Castiglione Vara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castiglione Vara
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Liguria.svg Liguria
ProvinciaProvincia della Spezia-Stemma.svg La Spezia
ComuneBeverino-Stemma.png Beverino
Territorio
Coordinate44°12′10.6″N 9°49′04.35″E / 44.202944°N 9.817875°E44.202944; 9.817875 (Castiglione Vara)Coordinate: 44°12′10.6″N 9°49′04.35″E / 44.202944°N 9.817875°E44.202944; 9.817875 (Castiglione Vara)
Altitudine196 m s.l.m.
Abitanti111
Altre informazioni
Cod. postale19020
Prefisso0187
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticastiglionesi
Patronosant'Anna
Giorno festivo26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglione Vara
Castiglione Vara

Castiglione Vara è una frazione di 111 abitanti del comune di Beverino, in provincia della Spezia. Distante circa 6 km dal capoluogo comunale di Padivarma, il borgo è posizionato a 196 m s.l.m. Fanno parte del territorio frazionario anche le località di Gambella e di San Remigio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime testimonianze storiche attestano il possedimento di Castiglione Vara nelle mani degli Estensi[1] e, successivamente, dominio feudale dei marchesi Malaspina[1]. Passato nelle proprietà terriere della diocesi di Luni[1], fu il vescovo lunense Guglielmo a cedere il feudo a Nicolò Fieschi nel corso del 1253[1]. Fu quest'ultimo a cedere il territorio di Castiglione Vara alla Repubblica di Genova in un periodo intorno al 1276[1] e quindi seguire le sorti genovesi fino alla dominazione napoleonica di fine Settecento.

Dal 2 dicembre 1797 la municipalità di Castiglione Vara fu inserita nel Dipartimento del Golfo di Venere, con capoluogo La Spezia, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile 1798 rientrò nel V cantone, con capoluogo Beverino, della Giurisdizione di Golfo di Venere. Dal 1803 fu uno dei centri principali del III cantone del Golfo di Venere nella Giurisdizione del Golfo di Venere e, con l'annessione nel Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 inserito nel Dipartimento degli Appennini.

Con l'ingresso nel Regno di Sardegna, dal 1815, probabilmente l'allora municipalità di Castiglione Vara fu soppressa e aggregata al comune sparso di Beverino seguendone le sorti storiche. Analogamente ad altri omonimi centri e località del neo costituito Regno d'Italia dovrebbe risalire al 1863, per regio decreto, il cambio di denominazione con l'aggiunta del termine "Vara" al toponimo originario.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Remigio Vescovo. L'edificio fu eretto nel XVI secolo[1] ed in un'epoca successiva, non ben precisata, le fu aggiunta una navata[1].
  • Chiesa di Sant'Anna, edificata sulle fondamenta del medievale castello.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Castiglione Vara. Già citato nel XIII secolo[1], il castello e il suo castellano (Bernabò[1]) sono documentati nel 1321[1] dal vescovo di Luni quale interlocutore in merito ai dissidi nati tra la diocesi lunense e i cittadini di Sarzana per alcuni beni del vescovo. In seguito abbandonato e forse in rovina, dalle fondamenta del castello sorse l'attuale chiesa di Sant'Anna[1].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Fonte dal sito del Comune di Beverino-Castiglione Vara [collegamento interrotto], su comunedibeverino.gov.it. URL consultato il 18-09-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]