Clara Bow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Eravamo unici. Facevamo ciò che volevamo. Stavamo svegli fino a notte fonda e ci vestivamo come più ci piaceva. Percorrevo Sunset Boulevard sulla mia Kissell decapottabile con parecchi Chow Chow rossi che si abbinavano al colore dei miei capelli. Al giorno d’ oggi si sta molto più attenti allo stile di vita e si salvaguarda la salute. Ma noi ci divertivamo decisamente di più.»

(Clara Bow)
Clara Bow nel 1932

Clara Bow, nata Clara Gordon Bow, (Brooklyn, 29 luglio 1905Los Angeles, 27 settembre 1965), è stata un'attrice statunitense. Avendo partecipato a 46 film muti e 11 film sonori, ed essendo una delle dive più famose dell'età del jazz, diventò un'icona del cinema, ma soprattutto degli anni ruggenti, diventandone la sex symbol più rappresentativa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice simbolo dell'"età del jazz", Clara Bow crebbe in una zona malfamata di Brooklyn, New York, in un ambiente familiare tutt'altro che sereno, con la madre schizofrenica (tentò di tagliarle la gola quando entrò nel mondo dello spettacolo) e il padre disagiato e violento che abusava sessualmente di lei.[1][2] Il suo anno di nascita non è mai stato certo, il più accreditato è il 1905, anche se sulla sua lapide è inciso il 1907[3]. Quando Clara aveva 16 anni, la madre cadde dalla finestra. La conseguenza fu un trauma alla testa che la portò ad avere delle psicosi a causa dell’epilessia.[4]

I suoi capelli rossi, la famosa bocca a cuore e il portamento alla recitazione la portarono a sedici anni a vincere un concorso di bellezza istituito dalla rivista Motion Picture Classic[5] e le si aprirono così le porte del cinema. Nel 1924 vinse l'edizione di quell'anno del premio WAMPAS Baby Stars, un'iniziativa pubblicitaria promossa negli Stati Uniti dalla Western Association of Motion Picture Advertisers, che premiava ogni anno tredici ragazze giudicate pronte ad iniziare una brillante carriera nel cinema.

Scritturata dalla Famous Players-Lasky Corporation (la futura Paramount), nei primi anni venti l'attrice prese parte ad una serie di commedie; ma sarà grazie all'interpretazione della vivace commessa che seduce il suo datore di lavoro nel film sentimentale Cosetta che ella diventerà una star, introducendo il personaggio della flapper, la "maschietta" più famosa dei ruggenti anni venti. Il film, datato 1927 e tratto da un romanzo della scrittrice Elinor Glyn che lo produsse insieme al regista Clarence G. Badger, diventò un vero caso, lanciando la moda dell'It che in Italia verrà tradotto con quel certo non so che. La performance di Clara Bow ottenne grande successo e il film la lanciò come sex-symbol. Il pubblico si innamorò di lei[6].

Nello stesso anno, Clara è la donna teneramente innamorata del prestante aviatore Charles 'Buddy' Rogers nel drammatico Ali (Wings) di William A. Wellman, film che si guadagnò due premi Oscar, uno in migliori effetti tecnici e un altro in miglior produzione. Ormai era una stella: riceveva 45.000 lettere alla settimana dai suoi fans[6]. Proprio all'apice della sua carriera, l'attrice venne travolta da uno scandalo: la sua segretaria e amica, Daisy De Voe, vendette ad un giornale il diario dell'attrice, in cui erano riportati dettagli della sua vita sessuale[6]. L'avvento del sonoro poi fece il resto: la sua voce venne considerata poco fonogenica. Nel 1933 Clara Bow si ritirò dal cinema. Nel '31, intanto, aveva sposato l'attore Rex Bell, da cui avrebbe avuto due figli. Negli anni seguenti, le condizioni mentali dell'attrice si fecero via via più instabili, tanto che passò parecchio tempo ricoverata in diverse case di cura. Morì a causa di un attacco di cuore nel settembre del 1965, all'età di sessant'anni.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il personaggio di Betty Boop venne ispirato grazie all'immagine di Clara Bow.
  • La massa di capelli arruffati era una delle sue caratteristiche più famose: quando i suoi fan scoprirono che utilizzava la Lawsonia inermis, comunemente conosciuta come "henné", le vendite della tintura si moltiplicarono.
  • Durante la sua carriera, fu oggetto di voci selvagge sulla sua vita sessuale; la maggior parte erano false. In particolare, un tabloid del 1931 chiamato "The Coast Reporter", pubblicò miserabili accuse, accusandola appunto di esibizionismo, incesto, bestialità, lesbismo, tossicodipendenza, alcolismo e persino di aver contratto una malattia venerea. Fortunatamente, gli agenti federali arrestarono l'editore del tabloid, condannandolo ad otto anni di galera.
  • Il personaggio principale del film The Artist è ispirato a Clara Bow.
  • Venne menzionata nella "Condition Of The Heart" dell'album Around the World in a Day di Prince.
  • Fu il soggetto principale della canzone "Clara Bow" del gruppo pop indipendente The Cleaners From Venus, capitanato da Martin Newell.
  • Nel luglio del 2016 è stato annunciato, tramite la rivista Variety, che la Silver Bullet Entertainment e la MJW Media stanno producendo un film basato sulla sua biografia, chiamato "Clara Bow: Runnin' Wild".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Clara Bow nel film Hula
  • All’epoca dell’uscita originale del film "Ali", la censura hollywoodiana non era ancora attiva, ed entrò in vigore nel 1930 e quindi il film non venne mai sottoposto a tagli: nel 2012, grazie al film "The Artist", quale ha riportato in auge la figura dell'attrice, ha fatto scandalizzare una scena del film originale dove vi è un seno scoperto della Bow, e quindi esso è stato sottoposto ad una "mini-censura".[7]
  • L'esordio di Clara nel cinema sonoro non fu dei più entusiasmanti. Il film in questione, “The Wild Party”, prevedeva nella prima scena la Bow fare il suo ingresso nel dormitorio di un college femminile, e salutare con un: ”Ciao gente!”. Il tecnico del missaggio non era però a conoscenza del portentoso e tonante accento brooklynese della Bow, gli strumenti non erano stati regolati di conseguenza e la battuta di ingresso di Clara fece saltare le valvole della sala di registrazione[8].
  • Ha avuto due figli: Rex Bell Jr., nato il 16 dicembre 1934 e morto l'8 luglio 2011, e George Beldam Jr., nato nel 1938.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni venti[modifica | modifica wikitesto]

Anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

Film e documentari su Clara Bow[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The "It" Girl: The Incredible Story Of Clara Bow, di Joe Morella ed Edward Epstein (1976)
  • Clara Bow: Runnin' Wild, di David Stenn (1988)
  • "Il Cinema - Grande Storia Illustrata", Istituto Geografico De Agostini, Novara - 9° volume (1981)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le biografie delle Star di Hollywood - ciakhollywood.com
  2. ^ Clara Bow - La flapper. liberaeva.com
  3. ^ femaleworld.it, https://www.femaleworld.it/clara-bow-diva-e-donna/.
  4. ^ [Quando Clara aveva 16 anni, la madre cadde dalla finestra. La conseguenza fu un trauma alla testa che la portò ad avere delle psicosi a causa dell’epilessia. Quando Clara aveva 16 anni, la madre cadde dalla finestra. La conseguenza fu un trauma alla testa che la portò ad avere delle psicosi a causa dell’epilessia.].
  5. ^ La giuria era costituita da tre noti pittori e illustratori, Harrison Fisher, Howard Chandler Christy e Neysa McMein
  6. ^ a b c "Il Cinema - Grande Storia Illustrata"
  7. ^ femaleworld.it, https://www.femaleworld.it/clara-bow-diva-e-donna/.
  8. ^ femaleworld.it, https://www.femaleworld.it/clara-bow-diva-e-donna/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27327590 · ISNI (EN0000 0000 8106 4567 · LCCN (ENn87914340 · GND (DE118877291 · BNF (FRcb146598485 (data) · ULAN (EN500335876