^ L’industria del Wedding insieme per ripartire in sicurezza, ANSA, 11 gennaio 2021. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  16. ^ Giovanni Battista Sparacio, Matrimoni da ri-fare o di come post coronavirus anche sposarsi non sia più lo stesso (eppure bellissimo), in Elle, 29 giugno 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  17. ^ (EN) The Brides Best Wedding Planners in America, Brides, 21 dicembre 2020. URL consultato l'8 maggio 2021.
  18. ^ a b Giovanni Battista Sparacio, Matrimoni cancellati o ancora rimandati. Enzo Miccio denuncia questa insostenibile incertezza per il settore wedding, in Elle, 20 aprile 2021. URL consultato il 21 aprile 2021..
  19. ^ (FR) Agnès Leclair, Les mariages de nouveau menacés par la crise sanitaire, Le Figaro, 24 marzo 2021. URL consultato il 10 maggio 2021.
  20. ^ Giovanni Battista Sparacio, I vincitori della quarta edizione degli Elle International Bridal Awards sono qui, in Elle, 21 settembre 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  21. ^ (EN) Paula Marantz Cohen, What Have Clothes Got to Do with It? Romantic Comedy and the Female Gaze, in Southwest Review, vol. 95, n. 1/2, Southern Methodist University, 2010, pp. 78-88.
  22. ^ Francis X. Rocca, In Search of Happily Ever After, su wsj.com, 20 Maggio 2011.
  23. ^ Marnie Hunter, Hit the road to cut wedding stress, su edition.cnn.com, 5 Maggio 2006.
  24. ^ (EN) The Wedding Planner, in Poetry, vol. 209, n. 5, febbraio 2017, p. 463.
  25. ^ Roberta Cecchi, Enzo Miccio, chi è il wedding planner super agguerrito di Pechino Express che punta alla vittoria insieme a Caro, in Cosmopolitan, 31 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  26. ^ Corinna Siebert, Mit Tempo in die modernen Zeite, in Unheilig: Der Graf - Geboren um zu singen. Die inoffizielle Biografie, HEEL Verlag, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]