Carmen Maura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmen Maura.

Carmen García Maura (Madrid, 15 settembre 1945) è un'attrice spagnola, considerata una delle muse del regista Pedro Almodóvar insieme a Penélope Cruz, Marisa Paredes, Cecilia Roth, Rossy de Palma e Victoria Abril.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia aristocratica, discendente dello statista Antonio Maura Montaner, iniziò la sua carriera professionale come direttrice di una galleria d'arte. Approdò al cinema nel 1969, interpretando una parte nel film El Espíritu, diretto dall'attore e regista Juan Tamariz. Da allora ha recitato in oltre cento pellicole, in varie opere teatrali e in una decina di produzioni televisive.

La sua prima importante interpretazione fu nel film Tigri di carta (1977) del regista madrileno Fernando Colomo, ma la vera consacrazione arrivò quando fu scoperta e scelta da Pedro Almodóvar per interpretare il ruolo di Pepi nel primo film del regista, Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio (1980). Da allora ha iniziato una prolifica unione artistica con il regista Pedro Almodóvar, interpretando spesso il ruolo dell'attrice protagonista, recitando nei film L'indiscreto fascino del peccato, Che ho fatto io per meritare questo?, Matador, La legge del desiderio, Donne sull'orlo di una crisi di nervi.

Quest'ultima pellicola, che consacrò Almodóvar come regista di livello internazionale, regalandogli un grande successo di pubblico e di critica anche in Italia, anche se segnò un momento di crisi nel rapporto di fiducia e stima professionale fra Carmen Maura e il regista, che sarebbe poi rifiorito quando Carmen interpretò il ruolo di nonna Irene nel capolavoro Volvér. Negli anni che seguirono Carmen Maura continuò la sua intensa attività di attrice, lavorando sotto la direzione di registi di primo livello come Carlos Saura (Ay, Carmela!), Álex de la Iglesia (La comunidad - Intrigo all'ultimo piano, 800 Balas) Mario Camus (Sombras en una Batalla), Alejandro Agresti (Valentín), Amos Gitai (Free Zone).

Nel 2006 è stata di nuovo chiamata da Pedro Almodóvar per recitare la parte della "nonna fantasma" Irene, nell'ultimo film del regista di Calzada de Calatrava, Volver. L'ultima interpretazione da protagonista di Carmen Maura, ad oggi, è nel film La madre (2014), di Angelo Maresca, ha preso parte in seguito a diverse produzioni, anche non spagnole, in ruoli minori. Nella sua lunga attività, ha ricevuto per ben quattro volte il Premio Goya. Il primo nel 1989 per Donne sull'orlo di una crisi di nervi, il secondo nel 1991 per ¡Ay, Carmela!, il terzo nel 2001 per La comunidad - Intrigo all'ultimo piano; questi come miglior attrice protagonista. Il quarto nel 2007 per Volver, invece, lo vinse come miglior attrice non protagonista.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua carriera ha lavorato molto anche per la televisione in diversi sceneggiati o fiction. Ha alternato ruoli di protagonista di biografie come Cervantes, di adattamenti letterari come Arroz y tartana dal romanzo di Vicente Blasco Ibáñez, di serie drammatiche come Circulo rojo, trasmessa da Antena 3, e di film brillanti come Las chicas de oro o l'ultimo suo lavoro Stamos Okupa2, entrambe trasmesse dalla televisione pubblica spagnola RTVE.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Premio Goya
Anno Titolo Categoria Risultato
1989 Donne sull'orlo di una crisi di nervi Migliore attrice protagonista Vinto
1991 ¡Ay, Carmela! Migliore attrice protagonista Vinto
1994 Sombras en una batalla Migliore attrice protagonista Candidatura
2000 Lisboa Migliore attrice protagonista Candidatura
2001 La comunidad - Intrigo all'ultimo piano Migliore attrice protagonista Vinto
2007 Volver Migliore attrice non protagonista Vinto
European Film Awards
Anno Titolo Categoria Risultato
1988 Donne sull'orlo di una crisi di nervi Miglior attrice Vinto
1990 ¡Ay, Carmela! Miglior attrice Vinto
2001 La comunidad - Intrigo all'ultimo piano Premio del pubblico - Miglior attrice Candidatura

Nel 2011 riceve assieme all'attore Jean Reno il Prix Diálogo de la Asociación de Amistad Hispano-Francesa quale riconoscimento del loro contributo nell'ambito culturale e cinematografico. Ha anche una stella nel Paseo de la Fama de Madrid.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
— 9 ottobre 2015[1]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordre des Arts et des Lettres
— 1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Carmen Maura, su Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Controllo di autorità VIAF: (EN81627236 · LCCN: (ENn94091716 · ISNI: (EN0000 0001 2282 3831 · GND: (DE137435487 · BNF: (FRcb14018906d (data) · NLA: (EN35414371